giovedì 10 dicembre 2009

Vademecum del Vaticano per i sacerdoti-star. “Ricordate: siete preti non tronisti della tv” (Galeazzi)


Vedi anche:

Pedofilia, i vescovi irlandesi si scusano. Voci di dimissioni di alcuni prelati dopo l'incontro con il Papa

Domani i vescovi irlandesi dal Papa per informarlo sugli abusi di alcuni sacerdoti. Incontro voluto da Benedetto XVI in persona (Sir)

Le pressioni di Papa Ratzinger per favorire uno «sviluppo solidale» (bellissimo articolo di Accattoli)

Segnalazione "Nuove Edizioni dei Libri Liturgici per la Forma Straordinaria del Rito Romano (1962)

Discorso del Papa in Piazza di Spagna, presto confronto fra direttori delle reti Rai contro il sensazionalismo (Asca)

Appello del Papa sulla Convenzione contro le mine antipersona (Osservatore Romano via Zenit)

Un mondo d’intolleranza: dilaga la cristianofobia (Geninazzi)

Discorso del Papa in Piazza di Spagna: il commento di Carlo Marroni

Per ridurre il global warming c'è chi pensa alla pianificazione delle nascite (Gianfranco Amato)

Benedetto XVI: tutti possono incontrare Gesù (Zenit)

Lettera del clero cinese: si vive fase di "transizione" tra Cina e Vaticano (Radio Vaticana)

«Ribellione, divisione, dissenso, offesa, anarchia». Il Papa ricorda i venticinque anni dalla condanna della «teologia della liberazione» (Introvigne)

Discorso del Papa in Piazza di Spagna, Marco Tarquinio: "Troppo spesso gonfiano le notizie con gli estrogeni"

Discorso del Papa in Piazza di Spagna: il commento di Giovanni Maria Vian

Il Papa: "Nella città vivono – o sopravvivono – persone invisibili, che ogni tanto balzano in prima pagina o sui teleschermi, e vengono sfruttate fino all’ultimo, finché la notizia e l’immagine attirano l’attenzione. E’ un meccanismo perverso, al quale purtroppo si stenta a resistere. La città prima nasconde e poi espone al pubblico. Senza pietà, o con una falsa pietà. C’è invece in ogni uomo il desiderio di essere accolto come persona e considerato una realtà sacra, perché ogni storia umana è una storia sacra, e richiede il più grande rispetto" (Atto di Venerazione alla Madonna Immacolata)

Le parole del Papa e la difficoltà di cercare il bene comune (Aldo Grasso)

Papa Ratzinger tra i top-20 di Foreign Policy (Missionline)

Anno Sacerdotale, lettera del card. Hummes ai Presbiteri: la preghiera, “cibo essenziale” del sacerdote

Discorso del Papa in Piazza di Spagna: il commento del Prof. Mario Morcellini (Radio Vaticana)

Islam, il card. Bertone ad Al Jazeera: Un augurio di pace e di serena e solidale convivenza per tutti (Asca)

Il Papa all'udienza: "pazienza e benevolenza di Dio verso l'uomo peccatore" (Izzo)

Il Papa all’udienza generale: il ministero petrino è garanzia di fedeltà alla sana dottrina. Nell'Eucaristia Cristo è "realmente presente" (R.V.)

COMUNICATO: ALLACCIAMENTO DELLE RELAZIONI DIPLOMATICHE FRA LA SANTA SEDE E LA FEDERAZIONE RUSSA

Il Papa: L’origine del male è nell’uomo stesso e nell’uso sbagliato della libertà (Sir)

Il Papa: "Anche oggi esiste il pericolo di ridimensionare il realismo eucaristico, considerare, cioè, l’Eucaristia quasi come solo un rito di comunione, di socializzazione, dimenticando troppo facilmente che nell’Eucaristia è presente realmente Cristo risorto - con il suo corpo risorto - il quale si mette nelle nostre mani per tirarci fuori da noi stessi, incorporarci nel suo corpo immortale e guidarci così alla vita nuova" (Catechesi)

