mercoledì 4 marzo 2009

Un influente rabbino difende i Lefebvriani e il Papa. E consiglia di sceglier meglio i vescovi (Messainlatino)


Vedi anche:

La chiesa di San Nicola di Bari e la nostalgia dell'unità (Osservatore Romano)

Convince tutti la Chiesa dei deboli: plauso unanime al Papa che guarda ai disoccupati (Berio)

Quaresima: come cambia la penitenza (Galeazzi e Giubilei)

La Chiesa alla riscoperta della questione sociale (Santini)

Joseph Ratzinger: Eucaristia, comunione, solidarietà. Cristo presente e operante nel Sacramento (da "In cammino verso Gesù Cristo")

A colloquio con Gennaro Auletta: "La falsa contrapposizione tra darwinismo e Chiesa" (Osservatore Romano)

Inchiesta di Paolo Rodari: Il governo della curia romana al tempo di Papa Ratzinger. Da incorniciare!

Camerun e Angola si preparano a ricevere il Papa (Osservatore Romano)

Gianni Alemanno: "Quello di Benedetto XVI è un Pontificato straordinario..."

Il portavoce vaticano difende la comunicazione della Santa Sede (Zenit)

La procura di Ratisbona rinuncia all'estradizione di Mons. Williamson (Agi)

“Dispiace lo spirito che è troppo innovatore" (Rinascimento Sacro)

Ratzinger, il Papa "solista" (Accattoli)

Il vescovo inglese O'Donoghue consiglia ai Cattolici di sfidare i vescovi infedeli al Magistero (The Catholic Herald)

La svolta dei vescovi tedeschi: fuori dalla Chiesa chi non accetta l'autorità del Papa e del Concilio. Vale per tutti?

Quanti salgono in cattedra se il Papa parla del diavolo (Cardini)

Novi: non è la Chiesa che diventerà una setta, come profetizza Kung, ma è il “politicamente corretto” che sarà dissolto (Avanti)

Il Papa: difendere i lavoratori e le famiglie (Vecchi). L'ex leader Fiom applaude il Pontefice (Marro)

Mons. Fellay: "Confesso che non ho preso abbastanza sul serio la situazione" (traduzione dell'intervista a Der Spiegel)

Quelle tute blu a San Pietro (Di Fiore)

Per la serie "il bel tacer non fu mai scritto", il vescovo di Linz: "La Chiesa ritrovi l'unità"

Amicone scrive a Repubblica: Caro direttore, la teologia di Vito Mancuso è “cattolica” quanto il “Banco di san Paolo” è di san Paolo? (Tempi)

Papa Benedetto XVI e la liturgia: testo monumentale del professor Davide Ventura (Zenit)

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Grazie al sapiente lavoro degli amici di "Messainlatino.it" leggiamo:

Un influente rabbino difende i lefebvriani e il Papa. E consiglia di sceglier meglio i vescovi.

In un’intervista rilasciata alcune settimane fa a LifeSiteNews.com, il rabbino Yehuda Levin, influente presidente di un gruppo di 800 rabbini negli Stati Uniti e Canada, ha commentato la revoca delle scomuniche ai lefebvriani in modi che contraddicono radicalmente certe interessate proteste di alcuni suoi colleghi e, soprattutto, dei professionisti del dissenso e del progressismo.

Secondo il rabbino, il movimento "di sinistra" nella Chiesa cattolica ha seriamente minato negli ultimi 40 anni l’insegnamento ecclesiale sulla vita e la famiglia.

"Io sono d’accordo con questa mossa" di riconciliare la fazione tradizionalista della Chiesa, dice il rabbino, "perché comprendo il quadro più ampio, che è quello che la Chiesa cattolica ha un problema. C’è una forte ala sinistra nella Chiesa che sta causando un danno incommensurabile alla fede". Rabbi Levin ha detto che comprende "perfettamente" perché la riconciliazione è vitale alla battaglia contro l’aborto e il movimento omosessuale.

"Comprendo che è molto importante riempire i banchi della Chiesa cattolica non con cattolici 'per cultura' e con progressisti, che stanno aiutando a distruggere la Chiesa e a corrompere i valori della Chiesa cattolica". Questa corruzione, ha detto, "ha un effetto a catena su ogni singola comunità religiosa nel mondo".

"Che cosa sta facendo il Papa? Sta cercando di recuperare i tradizionalisti perché hanno molte cose importantissime per contribuire al bene comune del cattolicesimo".

"Ora, se nel processo ha inavvertitamente incluso qualcuno che è importante nel movimento tradizionalista e che è avvenuto abbia detto cose molto strane circa l’Olocausto, è questa una ragione per gettare il bambino con l’acqua sporca e iniziare a condannare Papa Benedetto? Assolutamente no".

Durante una visita a Roma alla fine di gennaio, Rabbi Levin ha detto a LifeSiteNews.com di credere che il furore dei media sulla revoca delle scomuniche dei quattro vescovi della FSSSPX è un pretesto.

Ha definito "risibili" le accuse di antisemitismo a Papa Benedetto XVI o alla Chiesa cattolica e ha descritto come "molto forti" le affermazioni con cui la Santa Sede e il Papa hanno preso le distanze dai commenti di Williamson.

Rabbi Levin era a Roma per tenere incontri ad alto livello in Vaticano e proporre quel che ha chiamato "un nuovo corso di pensiero" per il dialogo interreligioso della Chiesa, una basato su insegnamenti morali comuni, specie sul diritto alla vita e la santità del matrimonio naturale.

"Il punto più importante", ha detto, è il lavoro che la Chiesa sta compiendo "per salvare bambini dall’aborto, e salvare le menti dei bambini e dei giovani, aiutandoli a riconoscere il bene e il male sui temi della vita e della famiglia".

