martedì 24 febbraio 2009

A proposito di media da prendere con le molle, leggiamo questa notizia: Williamson provoca una rissa in aeroporto


Vedi anche:

L'influenza dei media nei giudizi e nelle scelte. Spirito critico e cervelli addormentati (Osservatore Romano)

La Quaresima nella tradizione bizantina. Per non rendere inutile il digiuno (Osservatore Romano)

Il Cardinale Biffi si chiede perché l’ortodossia fa più notizia dell’eresia (Zenit)

Un bellissimo esempio di comunione: il vescovo spagnolo Sanz Montes sostiene il Santo Padre

Il Papa ringrazia i Vescovi spagnoli per la loro vicinanza dopo la remissione della scomunica ai vescovi lefebvriani (Zenit)

La disperazione del povero Kung: La Chiesa rischia di diventare una setta (Le Monde)

Williamson ha lasciato l'Argentina il fine settimana scorso ma l'ufficio immigrazione smentisce

Card. Cottier: «Pregare per il Pontefice, un atto d’amore» (Rosoli)

Segnalazione apertura "Rai Vaticano: il blog"

In Inghilterra la stampa vicina all’episcopato diffama un sacerdote che applica il motu proprio Summorum Pontificum

In quel «pregate per me» tutta la forza di Pietro. L'Angelus del Papa dopo una settimana di amare polemiche (Corradi)

Il Papa: i Cristiani sono una ricchezza per i paesi musulmani (Osservatore Romano e Zenit)

Un conservatore a New York (Flores d'Arcais). Ingiuste accuse al card. Egan

È Timothy Dolan l’arcivescovo di New York: scelta soft per una diocesi very hard (Rodari)

Il Papa ha perso la pazienza con i vescovi (Volonté)

Lefebvriani: dietro lo scisma ricucito (Baget Bozzo)

Quando il teologo Ratzinger richiamò a un cristianesimo vivo (Colognesi)

Nomina dell'arcivescovo Dolan: l'editoriale del New York Times

Timothy M. Dolan nuovo arcivescovo di New York (Velino)

I teologi Bux e Vitiello: "Il primato del Papa: responsabilità personale per la Chiesa universale" (Fides 2007)

Il teologo Bux sull’Angelus del Papa: il primato di Pietro è al servizio dell’unità e della varietà della Chiesa (Radio Vaticana)

Lectio divina del Papa al Seminario Romano Maggiore: il commento di Zenit

Ehud Olmert critica le dichiarazioni anti-cristiane di un canale televisivo israeliano (AsiaNews)

Padre Wagner avrebbe firmato ufficialmente la richiesta di revoca della nomina ad ausiliare di Linz venerdì scorso

Turbamenti e tempeste nella Chiesa: il commento di Fabio Zavattaro

Lectio mirabilis di Benedetto XVI: La libertà spiegata ai futuri preti e alla Chiesa (Rodari)

Confusione e tempeste nella Chiesa: i timori del Papa (Bobbio)

Il Papa all'Angelus: "La Cattedra di Pietro simboleggia l’autorità del Vescovo di Roma, chiamato a svolgere un peculiare servizio nei confronti dell’intero Popolo di Dio. Subito dopo il martirio dei santi Pietro e Paolo, alla Chiesa di Roma venne infatti riconosciuto il ruolo primaziale in tutta la comunità cattolica...
Questo singolare e specifico ministero del Vescovo di Roma è stato ribadito dal Concilio Vaticano II..."
(Magistrale lezione sul PRIMATO che Cristo ha conferito a Pietro ed ai SUOI successori)

Giuliano Ferrara torna sul caso Englaro: "Una commedia di bari e impostori con padre dolente"

Gli ortodossi plaudono ad una riconciliazione con i lefebvriani (Forum catholique, traduzione Messainlatino.it)

I problemi che Benedetto XVI si trova a risolvere sono vecchi di decenni. A lui il merito di avere voltato pagina su varie questioni (Di Giacomo...articolo da incorniciare!)

Il Papa: ogni discriminazione è un attentato all' umanità (La Rocca e Corriere)

Comunicazioni: mercoledì non si terrà l'udienza generale e a marzo ne è prevista solo una per il giorno 11. La Prefettura ne tenga conto!

