mercoledì 2 dicembre 2009

Il Papa: imparare dagli "Apostoli del confessionale" (Sir)


Vedi anche:

Il Papa: l'amore è vera sapienza, ma impararlo richiede impegno (Izzo)

Il Papa ai teologi: "In questo momento vogliamo pregare perché il Signore ci dia la vera umiltà. Ci dia la grazia di essere piccoli per poter essere realmente saggi; ci illumini, ci faccia vedere il suo mistero della gioia dello Spirito Santo, ci aiuti a essere veri teologi, che possono annunciare il suo mistero perché toccati nella profondità del proprio cuore, della propria esistenza" (Monumentale omelia del Santo Padre alla Commissione Teologica Internazionale)

Il Papa all'udienza: amare Dio e il prossimo è il segreto di una vita riuscita e felice. Ribadita l'importanza del Sacramento della Riconciliazione

Benedetto XVI: “Si vive solo nell’amore e per amore” (Sir)

Il Papa: “Dio lo si conosce se lo si ama!” (Sir)

CATECHESI DEL SANTO PADRE: AUDIO INTEGRALE DI RADIO VATICANA

Il Papa saluta Marcello Pera e mons. Fisichella a fine udienza (Asca e Apcom)

Il Papa: solo l’amore verso Dio e il prossimo dà senso alle nostre scelte (AsiaNews)

Il Papa: secondo Guglielmo di Saint-Thierry laradicale vocazione all’amore per Dio costituisce il segreto di una vita riuscita e felice (Sir)

Il Papa: "Non è forse vero che noi conosciamo realmente solo chi e ciò che amiamo? Senza una certa simpatia non si conosce nessuno e niente. E questo vale anzitutto nella conoscenza di Dio e dei suoi misteri, che superano la capacità di comprensione della nostra intelligenza: Dio lo si conosce se lo si ama!" (Straordinaria catechesi del Santo Padre)

Il Papa: la scelta di fondo è amare Dio (Sir)

Troppi fedeli...udienza generale in Piazza San Pietro :-))

Il Papa visiterà i malati terminali di Roma e l’Ostello della Stazione ‘Termini’

Card. Ruini: «L'ateismo ci distrugge. Nella Chiesa c'è bisogno di coerenza e credibilità» (Vecchi)

Il Papa: Umiltà, virtù dei teologi. La ragione «non si metta sopra Dio» (Cardinale)

La Svizzera e il tabù della reciprocità con l'islam. Dove si muore per la fede (Il Foglio)

Benedetto XVI ai teologi: Dio si lascia comprendere dai più umili (Zenit)

Europa, il Patriarcato di Mosca al Vaticano: serve allenza contro il secolarismo (Asca)

Svizzera, cosa si cela dietro la scelta popolare (Sergio Soave). La sconfitta del politicamente corretto

Claudio Baglioni risponde al Papa: Quel sottile filo di luce che passa sotto la porta (Osservatore Romano)

Il Papa: Il vero teologo è colui che non cede alla tentazione di misurare con la propria intelligenza il mistero di Dio (Apcom e Asca)

Ulrich Schlüer: "'La Svizzera non vuole essere islamizzata". Padre Sale: "Che problema fa un uomo che prega?" (Il Foglio)

Gerardo Cunico: Habermas? Ateo non devoto (Galli)

Introduzione dell'arcivescovo Hilarion (Patriarcato di Mosca) ad un libro che raccoglie tre discorsi del card. Ratzinger e un'omelia di Benedetto XVI

Il Papa: senza la fede la teologia e l'esegesi sono solo teorie (Izzo)

Il Papa: Un invito ad un esame di coscienza per chiedersi cosa è la teologia, che cosa siamo noi teologi, come fare bene teologia (Sir)

Proposta di inserire la Croce nella bandiera italiana: Non mettete Gesù all'asta (Ubaldo Casotto)

