sabato 10 gennaio 2009

Benedetto, una voce saggia contro la guerra (bel commento di Brunelli)


Vedi anche:

Vaticano: anche i divorziati all'incontro mondiale delle famiglie (Galeazzi)

Il Vaticano: «Riconoscimenti economici alle casalinghe» (Tornielli)

Prof. Gagliardi: La riforma liturgica del Concilio Vaticano II non è conclusa. Commento al volume di N. Bux, "La riforma di Benedetto XVI..."(Zenit)

Preghiera islamica in Piazza Duomo: botta e risposta Navarro-Valls-Farina

Discorso del Papa al Corpo Diplomatico: i commenti di Galeazzi

Il Papa: dalle elezioni in Terra Santa dirigenti capaci di guidare la riconciliazione (Marroni)

Gaza, il Papa calibra la posizione vaticana (Vecchi)

Concilio Vaticano II e linguaggio del Magistero: rinnovamento nel solco della tradizione. Il discorso di Benedetto XVI del 22 dicembre 2005 (Osservatore Romano)

Di Cicco: Benedetto XVI e il discorso al Corpo diplomatico. Il tempo della responsabilità (Osservatore Romano)

Le esternazioni del falco Martino imbarazzano il Papa. Malumori in Segreteria di Stato per l'uscita del cardinale (Bevilacqua)

Dati statistici su Angelus ed udienze 2008 del Papa: preso atto del silenzio vaticano, tratte le amare conclusioni, il blog chiude il "caso"

La Chiesa e la crisi mediorientale: botta e risposta Foglio-Libero

iBreviary - il Breviario per il tuo iPhone

Giovanni Maria Vian: "Solo la segreteria di Stato esprime la linea del Papa" (Rodari)

La diplomazia di Benedetto (Valli)

Soluzione dell'indovinello. Repubblica accusa: "Ratzinger ha sempre avuto una posizione anti-israeliana". E' necessaria una rettifica!

Ecclesia Dei, rumors dalla Francia: il nuovo Presidente potrebbe essere Mons. Perl e la Commissione verrebbe collegata alla Congregazione per il Culto

Benedetto XVI e il ritorno all’unità: la grande azione del Papa e le resistenze della curia romana (Baget Bozzo)

Marcello Pera: «Islamici in Duomo? È inquietante» (Sacchi)

Vian: La voce del vescovo di Roma. Realistico e concreto il discorso che Benedetto XVI ha rivolto al Corpo diplomatico (Osservatore Romano)

Il cardinale Renato Martino tira una molotov tra i piedi del Papa (Magister)

Benedetto XVI al Corpo Diplomatico: "Auspico che, nel mondo occidentale, non si coltivino pregiudizi o ostilità contro i Cristiani, semplicemente perché, su certe questioni, la loro voce dissente. Da parte loro, i discepoli di Cristo, di fronte a tali prove, non si perdano d’animo: la testimonianza del Vangelo è sempre un "segno di contraddizione" rispetto allo "spirito del mondo"!"

Una voce saggia contro la guerra

Lucio Brunelli

Più papista del Papa sui temi della bioetica, al «Foglio» di Giuliano Ferrara non sta bene la calibrata posizione di Benedetto XVI sul conflitto nella Striscia di Gaza.
«La Chiesa cattolica – ha scritto ieri – non è palesemente in grado di rendere giustizia alle ragioni di Israele in guerra».
Invece di nascondersi dietro inefficaci appelli per un cessate il fuoco, il Papa insomma dovrebbe affrettarsi a benedire l'operazione militare Piombo fuso (bilancio provvisorio: 800 morti, di cui oltre 200 bambini palestinesi).
Questa scelta – sempre secondo Ferrara – sarebbe coerente con la difesa del principio non negoziabile del «diritto alla vita» negato ad Israele dagli integralisti islamici di Hamas.
Il direttore del «Foglio» vede il peccato d'origine della posizione vaticana nell'abbandono della dottrina della guerra giusta, operato, a suo dire, dal Concilio ecumenico Vaticano II. In questo modo «si è politicamente paralizzata (o banalizzata in senso pacifista) la voce della Chiesa». Lettura molto parziale. In realtà il Catechismo della Chiesa cattolica, pubblicato da Giovanni Paolo II e curato dall'allora cardinale Ratzinger, non esclude il ricorso alla forza come forma di legittima difesa.
Ma lo sottopone come è giusto a delle precise condizioni: prima fra tutte la proporzionalità della risposta. Ed è proprio questo il problema con la carneficina di Gaza.
Ferrara ha trovato come alleato in questa nuova battaglia il vaticanista de «L'Espresso» Sandro Magister, curatore di un sito web molto seguito in ambito ecclesiastico. Anche lui è un «convertito». Da posizioni «progressiste» cattoliche è approdato da qualche tempo su sponde prossime ai teo-con.
Il pensiero dei conservatori religiosi d'oltreoceano – parte integrante dell'apparato ideologico della presidenza Bush – è un'inedita miscela di religione e politica. In cui il no all'aborto e alle manipolazioni genetiche si coniuga senza strappi con l'adesione all'infelice dottrina dell'esportazione della democrazia con le armi e con un avallo «teologico», a priori, della politica dei governi israeliani nel conflitto con i palestinesi. Già al tempo della seconda guerra nel Golfo Ferrara e Magister si erano battuti contro il «pacifismo» cattolico che sentivano lambire il palazzo apostolico; entrambi avevano prediletto gli argomenti a favore dell'intervento armato.
Opinioni legittime. Sostenute, inoltre, da persone di indubbia intelligenza e coerenza intellettuale. Ma forse, in molti ambienti cattolici, taluni anche altolocati, è mancato un giudizio un po' più ponderato sul fenomeno culturale dei teo-con. Si vedevano solo alcuni aspetti (giustamente valorizzabili) ma si tralasciava o si preferiva non vederne altri (decisamente contestabili).
E torniamo qui al conflitto israeliano-palestinese.
Come immaginare che il Papa possa o debba giustificare il bagno di sangue che continua nella Striscia di Gaza, dando il suo imprimatur all'offensiva israeliana?