Richiamo del Papa ai media ed all'accoglienza (Vecchi)

Discorso del Papa in Piazza di Spagna: il commento di Giacomo Galeazzi

Massimo Gramellini commenta il discorso del Papa: Il bene difficile (La Stampa)

Discorso del Papa, l'autocritica dei direttori: "Osservazioni giuste" (Bruzzone)

Lucia Annunziata commenta le parole del Papa: Il male inevitabile (La Stampa)

Sbattiamo il bene in prima pagina: Gianni Riotta commenta le parole del Papa

Sei cardinali in pensione. Bertone invece resta e prova a rifare la curia (Rodari)

Giuliano Ferrara: Perché si può criticare Tettamanzi senza malizia (Il Foglio)

Amicone a Tettamanzi: La solidarietà banale stanca, quella vera a Milano c’è. Non c’è un’idea forte e viva di Cristo, invece (Il Foglio)

Discorso del Papa in Piazza di Spagna: il commento di Salvatore Izzo

Riceviamo e con grande piacere e gratitudine pubblichiamo:

La religione davanti alle telecamere

Vademecum del Vaticano per i sacerdoti-star

“Ricordate: siete preti non tronisti della tv”

GIACOMO GALEAZZI

CITTA’ DEL VATICANO

«Ha colpito i media il discorso che Benedetto XVI ha pronunciato davanti alla statua dell’Immacolata in piazza di Spagna», si legge nell’editoriale dell’Osservatore Romano di ieri. «Non è facile il rapporto tra il Papa e l’informazione - continua -.
Non lo è mai stato e non lo è in questi tempi». Stop ai preti star in tv. La missione è comunicare Cristo non se stessi».
L’arcivescovo Mauro Piacenza, segretario della congregazione per il Clero detta la linea: «La comunicazione deve favorire la comunione nella Chiesa, altrimenti diventa protagonismo individuale oppure, ed è ancora più grave, introduce divisione. All’evangelizzazione non servono i preti showman che vanno in tv».
Dal seminario «ad hoc» della Pontificia università della Santa Croce esce il «vademecum» per il buon prete della società dei media. «Il sacerdote non deve improvvisare, quando utilizza i mezzi di comunicazione e neppure deve comunicare se stesso, ma 2 mila anni di comunione nella fede, un messaggio che può essere trasmesso solo attraverso la propria esperienza e la vita interiore», spiega Piacenza. La conoscenza del mondo della comunicazione è fondamentale: «Oggi le informazioni arrivano in prevalenza dai media, da Internet, e senza mediazioni e spesso in modo sbilanciato, sproporzionato», perciò «bisogna sparire, perché il messaggio appaia chiaramente».
Tra le nuove regole, non andare in tv per mettersi in mostra e non parlare a nome della Chiesa senza l’autorizzazione del vescovo, studiare almeno mezz’ora al giorno per aggiornarsi sulla teologia e sui temi di attualità vicini alla gente. Nel quotidiano rapporto con i fedeli non farsi guidare da «sciocco sentimentalismo», poi nelle messe le omelie non devono superare i 10-15 minuti né essere lezioni (il loro fine «non è la formazione intellettuale ma la crescita della fede e della morale dei fedeli»). Le prediche possono avere spunti «pop» e citare le parole delle canzoni, ma non vanno scaricate da Internet e copiate da Google.
Se i preti, poi, vanno in tv, sono tenuti a diffondere la verità e comunicare la parola di Dio «senza improvvisazioni e attraverso una preparazione preventiva». Alla messa, le prediche infinite «finiscono per essere noiose e allontanare i fedeli». Nei tempi del Web troppi sacerdoti cadono nella sindrome del «copia-incolla». I sussidi pastorali in Rete vanno bene se usati come aggiornamento, però serve «il giusto equilibrio». L’omelia «deve essere personale, frutto del cuore, non di Google». Se poi in chiesa c’è un pubblico giovane, può essere formativo citare canzoni per contribuire ad ammettere alla comunione di Dio e utilizzare una comunicazione che tiene conto del mondo reale.
Di fronte alle linee-guida vaticane il più popolare prete tv, don Antonio Mazzi commenta: «Non mi sono mai sentito una star. La Chiesa non ha mai avuto paura della tecnologia e non si deve temere di andare in onda. E’ vero che noi preti siamo un po’ fasulli e che abbiamo poca spiritualità. Siamo annunciatori della parola incarnata, ma spesso si va in tv impreparati sui temi, però non si può scappare». E aggiunge: «Già Wojtyla e il cardinale Martini ci hanno insegnato come si usa la tecnologia e neppure Benedetto XVI la rifiuta. C’è stata un’indigestione del mezzo, meglio riscoprire la parola».
Ora, avverte il Vaticano nell’Anno consacrato da Joseph Ratzinger proprio al sacerdozio, è «strategica la formazione, a partire dai seminari per «arrivare anche ai non credenti attraverso mezzi laici». Ma occorre evitare che «chi ascolta la tv abbia una visione ristretta e attribuisca un’autorità esagerata alla voce del singolo prete».
Il sacerdote «deve essere comunicatore senza diventare il centro dell’attenzione». Precisa don John Wauck, docente all’ateneo dell’Opus Dei: «Il prete è un rappresentante della Chiesa, ma non la Chiesa, che è invece più ricca e complessa».