Benedetto XVI ai teologi: se non si ha l'umiltà di sentirsi piccoli non è possibile alcuna comprensione di Dio (Radio Vaticana)

Il Papa chiede preghiere per la fine degli abusi sui bambini. Intenzioni di preghiera per il mese di dicembre

Padre Samir: Islam nella paralisi e nella guerra; occidente senza memoria (AsiaNews)

L’Appeal della Messa in latino (New York Times via Messainlatino)

BENEDETTO XVI: IMPARARE DAGLI “APOSTOLI DEL CONFESSIONALE”

San Giovanni Maria Vianney, san Giuseppe Cafasso, san Leopoldo Mandic, san Pio da Pietrelcina. Sono alcune “figure straordinarie” di “apostoli del confessionali”, “instancabili dispensatori della misericordia divina”, ricordate oggi dal Papa al termine dell’udienza, durante il saluto rivolto ai fedeli italiani. Benedetto XVI ha ricordato che oggi ricorre il 25° anniversario di promulgazione dell’Esortazione apostolica “Reconciliatio et paenitentia”, che “richiamò l’attenzione sull’importanza del sacramento della penitenza nella vita dalla Chiesa”. “La loro testimonianza di fede e di carità –ha proseguito il Santo Padre – incoraggi voi, cari giovani, a fuggire il peccato e a progettare il vostro futuro come un generoso servizio a Dio e al prossimo.
Aiuti voi, cari malati, a sperimentare nella sofferenza la misericordia di Cristo crocifisso. E solleciti voi, cari sposi novelli, a creare in famiglia un Clima costante di fede e di reciproca comprensione”. “L’esempio di questi Santi, assidui e fedeli ministri del perdono divino, sia infine per i sacerdoti –l’augurio papale – e per tutti i cristiani un invito a confidare sempre nella bontà di Dio,accostandosi e celebrando con fiducia il Sacramento della Riconciliazione”. Il Papa ha anche ringraziato la Federazione Italiana Panificatori e Pasticceri “per il generoso dono dei panettoni destinati alle opere di carità del Papa”.

© Copyright Sir

4 commenti:

Maria ha detto...

Speriamo proprio che l'appello del Papa non rimanga inascoltato.
Ho la fortuna di far parte di una comunità parrocchiale in cui si dà il giusto spazio al sacramento della Confessione, ma in altre Chiese non è così e molti devono quindi fare i "pendolari"!
L'invito del Papa è attuale e non casuale, speriamo che le orecchie di chi ascolta, si affinino...

euge ha detto...

Hai ragione Maria. Anche perchè certe parrocchie come la mia, ad esempio non sono sempre aperte ma, fanno orario da esercizio pubblico!!!!!.
L'altro giorno, sono passata perchè avevo bisogno di parlare con un sacerdote arrivo alla parrocchia e vedo il cancello chiuso ho letto e l'apertura era alle 17,00. ti rendi conto? Questo non succede in un qualsisi paese sperduto in chissà quale parte d'Italia ....... questo succede a Roma nella diocesi del Papa.

Bartolomeo ha detto...

Povero Benedetto XVI........ Mi auguro che queste cose non le sappia..... Mi auguro che nessuno le dica in che modo agiscono le parrocchie nella sua diocesi. Lui che ha tanto a cuore la confessione e tante altre cose che certi sacerdoti modernisti hanno inesorabilmente dimenticato.
Ci si può fidare solo del nostro Pontefice ........ quanto vorrei che per una volta fosse lui a confessarmi!

Maria ha detto...

Euge, io ho visitato Chiese in cui si apriva alle 17 e si confessa solo per mezz'ora prima della Messa.
In ufficio non si sbriga nemmeno una pratica, in 30 minuti!

Ma non ti parlo di Chiese romane, anche se nella capitale ho visto in effetti quello di cui scrivi tu, con qualche eccezione.

Speriamo in bene, il Papa semina, prima o poi spunteranno questi benedetti fiori!