sabato 5 dicembre 2009

Caso Boffo: l'assordante silenzio di tutti i telegiornali (tranne il Tg3)


Vedi anche:

Caso Boffo e scuse di Feltri, Marco Tarquinio: Un problema enorme resta aperto

Il Papa è nelle classifiche dei più influenti al mondo. Cresce rapidissimamente la sua immagine di innovatore che prima gli veniva negata (Bevilacqua)

Giuliano Ferrara: Se la Chiesa rischia il politicamente corretto (monumentale)

Feltri: su Boffo mi sono sbagliato (Adriano)

Cattolici e Ortodossi uniti ma divisi sui minareti (Rodari)

La responsabilità davanti a Dio è decisiva per il retto agire politico: così il Papa al concerto per i 20 anni dalla caduta del Muro di Berlino (R.V.)

Feltri s'inchina a Boffo. E accusa chi gli passò carte false (Magister)

In Piazza San Pietro l'abete natalizio: proviene dalla Foresta delle Ardenne in Belgio.Le parole del Papa su questa tradizione (Radio Vaticana e O.R.)

Caso Boffo: comunicati e dichiarazione di Dino Boffo

Dino Boffo: nota Sir sulle dichiarazioni di Feltri

Svolta con Mosca (Giacomo Galeazzi)

Padre Samir: Il rifiuto dei minareti, occasione per ripensare l’Islam e l'Europa (AsiaNews)

Chiaberge si è fatto una strana idea della parola scisma (Lucetta Scaraffia)

La prima volta tra Medvedev e Papa Benedetto è stato un successo (Simona Salvi)

Accuse a Boffo, Feltri fa retromarcia

L'attivismo frenetico, eresia dei nostri tempi. Il testo della prima predica d'Avvento di padre Cantalamessa (Radio Vaticana)

I segreti dei Giardini del Papa (Marchese Ragona)

L'11 dicembre il Papa riceverà il Presidente del Vietnam, viaggio non subito (Izzo)

Incontro Papa-artisti. Per un nuovo ordine cattolico. La domanda di Mosebach al Papa (Marco Respinti)

Incontro Papa-Medved: Santa Sede e Federazione Russa eleveranno il livello delle loro relazioni diplomatiche (Izzo)

Segnalazione sito "Virgolettato". Appunti e dialoghi vaticani curati da Michelangelo Nasca

Tg1 e Tg2 fanno finta di niente

Silenzio assordante, interrotto solo dal Tg3. Nessun accenno neppure sulle reti Mediaset E La7 si accontenta delle news scorrevoli alla base del video

DI UMBERTO FOLENA

Per una settimana, dallo scorso 28 agosto in poi, avevano rilanciato la violenta campagna di stampa del Giornale contro Dino Boffo.
Ieri Vittorio Feltri confessa di essersi sbagliato e i tg nazionali che cosa fanno? Tacciono, glissano, fan finta di niente. La necessità di restituire l’onorabilità all’ex direttore di ' Avvenire' pare non sfiorare neppure chi tre mesi fa non aveva alcun problema a sbatterlo in copertina.
Unica eccezione: il Tg3, che al clamoroso dietrofront di un direttore noto per non indietreggiare mai dedica un ampio servizio di Giuliano Giubilei nella sua edizione delle 19. Ricostruita la « feroce campagna » del Giornale di Feltri, con «la vita privata e la famiglia di Dino Boffo infangati » , Giubilei riporta i pareri di alcuni: « E adesso chi lo ripaga? » . E conclude con un’amara chiosa all’occhiello del pezzo di Feltri, « Caso chiuso « : « Forse toccherebbe a Boffo decidere se con queste scuse tardive il caso è chiuso » .
Il Tg La7 delle 20 si affida a una notizia sottopancia, quelle da leggere con gli occhi mentre scorrono veloci, e intanto le orecchie ascoltano tutt’altro: « Caso Boffo . ' Fu soltanto una bagatella, niente scoop'. La Cei: ' Scuse di Feltri arrivano troppo tardi' » . Il Tg3 salva la Rai.
Ma Mediaset? Gli smemorati di Cologno tacciono. Fede e Capezzone ripetono indignati: « Chi li risarcirà? » , ma si riferiscono a Berlusconi e Dell’Utri e stanno commentando il processo di Torino. Il Tg5 ha la sensibilità di non diffondere le immagini dell’asilo nido di Pistoia - che gli altri Tg hanno trasmesso, però oscurando i volti dei bambini - e se ne vanta, ma il buon gusto di restituire l’onorabilità a Dino Boffo non gli appartiene.
Tg1 e Tg2, assordante silenzio. Sky, da parte sua, aveva annunciato un ampio servizio per la tarda serata di ieri.

© Copyright Avvenire, 5 dicembre 2009

4 commenti:

Maria ha detto...

Niente di nuovo. La solita televisione giornalistica interessata solo allo scandalo e alla crudezza estrema.
Le retromarcia non aumentano di un punto lo share, quindi non hanno importanza e poi, ovvio che sulle reti mediaset non avrebbero detto nulla.....

gianniz ha detto...

La grancassa mediatica non suona per niente. Ricordate il frastuono di quei giorni, per giorni e giorni?
Ma, ora, chiediamocelo, che vantaggio possono trarre i media dal 'ripulire' Boffo? Quello del riaffermare la vera "verità"?
Ma, questo, non è un vantaggio, per i media! E' meglio, per loro, poter continuare a raccontare, la loro 'propria' singola verità, relativa e strumentale.

Certo che Boffo, e la Chiesa, avrebbero potuto difendersi meglio!
Passi passare per coloro che porgono la guancia, ma passare per "polli" da spennare prima del cenone...

laura ha detto...

E vi stupite? Solo i cattolici son perseguitati. Altro che omofobia e razzismo!!!!!!!!
Meglio che stia zitta

euge ha detto...

Passi passare per coloro che porgono la guancia, ma passare per "polli" da spennare prima del cenone...

5 dicembre 2009 11.56

Come hai ragione gianniz.......! questo è spesso avvenuto purtroppo, anche in altre circostanze.