lunedì 9 febbraio 2009

Un rabbino in difesa di Benedetto XVI (Zenit)


Vedi anche:

Dai, diciamocelo! Ce lo diciamo? Almeno fra noi? Dai, sù! L'ufficio stampa dei Lefebvriani funziona alla grande :-)

Lefebvriani, la modernità e la strana alleanza tra atei e clerical-progressisti (Iannuzzi)

Mons. Fellay ha rimosso Mons. Williamson il 31 gennaio scorso: nota ufficiale

Il Papa all'ambasciore del Brasile: Pace e giustizia sociale sono le priorità (Sir)

La traduzione in italiano dell'intervista di Williamson a Spiegel (Messainlatino)

L'intervista di Williamson al quotidiano tedesco Spiegel (traduzione in inglese)

L'Angelus di Benedetto XVI: Gli uomini, la sofferenza e la malattia (Sir)

Lefebvriani: Williamson, stop a guida seminario Buenos Aires

Il Papa: «Dalle malattie si può sempre guarire» (Lorenzoni)

Mons. Betori: «Nella storia di Eluana l'amore più alto e concreto è quello delle suore» (Cazzullo)

Finalmente anche le agenzie di stampa italiane si svegliano: Williamson rimosso. Che c'entra la Merkel?

Williamson fuori da seminario (Tgcom)

La Nation: Mons. Williamson rimosso dal suo incarico. Lo ha reso noto Padre Bouchacourt, superiore dei Lefebvriani nell'America del Sud

LEFEBVRIANI: MONS. WILLIAMSON E' STATO RIMOSSO DAL SUO INCARICO

Il Papa in Medio Oriente andrà in una moschea e al museo della Shoah (Tornielli)

Eluana, Bertone telefona a Napolitano: non vogliamo interferire (Conte). Cossiga critica l'Osservatore Romano: "tiepido"

Benedetto XVI all'Angelus: prego per tutti i malati, specie per coloro che non possono provvedere a se stessi (Radio Vaticana)

Chi in curia alimenta il fuoco mediatico contro il Papa? Risponde Damian Thompson

Giovedì 12 febbraio il Papa incontrerà gli ebrei Usa

Voci su una imminente sostituzione di Mons. Williamson

La Nacion: al seminario di La Reja già si pensa al successore di Mons. Williamson. Forse Mons. de Galarreta?

Telefonata tra il Papa e la Merkel dopo le accuse infondate del Cancelliere

Il Papa: "Solo la riconciliazione con Dio può donarci la vera guarigione, la vera vita, perché una vita senza amore e senza verità non sarebbe vita" (Angelus)

Il Papa: Preghiamo per malati gravi che dipendono da cure altrui

La Merkel si piega e chiede un colloquio con il Santo Padre

I Lefebvriani: la campagna mediatica non allontani il dialogo teologico (Izzo)

Appello di sostegno al Santo Padre da sito semiufficiale austro-tedesco

Anticipazioni: Williamson non è più rettore del seminario. I vescovi tedeschi in fibrillazione

Williamson: «Ritratterò solo di fronte a nuove prove» (Cremonesi). Viaggio del Papa in Israele? Mah...

Più segnali positivi dai Lefebvriani

I vescovi tedeschi chiedono al Papa di "riscomunicare" Williamson. Wao...ecco la soluzione di tutto!

Povera Chiesa...povera la mia Chiesa! Ma questa è ancora la mia Chiesa? Riflessione

Il portavoce dei Lefebvriani, Abbé Alain Lorans: "La posta in gioco è dottrinale"

La questione Williamson potrà avere anche effetti positivi?

ESPLOSIVO ARTICOLO DE "IL FOGLIO": ECCO I NOMI ED I COGNOMI DELLA FRONDA ANTI RATZINGER

Padre Gemmingen (Radio Vaticana tedesca) getta la maschera: "In atto ondata di abbandoni Chiesa". La Santa Sede reagisca!

Vescovi che si sentono signorotti feudali: il cardinale di Manila vieta di fatto l'applicazione del motu proprio "Summorum Pontificum"

A che gioco sta giocando il gesuita E. von Gemmingen, responsabile della sezione tedesca della Radio Vaticana?