Il cardinale di Manila nasconde il regolamento anti motu proprio Summorum Pontificum

Segnalazione blog "Senza peli sulla lingua" di Padre Giovanni

Il Primato del Papa nella Costituzione Dogmatica sulla Chiesa, Lumen Gentium, del Concilio Vaticano II

Il Papa ai fedeli di lingua tedesca: "Chiediamo a San Pietro che, per la sua intercessione, la confusione e le tempeste non scuotano la Chiesa..." (traduzione in italiano)

Benedetto XVI: Il ruolo del Papa è stato ribadito dal Concilio, pregate per me (Izzo)

Il Papa, la revoca della scomunica ai Lefebvriani ed il terrore dei cattoprogressisti

"Paolo dice: "Voi divenite come belve, uno morde l’altro".
Accenna così alle polemiche che nascono dove la fede degenera in intellettualismo e l’umiltà viene sostituita dall’arroganza di essere migliori dell’altro"
(Lectio divina del Santo Padre presso il Seminario Romano Maggiore)

TURBAMENTI E DIVISIONI NELLA CHIESA CATTOLICA AUSTRIACA: L'INAUDITO "CASO" WAGNER. LO SPECIALE DEL BLOG

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Buenos Aires; presunta rissa in aeroporto fra un giornalista e il vescovo Williamson

Richard Williamson si trovava all'aeroporto internazionale di Buenos Aires in partenza per Londra con un volo in programma alle 14,15 ora locale: lo ha reso noto la tv di Buenos Aires, precisando che il vescovo negazionista "ha aggredito un giornalista" presente allo scalo.
La presenza di Williamson all'aeroporto di Ezeiza e' stata confermata all'ANSA da fonti ufficiali a Buenos Aires, aggiungendo che effettivamente il presule ha provocato una rissa.
"Sono stato aggredito da Williamson", ha commentato un giornalista della rete tv TN, precisando che l'aggressione e' avvenuta mentre il cronista cercava di avere dichiarazioni dal vescovo, il quale era accompagnato da due uomini. Qualche ora prima, un portavoce del distretto per l'America meridionale della Fraternita' San Pio X, della quale fa parte il vescovo lefebvriano negazionista, aveva reso noto che Williamson aveva gia' lasciato l'Argentina.

Notizia consultabile anche qui.

Non per difendere Williamson ma il Tg5 ha mandato in onda tutta la scena e il vescovo non ha causato alcuna rissa.
Ha semplicemente mostrato il pugno al cronista che lo stava strattonando.
Il giornalista e' poi stato allontanato da due uomini che accompagnavano Williamson, ma non vi e' stata alcuna violenza, nonostante il signore in questione abbia dichiarato di essere stato aggredito dal vescovo.
Questa e' la dimostrazione di come i media possano ingigantire una notizia inesistente. Apriamo, quindi, sempre occhi ed orecchie come ci consiglia l'articolo dell'Osservatore Romano.
Esilarante la notizia apparsa su Rainews24 non tanto per le parole quanto per la foto
:

Il vescovo negazionista Williamson provoca una rissa in aeroporto a Buenos Aires

Aprite l'articolo e guardate chi vi appare...Mons. Lefebvre!
R.

35 commenti:

mariateresa ha detto...

ma per favore...
certo che d'ora in poi i reporters Williason se li troverà, con licenza parlando, anche in bagno.
Sono tutte trappole. questi stanno svegli la notte per studiarle.
Ma Williamsonn se le è cercate e per quello che mi riguarda, è bene che rifletta.Voleva essere al centro dell'attenzione? Beh, è andata così. D'ora in poi dubiterà anche della carta igienica nelle toilettes.
Scusate ma ne ho piene le scatole.

Raffaella ha detto...

Appunto...lasci che i giornalisti gli corrano dietro come le mosche al miele, ma non reagisca!
Li faccia ballare sulla trave come fosse la Carlucci ed eviti di andare in giro come un agente segreto...
R.

Raffaella ha detto...

ps

L'aereo prima o poi atterrera'...non vorremmo assistere alla stessa scena.
R.

Anonimo ha detto...

williamson se l'è certamente cercata,ma ora si sta esagerando.
Mi sembra la caccia al mostro da esporre al pubblico disprezzo.
Prima non lo sopportavo per quello che aveva combinato,adesso però comincia inevitabilmente a starmi più simpatico dato che tutti lo odiano e applaudirebbero certo ad un eventuale atto di violenza nei suoi confronti.

