domenica 30 novembre 2008

San Lorenzo fuori le Mura oggi ha accolto Papa Ratzinger (Rocchi)


Vedi anche:

Il Papa all'Angelus: "Dio ci dona il suo tempo, perché è entrato nella storia con la sua parola e le sue opere di salvezza, per aprirla all’eterno, per farla diventare storia di alleanza"

Papa: Orrore per insensata violenza a Mumbai e in Nigeria

Il Papa in visita a San Lorenzo fuori le Mura: "San Lorenzo ci ripete che la santità, cioè l’andare incontro a Cristo che viene continuamente a visitarci, non passa di moda, anzi, col trascorrere del tempo, risplende in modo luminoso e manifesta la perenne tensione dell’uomo verso Dio"

Il Papa ricorda De Gasperi e Pio XII

Khaled Fouad Allam: "Le religioni e il destino del mondo" (Osservatore Romano)

Papa Benedetto sta insegnando la laicità ai laici e finemente ed efficacemente spiazza i laicisti di Micromega (Iannuzzi)

«Paolo VI, un Papa incompreso: non era freddo ma un vero intellettuale» (Scotti)

Il Papa: "L’Avvento è per eccellenza la stagione spirituale della speranza, e in esso la Chiesa intera è chiamata a diventare speranza, per se stessa e per il mondo" (Omelia in occasione dei Vespri della Prima Domenica di Avvento)

Domani, a San Lorenzo, il Papa ricorderà De Gasperi e la veste insanguinata di Pio XII (Izzo)

Apertura e ragione: Giovanni Maria Vian commenta la lettera del Papa a Marcello Pera (Osservatore Romano)

Domani il Papa visiterà la Basilica di San Lorenzo fuori le mura. Anno laurenziano, un percorso di rinnovamento (Osservatore Romano)

A colloquio con il nuovo comandante della Guardia Svizzera Pontificia Daniel Rudolf Anrig (Osservatore Romano)

Benedetto XVI ai seminaristi: spargete a larghe mani la Parola in un mondo che ritiene ininfluente la presenza di Dio (Radio Vaticana)

Il Papa ai Seminaristi: "L’uomo del terzo millennio, come del resto in ogni epoca, ha bisogno di Dio e lo cerca talora anche senza rendersene conto"

La visita pastorale del Papa alla Parrocchia romana di San Lorenzo fuori le Mura (Radio Vaticana)

Il Papa celebra i Primi Vespri d'Avvento. Mons. Forte: un tempo per riscoprire che la speranza non è qualcosa ma Qualcuno (Radio Vaticana)

Mons. Fisichella: Diritti umani e diritto naturale. La lezione di re Mida (Osservatore Romano)

Il cuore «verde» della Santa Sede. La responsabilità di proteggere l'ambiente (Osservatore Romano)

A maggio il Papa andrà in Israele (Politi)

Sincretismo e relativismo, Messori: "Ad Assisi "sacrificavano" anche i polli". Le riserve di Ratzinger limitarono i danni (Stampa 2005)

Lettera-prefazione del Papa al libro di Marcello Pera: La fede non si può mettere tra parentesi. Urge il dialogo interculturale

Roma San Lorenzo fuori le Mura oggi accoglie Ratzinger

L’evento di stamani, culmine delle iniziative per il 1750° del martirio del diacono Il Papa celebrerà la Messa nella comunità parrocchiale affidata ai Cappuccini e pregherà davanti alle tombe di Pio IX e De Gasperi