Certo, nei cinque interventi pubblici da quando è iniziato il conflitto, Benedetto XVI non ha mai omesso di condannare l'«odio», il «rifiuto del dialogo» e la «violenza» che sono all'origine del conflitto, con evidente riferimento alle provocazioni di Hamas.
Contro la guerra di Israele il Papa non ha usato parole di fuoco, ma ha ribadito che l'opzione militare non risolve il problema e anzi rischia di accrescere la spirale dell'odio. «La storia recente insegna…».
Lo sguardo della Chiesa non può che essere, almeno come desiderio, lo sguardo di Cristo. Come non provare innanzitutto compassione per le «immense sofferenze» di una popolazione costretta a vivere sotto le bombe, senza acqua, senza corrente, senza cibo, i confini chiusi e un numero di morti che cresce ogni giorno di più?
Nessuno ha la bacchetta magica per risolvere un conflitto lungo 60 anni. Il Papa si prodiga per quello che può. Richiama principi basilari di umanità e giustizia; sostiene con la sua autorità morale i tentativi della diplomazia; indica la via lungimirante e realista di un approccio globale ai problemi del Medio Oriente, che coinvolga anche l'Iran e la Siria; invoca l'emergere di una nuova classe dirigente in grado di ridare fiato al processo di pace.
Una voce saggia, una voce inerme, ma pensiamo un attimo a come sarebbe il mondo se mancasse questa voce…

© Copyright Eco di Bergamo, 10 gennaio 2009

Condivido in pieno la riflessione di Brunelli.
Il Papa e' un profeta, ma e' un profeta disarmato e non puo' che essere cosi'.
Al Santo Padre, come penso a tutti, preme sottolineare la tragedia delle vittime innocenti di questa nuova crisi: bambini, donne, anziani...
Puo' essere vero che Hamas si serve dei piu' deboli come "scudo", ma questo non sminuisce il dramma della popolazione civile.
Che senso avrebbe schierarsi da una parte o dall'altra?
Alla Chiesa ed al Papa stanno a cuore i deboli, gli inermi, coloro che non hanno voce siano essi palestinesi o israeliani.
Per questo il Santo Padre lancia appelli sia agli uni che agli altri.
E' arrivato ad usare un verbo fortissimo: "Imploro" (vedi qui).
Giustamente ha parlato di "sussulto di umanità e di saggezza".
Queste sono le parole che possono aiutare, non i proclami, non le frasi ad effetto.
Per questo ho disapprovato su tutta la linea le dichiarazioni del cardinale Martino o l'articolo del Foglio e per questo mi auguro che la voce del Papa, anche se inerme, possa essere ascoltata
.
R.

8 commenti:

Maria ha detto...

Brunelli ha scritto un bel pezzo che dimostra la sua conoscenza del Magistero.
Raffaella ti segnalo questo articolo di Politi insolitamente positivo verso il Santo Padre:

Lo scontro / Il Papa: Nuovi dirigenti in Israele e Palestina

Un saluto a tutti

Raffaella ha detto...

Grazie, Maria :-)

mariateresa ha detto...

commento Politi allo stesso modo di padre Livio a Radio Maria quando fa la rassegna stampa e commenta certi articoli: "Eh beh... . .mah...cosa volete che vi dica.....però....boh....".

paola ha detto...

Cara Raffaella sull'argomento continua la querelle tra Israel e Santambrogio su Libero di oggi e nella lettra di G.Israel vien citato il tuo commento a proposito delladichiarazone di Martino,riportata dal blog diMagister. I giornaloni come dici tu ti leggono e riportano i tuoi Driiiiiinnnnnnnn!!!!!!!!!!!!

Raffaella ha detto...

Che dire, cara Paola?
Mi sento onorata dalla citazione del Prof. Israel.
Sono un po' anche sconvolta :-)
Grazie per la segnalazione.
R.

paolo ha detto...

Grazie, Raffaella, per questo tuo commento all'articolo di Brunelli. Ci leggo equilibrio, razionalità e nessuna emotività. Coglie in pieno, a mio avviso, i sentimenti che animano il Santo Padre.

Anonimo ha detto...

Ciao raffaella, su repubblica quando avevano riportato il duro commento del Card. martino su Gaza c'era la foto del Card. Martini... Marco

Raffaella ha detto...

Oh mamma!
Davvero hanno confuso Martino con Martini? Mamma...mamma :-))