Antonio

Anonimo ha detto...

http://www.lanacion.com.ar/nota.asp?nota_id=1102837&pid=5894668&toi=6275

Raffaella ha detto...

Grazie della segnalazione.
Leggo:

Durante el embarco realizado en el aeropuerto de Ezeiza, el periodista del canal Todo Noticias acreditado en el lugar, Norberto Dupesso, denunció a través de ese medio que sufrió una agresión por parte de dos supuestos guardaespaldas que acompañaban a Williamson.

Qualcosa deve essere andato storto nella traduzione dallo spagnolo all'italiano...il cronista, infatti, ha denunciato l'aggressione dei due uomini che scortavano Williamson...
R.

Anonimo ha detto...

Ma l'aereo dove è diretto?

Raffaella ha detto...

Se l'aereo e' quello che credono i giornalisti, e' diretto in Inghilterra.
Io spero che atterri da un'altra parte mentre flotte di giornalisti si dirigono a Londra :))
R.

mariateresa ha detto...

Raffaella, hai presente il cartone animato di Nick Carter? Come Stanislao Moulinsky, i giornalisti si travestiranno da cestino della carta straccia o da macchiana del caffè per coglierlo in fallo.
Il poverino non ha capito come va il mondo. Questo pseudo finto incidente, con la solita e prevedibile collaborazione di Ansa, è un segnale. credetemi, la pipì non la farà più tranquillo.
La cosa farebbe ridere. Ma fino a un certo punto.
Antonio, scusa, ma quest'uomo se l'è cercata.E lo faranno macinato come il ragu, ma se l'è cercata.

mariateresa ha detto...

Gli conviene atterrare a Roccacannuccia e travestito da geranio essere ricoverato in qualche canonica dove passi il resto del suo tempo in silenzio. Innaffiato ogni tanto.
Abbiate pazienza. stasera mi ha preso così.

Raffaella ha detto...

Beh...mi vengono in mente anche i pirati di Pippi Calzelunghe.
E' il caso che Williamson non cada nelle trappole che puo' evitare.
Certo...quelle che non potra' evitare...

Anonimo ha detto...

sembra di essere a sanremo con orde di giornalisti attaccati ai pantaloni di bonolis.
c'è da giurare che aspetteranno il vescovo appesi allo scorrimano delle rampe mobili.

Anonimo ha detto...

E cosa gli faranno più di così?
Oramai si chiama Williamson di nome e Negazionista di cognome!

Antonio

sam ha detto...

A me fa compassione anche se se l'è cercata.
Kung, O'Connor, Lehmann e compagnia cantanti non se la sarebbero cercata se qualche cattolico li marcasse stretti per coglierli in fallo in qualche modo?
Ma questo non accade perchè i cattolici di solito non fanno i giornalisti, non sono così cattivi, portano comunque un certo rispetto a tutti e se per caso facessero qualcosa del genere sarebbero additati al pubblico ludibrio con gogna ed espulsione immediata dal contesto civile.

Raffaella ha detto...

E domani la notizia sara': Williamson aggredisce un cronista argentino.
Sono in corso indagini per scoprire se l'ordine proviene direttamente dal Papa :-)

Lo so...taccio :-)

Raffaella ha detto...

Kung, O'Connor, Lehmann e compagnia cantanti non se la sarebbero cercata se qualche cattolico li marcasse stretti per coglierli in fallo in qualche modo?

Si' :))))
R.

Anonimo ha detto...

Non è possibile che la notizia sia "Williamson aggredisce giornalista"..
Se così fosse è un vero schifo.

Anonimo ha detto...

Il rientro di Williamson da un lato e la questione di Linz dall'altro da risolvere in questi giorni...
Preghiamo davvero tanto per il Papa affinchè entrambe le questioni si risolvano per il meglio.

Antonio

fr. A.R. ha detto...

Cari fratelli e sorelle, come diceva il saggio: Chi di intervista ferisce, di intervista perisce!

Anonimo ha detto...