DA ROMA GIULIA ROCCHI

Anno 258: Lorenzo, ar­cidiacono e ammini­­stratore dei beni della Chiesa, rifiuta di consegnare al prefetto imperiale il denaro destinato ai poveri. Il gesto porterà alla sua condanna a morte: verrà martirizzato sul­la graticola, per ordine del­l’imperatore Valeriano. Il suo corpo sarà poi sepolto nell’A­gro Verano. Proprio sulla sua tomba sorge la chiesa di San Lorenzo fuori le Mura che oggi – a conclu­sione delle celebrazioni per i 1750 anni dal martirio del san­to – accoglierà Benedetto XVI. Il Pontefice presiederà la Mes­sa alle 9,45. Si fermerà, inoltre, in raccoglimento davanti al sepolcro dello statista Alcide De Gasperi, nel porticato al­l’ingresso della basilica papa­le, e pregherà davanti alle spo­glie di Pio IX, conservate nella cripta. Daranno il benvenuto a Papa Ratzinger il cardinale A­gostino Vallini, vicario per la diocesi di Roma; il vice geren­te Luigi Moretti, abate com­mendatario di San Lorenzo; il vescovo ausiliare per il Setto­re nord Enzo Dieci; il parroco padre Bruno Mustacchio e di­versi rappresentanti dell’Ordi­ne Francescano dei Frati Mi­nori Cappuccini, a cui è affi­data la parrocchia.
Da mesi i frati si preparano al­l’avvenimento. Al termine del­la celebrazione Benedetto XVI rivolgerà loro un saluto spe­ciale, nel convento attiguo al­la basilica.
«Lo accoglieremo nel Salone Pio IX, rimesso a nuovo per l’occasione – anti­cipa padre Frumenzio De Do­nato, viceparroco e assistente regionale dell’Ordine France­scano Secolare – e gli conse­gneremo i doni che abbiamo preparato per lui: un’icona e una statua d’argento raffigu­rante san Lorenzo » . Ci tengo­no davvero, i cappuccini, al­l’incontro di oggi. Hanno pas­sato giorni frenetici, a pulire e sistemare ogni cosa. « Abbia­mo fatto rimbiancare la sacre­stia e restaurare la cappella del Santissimo » , ricorda il religio­so. Questa mattina tutto è per­fetto, dal giardino all’illumi­nazione delle navate. « Siamo onorati che sia il Santo Padre a concludere l’Anno Lauren­ziano – osserva ancora padre De Donato –. La sua visita ci ha dato lo slancio non solo per rinnovare la nostra chiesa, ma soprattutto per un rinnova­mento spirituale » . Aperto il primo gennaio con una Messa dell’allora cardina­le vicario Camillo Ruini, l’an­no giubilare ha visto pregare sulla tomba di Lorenzo grup­pi provenienti da ogni parte d’Italia e d’Europa, mentre la basilica ha ospitato incontri e conferenze. Impegnati nel­l’organizzazione degli eventi, accanto ai frati, numerosi lai­ci, che si sono riuniti nel Coa­gil, « Comitato organizzatore del giubileo laurenziano». Non un gruppo di parrocchiani ve­ri e propri, perché il territorio di San Lorenzo fuori le Mura – una delle chiese più antiche della capitale, costruita sotto Costantino ed eretta a parroc­chia secoli più tardi, nel 1709 – è limitato al piazzale anti­stante la basilica, e accoglie non più di una decina di fami­glie. Del comitato fanno parte «persone che abitano nelle zo­ne vicine ma che frequentano abitualmente questa parroc­chia » , spiega Loredana Roma­no, responsabile del Coagil e animatrice liturgica. « Per pre­pararci alla visita del nostro Pontefice – racconta – abbia­mo organizzato l’adorazione eucaristica, che si è tenuta o­gni giorno durante la scorsa settimana » .
È emozionato Massimiliano, che fino a ieri ha dato una ma­no a pulire navate e sagrestia. « Collaboro da sempre con la parrocchia – spiega – e per questo considero un onore ri­cevere la vista del Papa. Non è un evento quotidiano, anzi » . Dal Tiburtino arriva Nando, da sempre vicino alla comunità dei frati francescani: « Spero che questo incontro con il Santo Padre ci porti più ani­mazione, più accoglienza e più ascolto » .

© Copyright Avvenire, 30 novembre 2008

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Splendida la basilica di san lorenzo! Si avvicina il mio viaggio a Roma per l'udienza concessa dal papa all'università di Parma di cui io faccio parte. Sono davvero felice anche se partiremo con i pulmann alle 2 di notte.... Sarà comunque una bellissma esperienza. Apppena posso, probabilmente nel prossimo weekend, scriverò della mia giornata. Buona domenica a tutti! Marco

Raffaella ha detto...

Grazie, Marco :-)
Buon viaggio e buona udienza.
Un abbraccio.

Anonimo ha detto...

la foto molto bella del Papa
http://news..com/nphotos/slideshow/photo//081130/ids_photos_wl/r3221495304.jpg/

Angel

euge ha detto...

Caro Marco sono sicura che sarà tanto l'entusiasmo che la stanchezza ovvia non la sentirai neanche. Spero che Roma ti piaccia!
Vedrai sarà un esperienza indimenticabile.
Facci sapere.

Carla ha detto...

Anch'io mi rallegro con te, ti auguro di tutto cuore di vivere i pienezza questo grande evento! Carla

mariateresa ha detto...

aspettiamo il tuo resoconto, Marco. Sono con te con la preghiera e con il cuore.