giovedì 5 marzo 2009

Mons. Barreiro: l'attacco al Papa proviene anche da dentro la Chiesa e nella stessa Curia


Vedi anche:

Il Concilio che i media divisero fra “conservatori” e “progressisti". Intervista a Matthew Lamb (Sussidiario)

Inchiesta di Paolo Rodari: Il governo della curia romana al tempo di Papa Ratzinger. Parte terza

Inchiesta di Paolo Rodari: Il governo della curia romana al tempo di Papa Ratzinger. Parte seconda

Inchiesta di Paolo Rodari: Il governo della curia romana al tempo di Papa Ratzinger. Parte prima. Da incorniciare!

Carlo Di Cicco: Aspettando l'enciclica sociale (Osservatore Romano)

La svolta: Rinvenuto un nuovo documento sull'opera di Pio XII a favore degli ebrei perseguitati dal Nazismo (Radio Vaticana)

"Gli adattamenti erano necessari, ma s'è gettato tutto alle ortiche": parla il Canonico che ne aveva per tutti, da Bugnini a Lefebvre (R.S.)

Messaggio per la Giornata Mondiale della Gioventù. Il Papa invita a ridare la vera speranza ai giovani: Cristo (Radio Vaticana)

Il Papa: giovani, non seguite i cattivi maestri, ma portate Gesù ai vostri coetanei (AsiaNews)

All'Università di Padova si sventolano bavagli: sarebbe democrazia impedire la parola a Mons. Fisichella? (Cantuale Antonianum)

«Santo Padre, Le vogliamo bene»: il direttore di Avvenire risponde ad una lettrice

Il Papa ai giovani della GMG 2009: "Il Cristiano autentico non è mai triste, anche se si trova a dover affrontare prove di vario genere, perché la presenza di Gesù è il segreto della sua gioia e della sua pace" (Messaggio per la Giornata Mondiale della Gioventù 2009 che si celebrerà a livello diocesano il 5 aprile prossimo)

Un influente rabbino difende i Lefebvriani e il Papa. E consiglia di sceglier meglio i vescovi (Messainlatino)

Joseph Ratzinger: Eucaristia, comunione, solidarietà. Cristo presente e operante nel Sacramento (da "In cammino verso Gesù Cristo")

“Dispiace lo spirito che è troppo innovatore" (Rinascimento Sacro)

Ratzinger, il Papa "solista" (Accattoli)

Il vescovo inglese O'Donoghue consiglia ai Cattolici di sfidare i vescovi infedeli al Magistero (The Catholic Herald)

Quanti salgono in cattedra se il Papa parla del diavolo (Cardini)

Novi: non è la Chiesa che diventerà una setta, come profetizza Kung, ma è il “politicamente corretto” che sarà dissolto (Avanti)

Mons. Fellay: "Confesso che non ho preso abbastanza sul serio la situazione" (traduzione dell'intervista a Der Spiegel)

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Grazie agli amici di Messainlatino.it leggiamo:

Mons. Barreiro: l'attacco al Papa proviene anche da dentro la Chiesa e nella stessa Curia

Il ricco quotidiano on line Pontifex.Roma riporta un'interessantissima intervista di Bruno Volpe a mons. Ignacio Barreiro, del quale riportiamo un ampio excerptum, rinviando al link sopraindicato per leggere integralmente l'articolo

"L’infortunio del Vescovo Williamson è stato strumentalizzato da chi, fuori e dentro la Chiesa, non vuole l’accordo con la Fraternità San Pio X”, lo afferma in questa intervista Monsignor Ignacio Barreiro Carambula, Direttore di Vita Umana Internazionale.
“Ora le spiego ciò che sta capitando: credo che le imprudenti e non condivisibili dichiarazioni rilasciate da Monsignor Williamson, che per amor di precisione definisco riduzionista e non negativista [negazionista?], siano oggi strumentalizzate e che questa opera avvenga in duplice direzione. L’attacco proviene da chi, in settori progressisti, non vuole e rifiuta l’accordo con la Fraternità San Pio X e questi settori sono sia fuori della Chiesa, che dentro la Chiesa e nella stessa Curia”.
Crede che alla fine si raggiungerà questo accordo con la Fraternità?:
“io sono ottimista anche se sui tempi non saprei dire nulla. In ogni caso non vedo il motivo di agitarsi per alcune ... dichiarazioni di Mons. Fellay sul Vaticano II in quanto un cattolico non è fuori della comunione con Roma, tanto meno eretico se nutre delle perplessità sul Concilio Vaticano II. Quel concilio, infatti, fu pastorale e non dogmatico. Non avendo natura dogmatica non è fuori della ortodossia valutarne con spirito critico gli effetti e le applicazioni. Duole riconoscerlo: le dichiarazioni inaccettabili di Williamson, al quale compete di parlare su temi pastorali o teologici, ma non storici, hanno regalato su un piatto di argento ai settori progressisti la possibilità di mettere in pericolo l’accordo con la Fraternità di San Pio X che invece è da auspicare”.
Si ferma un attimo e aggiunge: “ ma molti dimenticano una cosa, il Papa vuole fermamente l’accordo e la comunione, è molto determinato e certamente non si fa spaventare da manovre di disturbo che al massimo possono raggiungere lo scopo di allontanare l’accordo di pochi mesi, ma non di farlo naufragare come qualcuno si augura”.
In una intervista Monsignor Bernard Fellay ha sostenuto che dopo il Concilio Vaticano II vi è stato un calo di vocazioni : “Fellay in questo dice la verità.
Guardi, ma non vi è bisogno di andare dietro le dichiarazioni di Fellay.
Se legge le statistiche dell’Annuario Pontificio del 2009 si notano crescite molto tenui nelle vocazioni rispetto alla lievitazione del numero dei cattolici. Significa, senza tanti giri di parole, che le cose non vanno per niente bene. Queste cose non le afferma Fellay, ma testi provenienti dalla Santa Sede”.
E nel campo dei tradizionalisti?: “qui la tendenza è opposta. Rispetto al numero dei cattolici, la lievitazione di sacerdoti tradizionalisti e di seminaristi è in crescita. Il dato statistico insomma dice che la messa antica non è per niente morta, ma viva e vitale”. [..]

da Messainlatino.it

1 commento:

Ildefonso ha detto...

Ottimo