Il responsabile inglese agli ingressi ha detto che "purtroppo" non può rifiutare il permesso a Williamson di scendere le scalette perché è inglese e nel suo paese non ha commesso nessun reato. Proprio la culla della democrazia... Saluti, Eufemia

Karl der Kleine ha detto...

Lo Spiegel, trionfalistico:

(riassumo:) "Gli era quasi riuscito, il camuffamento, invece...eh eh eh..."

http://www.spiegel.de/fotostrecke/fotostrecke-40044.html#backToArticle=609703

Anonimo ha detto...

Chi semina il vento racolta la tempesta.... Questo povero uomo ha provocato un caos, dunque deve recarsi in un convento e tacere, fare penitenza. Ha provocato degli attachi grossi al nostro Papa; il Papa ha preso su di se il fardello della fine della scomunica; è costato molto per lui; allora, cari fratteli lefebriviani, dovete tenere conto del atto magnanimo di Ratzinger; Willamson non è degno della misericordia e del atto grande di Benedetto, per adesso. Deve proprio essere conscio no ? E i lefebvriani hanno anche offeso il Papa. Anche loro adesso devono tacere, per favore!

Anonimo ha detto...

http://www.tn.com.ar/

Anonimo ha detto...

mi domando che bisogno c'era di fuggire in borghese; e se propio voleva passsare inosservato non poteva farsi crescere un pochino di barba? Oppure farsi fare un bel cerone da teatro da un truccatore?
Comunque questo fatto manifesta come sia abbastanza provato dalla vicenda; ed è un bene, non dimentichiamo che veniva considerato il leader della piccola ala ultraintransigente della FSSPX, che avrebbe potuto staccarsi dal resto della fraternità in caso quest'ultima arrivasse ad un accordo con Roma (come pare e vivissimamente tutti speriamo). La vicenda delle dichiarazioni negazioniste ha scosso la FSSPX ma l'ha pure rinforzata e ricompattata. Ora se qualche prete e qualche fedele non vorrà accettare l'accordo con Roma non ha molte possibilità: o si rivolgono a Milingo oppure andranno in Africa a preparare il ragù al vescovo sedevacantista che lì pare abbia aperto un ristorante.

Carla ha detto...

Scusate, non riesco a comprendere perchè dobbiamo minimizzare questo episodio: è stato "gonfiato", sarà senz'altro così, ma questo individuo ha fatto del male molto male, e lo sta facendo tuttora, alla Chiesa e a Papa Benedetto tanto quanto (se non di più) gli attacchi dei tradizonali avversari laici e non. Finora gli è andata troppo bene, ringrazi la misericordia divina, ma anche la S. Sede che si è finora astenuta da un qualche intervento diretto e deciso nei suoi confronti (e le modalità le avrebbe sicuramente, trovate, anche se Williamson non è in piena comunione con la Chiesa) .

sam ha detto...

Che strano che sui blog cattolici facciano sempre tutti a gara a chi sembra più misericordioso, (raccomandando più moderazione a chi effettivamente è troppo passionale come me quando sono contraddette le Verità di fede) tranne in questo caso per uno che ha contraddetto una verità terrena.
Io avrei ottime ragioni per gioire, visto che ho subito anche personalmente uno scontro con un gruppo di nazi-tradizionalisti e istintivamente provo una totale disistima e antipatia per loro e tuttavia questo "dagli al Vescovo negazionista!" da parte di cattolici mi fa un po' male, mentre concordo con chi consiglia che ora si ritiri in buona pace nel silenzio, in preghiera e in penitenza.
Non però che tutti noi, per altre ragioni, non ne abbiamo bisogno! Almeno in Quaresima ricordo a me stessa: "chi è senza peccato...". Se infatti "di ogni parola infondata gli uomini renderanno conto nel giorno del giudizio; poiché in base alle tue parole sarai giustificato e in base alle tue parole sarai condannato" Mt12,36-37 e "Non c'è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto" Lc 12,2-3, credo che nessuno, men che meno io, possa star troppo tranquillo.
Forse Wiliamson è più fortunato di noi che un primo giudizio sulle sue parole l'ha subito già qui ed è messo nelle condizioni di ravvedersi.
Ricordo infine che un tale Battisti, reo non di pur odiose opinioni, ma di diversi omicidi su persone innocenti, se ne sta a ballar la samba a Rio mentre il Presidente Lula distribuisce i preservativi.

