mercoledì 19 novembre 2008

Ancora pressioni: gli Ebrei sospendono la collaborazione con la Chiesa Cattolica sulla giornata dell'ebraismo


Vedi anche:

IL PAPA E L'EBRAISMO: LO SPECIALE DEL BLOG

In Vaticano la posta arriva sempre due volte. Posta celere in Vaticano (Osservatore Romano)

A colloquio con Madre Yvonne Reungoat: "Lo stile femminile nel dialogo tra fede e ragione" (Osservatore Romano)

Zio Berlicche scrive a Malacoda: "Lo dicevo io che Concita ha stoffa" (Tempi)

Il Rabbino Laras su Eluana Englaro: "Non sospendere l'alimentazione e l'idratazione"

Inaugurata dal cardinale Bertone la nuova libreria della Editrice vaticana intitolata a Benedetto XVI (Radio Vaticana)

I monasteri nel mondo, tra difficoltà e nuova fioritura. Il cardinale Rodé: evitare il pericolo dell'attivismo (Radio Vaticana)

Anto­nio Baldassarre: "Aberrante se i giudici riscrivono le regole. La sentenza su Eluana contrasta con il codice penale" (Ruggiero)

Accogliere la sfida della vita: così, il cardinale Bagnasco sulla vicenda di Eluana Englaro (Radio Vaticana)

Bergonzoni: vi spiego il mio no al dogmatismo della scienza e del diritto (Il Sussidiario)

E' in uscita il volume "Benedetto XVI e le sue radici. Ciò che ha segnato la sua vita e la sua fede" (Marcianum Press) del Prof. Alfred Läpple, ex docente di Joseph Ratzinger

Un'occasione persa per tacere. Alcune suore vogliono il testamento biologico. Verrà mai il giorno in cui la Chiesa eviterà di farsi del male da sola?

Le foto di Eluana nel lettino? Orrore da talk-show (Solinas)

I giornaloni sono molto cauti sul caso di Eluana. Non parlano di eutanasia ma nel 2005, per Terri Schiavo, il termine proibito venne utilizzato...

All’improvviso moine e inchini. Le parole vere fan paura. Anche a chi come "Repubblica" va di solito pesante (Rondoni)

Ebrei. Sospesa collaborazione con Chiesa su giornata ebraismo

Laras: Dipende da preghiera venerdì santo. Pio XII non c'entra

Roma, 18 nov. (Apcom)

La giornata dell'ebraismo, celebrata dagli ebrei italiani ogni 17 gennaio, non prevede, quest'anno, iniziative comuni con la Chiesa cattolica. Lo rende noto il rabbino Giuseppe Laras, presidente dell'Assemblea rabbinica italiana.
Una "sospensione" della collaborazione, spiega, motivata dall'irrisolta questione della preghiera del venerdì santo che, nonostante la riformulazione voluta dal Papa proprio per andare incontro alla sensibilità ebraica, è finita, invece, col riattizzare le tensioni.
"Quest'anno la giornata dell'ebraismo non verrà fatta insieme, come si è sempre fatto. Ci sarà una sospensione della collaborazione, dato che non è stata ancora risolta la 'vertenza' nata lo scorso febbraio sulla cosiddetta preghiera del venerdì santo", afferma Laras a margine di una tavola rotonda interreligiosa alla Camera dei deputati.
Sul tema, con i vertici della Chiesa cattolica c'è stato un "dialogo", conferma Laras, "ma non si è arrivati a nessun risultato soddisfacente dal nostro punto di vista. Per il momento abbiamo deciso la sospensione, poi nella vita si supera tutto...". Non vi sarà, dunque, una 'giornata della riflessione ebraico-cristiana' targata Cei, ma solamente una giornata dell'ebraismo.
Dopo le critiche ebraiche alla preghiera del venerdì santo tornata in uso con il messale preconciliare liberalizzato da Ratzinger (la cosiddetta messa in latino), la Santa Sede ha deciso di modificarne il testo.
Già Giovanni XXIII, nel 1959, aveva 'ammorbidito' la preghiera, eliminando sia il 'perfidis' attribuito agli ebrei che il successivo riferimento alla "perfidia" giudaica. Ma nella preghiera erano rimasti riferimenti all'"accecamento" e alle "tenebre" del popolo ebraico, eliminati da Ratzinger. La nuova formula di preghiera per gli ebrei, introdotta lo scorso 6 febbraio, invoca Dio perché "illumini" i cuori degli ebrei "perché riconoscano Gesù Cristo salvatore di tutti gli uomini. Dio onnipotente ed eterno, che vuoi che tutti gli uomini si salvino e giungano alla conoscenza della verità - prosegue la nuova preghiera - concedi nella tua bontà che, entrando la pienezza dei popoli nella tua Chiesa, tutto Israele sia salvo. Per Cristo nostro Signore. Amen".
La controversia su Pio XII beato ha influito nella decisione di sospendere la giornata ebraico-cristiana? "Ho detto in passato e ora ribadisco che il problema della beatificazione è interno alla Chiesa e su di esso noi non dobbiamo assolutamente intervenire", risponde Laras. "Però rivendichiamo il diritto di formulare un giudizio storico critico. Si poteva protestare di più (nei confronti dei regimi nazifascisti, ndr.)".

