lunedì 23 marzo 2009

Prolusione del card. Bagnasco: nota Sir


Vedi anche:

Finalmente i vescovi italiani intervengono a sostegno del Santo Padre: le parole della prolusione del card. Bagnasco

Lefebvriani, card. Bagnasco: attacchi pretestuosi al Papa

L'impegno di Papa Ratzinger: difendere la fede, innanzitutto. Vittorio Messori commenta la lettera del Santo Padre ai vescovi

IL PAPA E' RIENTRATO A ROMA: BENTORNATO, SANTO PADRE!

Card. Bagnasco: irrisione e volgarità sul viaggio del Papa in Africa con l'intento di oscurarlo

Si svegliano anche i vescovi italiani (meglio tardi che mai): volgarità contro il Papa

Lucia Annunziata: Papa Benedetto sta mostrando un coraggio pubblico nel mettersi in gioco che è raro vedere nei leader politici

Rilanciamo l'appello di Patrice de Plunkett. Chiesa e media: dissipiamo i malintesi

Il Papa ricorda le due ragazze morte allo stadio: non accada più!

IL PAPA, SULL'AEREO CHE LO RIPORTA A ROMA, RACCONTA AI GIORNALISTI IL SUO VIAGGIO IN AFRICA: AUDIO INTEGRALE

Il Papa è in volo verso Roma. A bordo dell’aereo ha parlato con i giornalisti della sua esperienza in Africa. Trascrizione (Radio Vaticana)

Il commento di padre Lombardi al viaggio del Papa in Africa (Radio Vaticana)

NUOVI VIDEO INTEGRALI SU BENEDICT XVI.TV

Il Papa: la “prima sfida” è la solidarietà, tra generazioni, nazioni e continenti (AsiaNews)

Il Papa con i musulmani su fede e ragione. Li ha chiamati amici (Doldi)

Il viaggio del Papa in Camerun ed Angola: le speranze dell'Africa, le colpe dell'Occidente (Casavola)

Mine vaganti. In Africa il preservativo, in Brasile l'aborto (Magister)

Dal Papa appello ai governi africani: "Impegnatevi per il bene comune"

Il Papa in Africa: il dito e la luna. Miopia e parzialità dei media (Deriu)

L'opposizione romana al Papa secondo l'abbé Barthe. Seconda parte (Messainlatino)

Il Papa si congeda dall'Angola: "Fratelli e amici di Africa, carissimi angolani, coraggio! Non vi stancate di far progredire la pace, compiendo gesti di perdono e lavorando per la riconciliazione nazionale, affinché mai la violenza prevalga sul dialogo, la paura e lo scoraggiamento sulla fiducia, il rancore sull’amore fraterno" (Discorso di Congedo)

Il Papa in Africa per un domani migliore (Zavattaro)

Un milione di persone a Luanda per la Messa. Papa Ratzinger attraversa le periferie con la papamobile (Bobbio)

Benedetto XVI saluta l'Africa ed elogia le donne (Tornielli)

Benedetto XVI non è solo. Fallito il tentativo di ridurre il viaggio in Africa alle polemiche (Luca Volonté)

Papa Ratzinger oltre i confini della politica (Sabbatucci)

Il Papa: fede e donne contro le tenebre dell'Africa (Izzo)

Nella giornata conclusiva del suo viaggio Benedetto XVI parla di pace e riconciliazione (De Carli)

La preghiera del Papa per le due ragazze morte nella calca allo stadio (Tornielli)

Luca Volonté: Hanno bisogno di latte. Noi gli diamo lattice (Libero)

Incontro del Papa con i giovani: il commento di Gian Guido Vecchi

Sacro romano disordine. Un’istantanea della curia vaticana (Magister)

L'analisi: il viaggio «cucinato» dai mass media e quello che c’è stato davvero (Muolo)

Il Papa: "Oggi nessuno dovrebbe più dubitare del fatto che le donne, sulla base della loro dignità pari a quella degli uomini, hanno pieno diritto di inserirsi attivamente in ogni ambito della vita pubblica, e il loro diritto deve essere affermato e protetto anche mediante strumenti legali, là dove questi appaiano necessari" (Discorso ai Movimenti Cattolici per la Promozione della Donna)