Vescovo negazionista, un complotto contro il Papa: ricostruzione incontestabile di Tornielli. Un dossier circola nei Sacri Palazzi

I problemi nascono perchè a Benedetto XVI manca un collaboratore: il "Ratzinger di Ratzinger"

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Un rabbino in difesa di Benedetto XVI

La difesa della vita allenta le tensioni ebraico-cattoliche

di Edward Pentin

ROMA, lunedì, 9 febbraio 2009 (ZENIT.org).

In un momento di tensione nei rapporti tra cattolici ed ebrei, un rabbino ortodosso si è recato in Vaticano offrendo una via per allentare le tensioni fattibile anche se meno utilizzata.
Il rabbino Yehuda Levin, portavoce dell'Unione dei Rabbini Ortodossi degli Stati Uniti e del Canada, ha fatto visita ad alti esponenti della Curia per ottenere il sostegno della Chiesa nella sua opposizione a una marcia per l'orgoglio gay che avrà luogo a Gerusalemme alla fine dell'anno. Spera che il Vaticano e il Nunzio Apostolico in Israele possano aiutarlo a creare una coalizione con altre religioni e denominazioni per bloccare l'evento.
Newyorkese dal linguaggio diretto, Levin ha un grande zelo missionario per difendere la causa pro-vita e crede fermamente che quando si tratta dei rapporti ebraico-cattolici il fatto di difendere la vita e la famiglia dovrebbe sovrapporsi a controversie come la negazione dell'Olocausto da parte del Vescovo lefebvriano Richard Williamson.
“Nei nostri figli si stanno verificando casi di Aids morale”, ha affermato Levin, padre di nove figli. “Non dico che non ci sia spazio per questo [la discussione su Williamson], ma che dovremmo chiederci: 'Cosa possiamo fare per salvare i bambini e la mente dei nostri figli sapendo ciò che è bene e ciò che è male in temi di vita e famiglia?'”.

Il rabbino sostiene pienamente Benedetto XVI nell'ultima controversia. “Ci sono persone che dicono che Papa Benedetto è antisemita e insensibile – questo è ridicolo”, ha dichiarato. “Ha un passato di decenni di antinazismo e simpatia per gli ebrei”.

Levin dice anche di capire ciò che il Papa sta cercando di fare tendendo la mano ai tradizionalisti, perché questi hanno alcune “cose molto importanti” da apportare al cattolicesimo.

“Lo sostengo totalmente. Perché?

Perché capisce tutta la situazione, cioè che la Chiesa cattolica ha un problema con l'estrema sinistra che sta danneggiando immensamente la fede”. La sinistra, a suo avviso, “sta aiutando a distruggere e a corrompere i valori della Chiesa e questo ha un effetto cascata in tutte le comunità religiose del mondo”.

Una Chiesa di 1.250 milioni di membri non può essere ignorata facilmente, osserva. “Ciò che avviene ci riguarda”.
Il rabbino Levin ha anche chiesto scusa per la reazione di alcuni ebrei. “Se lui [il Papa] include inavvertitamente qualcuno che è importante in questo movimento e che dice cose strane è una ragione per buttare via tutto e iniziare subito a condannare Papa Benedetto?”, chiede. “Assolutamente no”.
Levin, che ogni anno partecipa alla Marcia per la Vita a Washington, non dedica molte parole alla nuova amministrazione degli Stati Uniti e avverte dell'“obamificazione” della società, vale a dire degli sforzi del Presidente Obama per cercare di raggiungere un consenso tra tutte le parti nel dibattito sull'aborto.
“Non lo sta ottenendo”, sottolinea. Una donna non può essere “un po' incinta”, né è possibile essere d'accordo “un po' con il matrimonio omosessuale”.
“Lui [Obama] sta prostituendo i valori, e come nordamericano sono offeso. Crede che siamo muti”, ha concluso.

© Copyright Zenit

2 commenti:

sam ha detto...

Segnalo al proposito lo splendido editoriale di Ferrara
http://www.ilfoglio.it/soloqui/1830

Anonimo ha detto...

Una stretta di mano, onesta e sincera, al rabbino Yehuda Levin.