© Copyright Apcom

Sapete che vi dico? Allargo le braccia e pronuncio un sonoro: pazienza!
La Chiesa non puo' vivere sempre sotto pressione per uno o l'altro motivo.
Mi pare che gli sforzi del Papa per portare avanti il dialogo siano lodevoli, ma non possiamo strapparci i capelli se l'altra parte non apprezza.
Da notare che questo atteggiamento si riscontra solo nel mondo ebraico italiano.
Ricordo agli amici Ebrei che per anni la preghiera del Venerdi' Santo e' rimasta in vigore, senza modifiche, grazie all'indulto di Giovanni Paolo II, ma, ALLORA, nessuno ebbe nulla da dire.
Come mai? E' la preghiera che disturba o un Papa in particolare?
Il processo di beatificazione di Pio XII? Inizio' sotto Paolo VI e continuo' sotto il Pontificato di Papa Wojtyla, ma ALLORA le polemiche non era cosi' accese. Come mai?
Da segnalare anche che i giornaloni riportano con molta enfasi questa notizia privilegiando, OVVIAMENTE, la voce ebraica.
Non una parola sulle dichiarazioni di Laras a proposito del "caso" Eluana.
Enno'! Che cosa c'e'? E' politicamentereligiosamentemediaticamente corretto attaccare solo la Chiesa Cattolica?

R.

5 commenti:

mariateresa ha detto...

Cara amica, sono d'accordo con te. Pazienza. Sempre meglio che un incontro con sallamelecchi ipocriti.
Personalmente non credo che il problema sia la preghiera del venerdì santo. penso anche che l'ebraismo italiano sia in una situazione particolare e non delle più esaltanti.
Pazienza e tiremm innanz.

Anonimo ha detto...

Fantastico, siamo arrivati ai dispettucci. Beh, chissenefrega!
Ciao
Alessia

alberto ha detto...

Discutevo con il mio collega in ufficio,e lui mi ha risposto:- ma se gli ebrei stanno sulle scatole a tanta gente, ci sarà un motivo?

euge ha detto...

Questa è l'ennesima prova di quanto in passato lo sbandierato dialogo, forse non c'è mai stato; o per essere più precisi, non c'è stato in maniera seria ed approfondita. In pratica, non si sono mai affrontati i veri problemi i punti di vista che maggiormente creavano divisione; in somma, il solito incontro " alla volemose bene e tiramo a campà" tu stai zitto con me ed io sto zitto con te. E' chiaro che ora, questo tipo di comportamento è venuto fuori al primo p'roblema cioè la beatificazione di Pio XII, un problema peraltro interno alla chiesa e su cui chi fa pressioni continue suol Pontefice, sbaglia e sbaglia di grosso e secondo me di proposito. Che cosa si dovrà fare perchè taluni capiscano che il dialogo non può essere un monologo e che per dialogore bisogna affrontare anche argomenti non del tutto piacevoli e condivisibili alla luce del sole? Se questo non si vuole capire, secondo me non si vuole il dialogo ed allora, anche la tanto criticata e condannata beatificazione di Pio XII diventa un pretesto, per non tendere la mano a colui cioè Benedetto XVI, che ha aperto veramente la chiesa al dialogo con le altre religioni.

Anonimo ha detto...

Questa vicenda dimostra ancora una volta che un conto e' il dialogo tra soggetti che hanno uno spazio nella comunita' civile chiese, religioni ect, e un'altra cosa e' avventurarsi in dialoghi religiosi dove continuamente si lima e rilima la teologia per piacere a terzi....
Sono strade che producono nulla.

Aveva ragione un sacerdote ben preparato sulla questione ebraica: questa riforma scontentera' tutti, tradizionalisti e d ebrei.

Eccoci al dunque.

Rimango fermissimo nella convinzione che anche la salvezza degli ebrei passa per la Croce.

A ognuno di noi e di loro la liberta' di accettarla o rifiutarla.

E credo non esistano due vie di salvezza una per loro e una per noi, come si dice per compiacerli.

Certe situazioni nascono da equivoci continui........

Nulla di nuovo sotto il sole.

Ma a qualcuno interessa ancora la Verita'?????