Festa africana per Benedetto XVI che, nel nome di Cristo, all’abbraccio del continente si è consegnato senza riserve (Muolo)

Il Papa: "Popolo di Dio in Angola e in tutta l’Africa del Sud: Alzatevi! Ponde-vos a caminho! (2 Cr 36, 23). Guardate al futuro con speranza, confidate nelle promesse di Dio e vivete nella sua verità" (Omelia nella Spianata di Cimangola a Luanda)

IL PAPA IN CAMERUN ED ANGOLA: I VIDEO, I PODCAST E LE FOTO

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN E ANGOLA (17-23 MARZO 2009): LO SPECIALE DEL BLOG

DISCORSI ED OMELIE DEL SANTO PADRE IN CAMERUN ED ANGOLA

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

PROLUSIONE CARD. BAGNASCO: NOTA SETTIMANALE

Pubblichiamo la nota SIR di questa settimana.

Il viaggio in Africa di Benedetto XVI lo ha dimostrato in modo palese: c’è una sorta di doppio registro tra la realtà delle cose e le precompressioni di un certo laicismo.
Mentre il Papa si apprestava ad un vigoroso appello all’Africa, ad una precisa denuncia, e a disegnare orizzonti concreti di speranza e di futuro, media, istituzioni e politici di diversi Paesi europei si concentravano su una questione – i preservativi – “che francamente non aveva ragione d’essere”.
In questo senso l’Italia – e le forze politiche italiane – si sono distinte in positivo, quando non hanno fatto eco al piccolo coro del preteso politicamente corretto.
È partito di qui, da una vicinanza affettuosa e motivata al Papa, il cardinal Bagnasco, aprendo i lavori del Consiglio permanente della Cei. Rilancia così, in particolare a proposito della vicenda dei lefebvriani e della lettera papale del 10 marzo “la migliore tradizione del nostro cattolicesimo: stare con il Papa, sempre e incondizionatamente”. Che non significa non avere consapevolezza dei problemi ma affermare la fiduciosa certezza di stare in questo modo dalla parte della persona e, in particolare, proprio dei più deboli.
Al fondo di reiterati e, dunque, un po’ marchiani tentativi di mettere il Papa in difficoltà, Bagnasco constata un tema sempre vivo, la questione del secolarismo. C’è il radicato disegno di affermare l’irrilevanza del cristianesimo e, in particolare, del cattolicesimo, tanto più da quando Benedetto XVI si è fatto paladino della riaffermazione della “religione secondo ragione”. Il presidente della Cei sottolinea le alternative visioni antropologiche e “una diversa concezione della libertà”. Qui è forse il punto: la contrapposizione, nella pratica, nella vita quotidiana e, dunque, anche nella legislazione e negli indirizzi sociali tra l’idea di una libertà “per il bene dell’uomo”, correlata con gli altri fondamentali valori, e l’idea della libertà individuale “come valore assolutamente primo”, priva di relazione, legge a se stessa. In questo caso il monito del cardinal Bagnasco è molto preciso, contro “un nichilismo gaio e trionfante, in quanto illuso di aver liberato la libertà, mentre semplicemente la inganna rispetto ad una necessaria e impegnativa educazione della stessa”. Ecco il senso delle critiche al Papa, il tentativo di confinarlo nell’irrilevanza, proprio mentre l’opinione pubblica occidentale sta misurando le contraddizioni di un certo radicalismo libertario, nel suo esito appunto nichilistico, di cui l’eutanasia è esito e metafora tragica, come dimostrano i dibattiti di queste settimane. Il confronto però è aperto, la partita merita di essere giocata, superando ogni complesso di “rassegnazione culturale”. La comunità ecclesiale ne ha le risorse, proprio per il suo radicamento alla concretezza della vita della gente e per la forza di una fede di popolo.

© Copyright Sir

1 commento:

Alessandro VI ha detto...

Card. Bagnasco che queste parole pronunziate in questa prolusione non rimangano soltanto PAROLE!!!!!

Lo dice con il cuore, una persona che fu entusiasta della sua nomina alla presidenza della CEI ma, che nei giorni scorsi, ha perso un pò tanto la fiducia verso la Sua persona che considerava in modo scontato vicina al Santo Padre.
Per favore non continui a deludermi!!!!!!!!!!!!!
Sbagliare è umano ........ perseverare è diabolico!