© Copyright La Stampa, 10 dicembre 2009

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Finalmente la Chiesa tenta (secondo me non ci riuscirà, visto i tempi e gli atteggiamenti di non pochi preti conciliari) di mettere ordine nelle apparizioni televisive di alcuni preti affetti da deliri di onnipotenza e da narcisistiche manie di protagonismo.

euge ha detto...

Condivido il tuo post anonimo al 100%............!
Anzi, aggiungo che sarebbe ora anche quando la chiesa è chiamata in qualche trasmissione a difendere il suo punto di vista su temi delicati, di mandare sacerdoti oppure anche laici, che abbiano la giusta preparazione per far fronte a qualsiasi tipo di confronto e che siano ovviamente in linea con il magistero. Ci sono già tanti sacerdoti, vescovi e cardinali in giro che creano confusione nei semplici fedeli con il loro modo di stravedere gli insegnamenti della chiesa; solo per il gusto di vedersi osannati dai giornali oppure ospitati nei Talk show appunto..!

fr. A.R. ha detto...

Vorrei lanciare un ulteriore sasso: se il prete in tv è bene ci vada poco e raramente, sempre ben preparato e mai a spettacoli di puro intrattenimento, sarebbe ancora più importante che non si mettesse in TV nella sua Chiesa. Cosa intendo? Non vi capita di vedere maxischermi o televisioni piazzate nelle aule liturgiche che trasmettono il mezzobusto del prete? Sono una cosa che grida vendetta al cospetto di Dio, il massimo del narcisismo di chi vuole "papeggiare" senza essere il papa.
Non basta più la faccia del prete rivolta "versus populum" ora svariati confratelli, preda del virus dell'apparenza, sono convinti che per essere più vicini ai fedeli, sia bene raggiungerli con la loro gigantografia semovente, cosicchè non si affatichino a vedere ogni loro devota smorfia durante il canone eucaristico!
Abbasso i preti in TV, ma ancor più: giù la TV dall'altare.

euge ha detto...

Non vi capita di vedere maxischermi o televisioni piazzate nelle aule liturgiche che trasmettono il mezzobusto del prete? Sono una cosa che grida vendetta al cospetto di Dio, il massimo del narcisismo di chi vuole "papeggiare" senza essere il papa.

Ancora non mi è capitato ma, nonstante questo, non posso che darti ragione. E' ora che la chiesa ridiventi chiesa e lasci fuori dalle sue mura, se così le possiamo definire, le lusinghe false dei media che spesso sono ancora più falsi.