Candide ha detto...

Chi semina il vento raccoglie la tempesta.... Quel pover'uomo che è Hans Kueng ha fatto danni incalcolabili, dunque deve recarsi quanto prima in un convento e tacere, fare penitenza. Ha scatenato degli attachi grossi al nostro Papa; il Papa ha preso su di sé il fardello della fine delle scomunica; è costato di più anche a causa delle sue esternazioni; allora, cari fratelli di Noi Siamo Chiesa e teologi tedeschi e simili.., dovete tenere conto della grande pazienza e mitezza di Ratzinger; Kueng non è più degno dell'accoglienza e della bontà grande di Benedetto, per adesso. Deve proprio essere conscio no? E moltissimi dei "progressisti" hanno offeso il Papa. Anche loro adesso devono tacere, per favore!


Scusate, non riesco a comprendere perchè dobbiamo minimizzare l'intevista di Kueng a Le Monde, come pure quella all'Annunziata: è stata forse sopravvalutata come impatto all'interno della Chiesa, sarà senz'altro così, ma quell' individuo ha fatto del male, molto male, e lo sta facendo tuttora, alla Chiesa e a Papa Benedetto tanto quanto (se non di più) gli attacchi da parte dei tradizionalisti estremi. Finora gli è andata troppo bene, ringrazi la misericordia divina, ma anche la S. Sede che si è finora astenuta da un qualche intervento diretto e deciso nei suoi confronti (e le modalità le avrebbe sicuramente trovate, anche se Kueng già perse la cattedra di teologia cattolica da lungo tempo -ma esistono ulteriori censure possibili) .

Raffaella ha detto...

Kung si qualifica da solo.
Piu' parla, scrive e piu' rilascia interviste e piu' i Cattolici (quelli veri) si rendono conto di chi sia misericordioso e chi integralista.
Per fare qualcosa bisognerebbe intervenire nelle facolta' teologiche tedesche ora saldamente in mano a Kung ed ai suoi amici e seguaci.
Non e' solo lui il problema ma tutta la dottrina "kungiana".
R.

sam ha detto...

@candide
:-D

Mons. Haas ha detto...

Raffa, ti segnalo questo caso (veramente) "da manuale", successo in Svizzera, di distorsione di alcune innocentissime e ragionevolissime parole di un Vescovo (che però, essendo anche solo moderatamente 'non del tutto allineato', si tenta di impallinare in tutti i modi..) :

http://www.kreuz.net/article.8733.html


[Chiedi ad Eufemia o a chi può , di tradurtelo, perchè è davvero un caso esemplare, da esporre al pubblico italiano..]


(Ma d'altronde, lo sappiamo: le bestie nere della Santa Sede sono e sono state tante: Coira, Linz, Limburg, etc... perchè stupirsi? Nervi scoperti che, chi li tocca...)

Raffaella ha detto...

Grazie :-)
R.

Mons. Haas ha detto...

Però, Raffa attenta che ieri persino Radio Gemmingen (oops, Radio Vatikan) , si è dissociata ufficialmente da kreuz.net (che Zoellitsch e soci considerano nazisti paralefebvriani! :) , e lo ha condannato anche per il fatto che tale sito linka a RadioVatikan ("Ma noi non ci possiamo fare purtroppo niente", si son rammaricati).

Raffaella ha detto...

Oh, ma davvero? ;-))
Beh, poco male...noi siamo molto liberali e mettiamo i link a tutti i siti possibili ed immaginabili.
Abbiamo citato kreuz.net ma anche Le Monde :-)
R.

Anonimo ha detto...

Devo dire che resto basito di fronte a cesti commenti.
Wiliamson ha detto delle enormità che avrebbe potuto e dovuto risparmiarsi, ma qui sembra ci sia gente convinta che se non le avesse dette nulla sarebbe successo ed anzi tutti (mass media licisti, rabbini, cattoprogressisti assortiti, ecc...) avrebbero applaudito il Papa per la revoca delle scomuniche, e vissero tutti felici e contenti.
Non pensavo sino a poco tempo fa di poterlo dire, ma per certi versi anche a me quel vescovo comincia a stare simpatico.

sam ha detto...

Esiste da qualche parte una traduzione in Italiano dell'articolo segnalato da Mons.Haas (nik-name immagino..)?