lunedì 9 febbraio 2009

Dai, diciamocelo! Ce lo diciamo? Almeno fra noi? Dai, sù! L'ufficio stampa dei Lefebvriani funziona alla grande :-)

Non ho potuto fare a meno di notare l'assoluta efficienza dell'ufficio stampa della Fraternità San Pio X. Ho apprezzato molto come hanno risposto per le rime al giornalista di "Spiegel" denunciando le omissioni (e le aggiunte) dell'intervistatore. Cari ragazzi, prendiamone atto: i Lefebvriani sanno usare perfettamente internet e sono attenti a tutto prevenendo le mosse e bacchettando quando necessario. Ah se...finite voi la frase :-))
R.

10 commenti:

Syriacus ha detto...

Ah se...la Sala Stampa della Santa Sede possedesse almeno la metà dell'efficienza e della prontezza della DICI!



[QUI SOMMES-NOUS ?

DICI est l’organe de communication de la Maison générale de la Fraternité sacerdotale Saint-Pie X.

Par cet organe, la Fraternité St-Pie X se propose de :

* donner un éclairage sur l’actualité dans l’Eglise ;
* constituer une base doctrinale comportant des articles et des documents touchant à la foi catholique ;
* mettre à disposition des informations pratiques propres à son œuvre.

La consultation de la page présentant nos services vous donnera une idée précise du contenu de notre site.

Seule la reproduction de nos textes à des fins non-commerciales est permise. Elle suppose la mention précise de la source.]

Raffaella ha detto...

Syriacus mi legge nel pensiero... :-))
R.

mariateresa ha detto...

cari ma lo vedete padre Lombardi quando parla? Guardate che non voglio essere cattiva: si sente che è un uomo istruito e pacato e che si sforza di essere gentile con tutti.E' un uomo elegante.
Il fatto è che si trova ad operare in una situazione in cui gli tirano delle badilate di buano in faccia, lo spernacchiano o nella migliore delle ipotesi scrollano le spalle ed escono dalla stanza mentre sta ancora parlando.
In una situazione così, lui è il tipo che dice "Signori, abbiate la bontà di ascoltarmi , di grazia".
Ci vorrebbe un orco, uno capace di svergognare pubblicamente tutti quelli che in questi 4 anni hanno raccontato delle solette. E in occasione dei viaggi papali, uno capace di prendere gli stolti per il bavero e dire "che ci fai qui, pisquano? ma va in aereo con Augias, va là e buttarlo giù dalla scaletta.
Ehehehehe. Che scena sarebbe.

Raffaella ha detto...

Ecco...bella immagine :-))
R.

Anonimo ha detto...

Io propongo di dare in gestione la sala stampa della Santa Sede a quelli di DICI

Syriacus ha detto...

I casi sono due: o la DICI non esiste, o Zizola ha avuto torto marcio .



"Il tipo umano scolpito all'interno di questo blocco di intransigenza dogmatica erano i chierici in tonaca che si aggiravano per i corridoi, pallidi e magri, gli occhi accesi. Ce n'erano un centinaiofra quelle mura, uno più eguale dell'altro:piccoli Lefebvre pronti a mettere le loro verità sopra il papa e sopra il Vangelo. Erano allevati su misura di una forma di Chiesa arricciata sulla Scolastica, la Controriforma e la restaurazione cattolica molto centralista del XIX secolo, prolungata nella reazione antimodernista del primo decennio del XX e servita dal latino dei manuali."

euge ha detto...

cara mariateresa di questi tempi la pacatezza e l'eleganza, non aiutano come dici tu ci vorrebbe qualcuno con la stessa grinta del quadrupede di Don Marco e la stessa voglia di ruggire e mangiare del quadrupete di Raffaella; forse si comincierebbe a ragionare :-) Ho scharzato per sdrammatizzare il tutto che è veramente avvilente. Ci vorrebbe una persona determinata nel dare le risposte ora sembra che ogni volta che si emette un cominicato si stia sempre per chiedere scusa a qualcuno o di qualcosa che è stato commesso; un pò come il classico ragazzino pescato con le dita nella marmellata.

alberto ha detto...

E' facile criticare il buon padre Lombardi, ma è ben più difficile tenere conto di correnti, complotti e quant'altro...anche se avesse la forza di un tornado,di un predicatore travolgente si troverebbe sempre in difficoltà perché sono molti i malumori e i distnguo che escono dai Sacri Palazzi.
Due vie: o il Papa sceglie (almeno a tempo) una gestione pacelliana del Vaticano (pochi cardinali curiali, e una mol di lavoro inimmaginabile solo sulle sue spalle, come quella che avva Pio XII), per poi scegliersi con il massimo dicernimento un team snello e fidatissimo...oppure la confusione continuerà. E' ovvio che la DICI funziona meglio...ma padre Lombardi non è il problema, il problema sono le contraddizoni che s creano alle sue spalle che alimentano guardacaso quelle dei malevoli esterni...anzi un uomo serafico e pio sarebbe un bellissimo portavoce se annunciasse messaggi evangelici e non fosse costretto all'incessante lavoro sporco...

Anonimo ha detto...

Scusa Alberto non vorrai scaricare su Benedetto XVI la superficialità di altri spero!

Anonimo ha detto...

All'ultimo conclave dei gesuiti è stato scelto Adolfo (sic) Nicolas al posto di Lombardi perchè questi era troppo appiattito sul Papa. Nemmeno un novello san Domenico riuscirebbe a sistemare le cose. E se il Papa spera di reclutare i lefebvriani, avrà fatto due conti.Saluti, Eufemia