"Qui è dove deve indirizzarsi l’ecumenismo e il dialogo interreligioso".

Sebbene i numeri siano difficili da determinare, si stima che la Frat. S. Pio X abbia oltre un milione di fedeli nel mondo. Il movimento tradizionalista nella Chiesa cattolica è notato per l’ortodossia dottrinale e l’entusiasmo non solo per pratiche devozionali fuori moda, ma per l’insegnamento morale della Chiesa e l’opposizione ai costumi sessuali postmoderni. I liberali nella Chiesa, e specie in Europa, si sono acidamente opposti ad ogni apertura alla FSSPX e agli altri tradizionalisti, in particolare al recente permesso del Papa di ripristinare la Messa in latino tradizionale.
[..]

Rabbi Levin ha difeso in particolare Papa Benedetto, dicendo che è lui il genio dietro i passi di Papa Giovanni Paolo II per riconciliare la Chiesa con la comunità ebraica.

"Chiunque capisce e segue la storia vaticana sa che nelle ultime tre decadi, uno dei sostegni morali e intellettuali del papato di Giovanni Paolo II, era il card. Ratzinger". "E perciò, molte cose che ha fatto Papa Giovanni Paolo II circa l’Olocausto, egli [Benedetto] potrebbe averle fatte lui, sia visitare Auschwitz o visitare e parlare nelle sinagoghe o chiedere perdono. Molto di tutto questo aveva la diretta ispirazione del card. Ratzinger.

Chiunque non capisce questo non comprende che quest’uomo, Papa Benedetto XVI, ha una storia di decenni di antinazismo e di simpatia per gli Ebrei"

In un altro intervento, sempre su LifeSiteNews.com, il rabbino Levin aggiunge che "a questo punto c’è stata una sconfessione magnificamente forte del Vaticano rispetto al vescovo Williamson e perciò la comunità ebraica, a giudicare dalle dichiarazioni, sembra essere soddisfatta che le cose stiano andando nel senso giusto".

"Questo andrà ad aumentare l’agitazione dei Cattolici progressisti, sia dentro la Chiesa che fuori, perché adesso devono portare la palla da soli, nel senso di continuare l’attacco al Papa".
[..]

Rabbi Levin suggesisce che vi sia un aspetto positivo nella crisi. "E’ diventato ora per tutti molto chiaro da vedere, l’estremo pericolo di avere alcuni che tengono alte posizioni nella Chiesa e tentano di distruggere la loro stessa chiesa e attaccare il loro stesso papa".

Ha aggiunto: "l’aspetto positivo è che ora le linee di battaglia sono chiare".

"Il rimedio, io credo", dice il rabbino "è che la gerarchia ecclesiastica intraprenda una forte azione nel trattare con questo tipo di insurrezione". Ha aggiunto: "Questo dovrebbe essere un segnale significativo per il Papa, che è assolutamente essenziale che le persone giuste siano nominate in ogni incarico dappertutto nel mondo. E i fedeli della Chiesa hanno bisogno di una leadership priva di ambiguità, in linea con l’insegnamento tradizionale della Chiesa".

da "Messainlatino.it"

5 commenti:

Caterina63 ha detto...

Rabbi Levin ha difeso in particolare Papa Benedetto, dicendo che è lui il genio dietro i passi di Papa Giovanni Paolo II per riconciliare la Chiesa con la comunità ebraica.

*****************************

Allelja! (anche se in Quaresima non si dice!)^___^ finalmente si comincia a rendere giustizia alla verità...quando lo dicevamo noi dieci anni fa o quando il Papa andò alla sinagoga di Roma (DOPO CHE Ratzinger gli suggerì cosa dire e cosa non fosse il caso di dire...^__^) ci rendevano per pazzi, seguendo proprio la profezia di Gesù..."vi diranno: pazzi!!"
^__^

Grazie Rabbì Levin ^__^

Per il resto ma amici...non dimentichiamo che Maria, Figlia di Sion, era ebrea...Giuseppe era Ebreo...Gesù non per nulla è della stirpe di Davide...gli Apostoli sono ebrei...
L'ebreo ONESTO non può che sostenere il Papa anche restando ebreo ^__^

Il problema SIAMO NOI, i tanti cattolici che non sostengono affatto il Papa, ma bensì le proprie opinioni...

Rabbì Levi il Papa ha provato a scegliersi un vescovo, ma anche lei ha veduto cosa è accaduto ??
^__^

Ora aiutateci ED AIUTATEVI ANCHE VOI stessi...NON imponete e non obbligate contro i vari negazionismi perchè è quando si impone, è quando s obbliga che si da origine alla opposizione e si da origine all'odio, alle antipatie...

Bisoga spingere l'Uomo AD AMARE l'atro a scoprire l'Amore di Dio NON ad imporlo...questo ci sta dicendo Papa Ratzinger e gli altri Pontefici prima di lui....^__^

Fraternamente CaterinaLD

mariateresa ha detto...

certo che leggere questa difesa di un rabbino eppoi leggere Kung, è come passare dai tortellini ai finocchi lessi a pranzo.
Mah.

euge ha detto...

Bello questo paragone mariateresa! :-)))))

sasso ha detto...

un rabbino consiglia il Papa di scegliere meglio i vescovi????
dica al rabbino che lo spirito santo consiglia il Papa su quale vescovo scegliere.
lasciamo perdere prima che il rabbino compia il suo compito... di innervosirmi....

sasso ha detto...

a me le difese del rabbino non interessano,le parole del rabbino non interessano; è lui che non ascolta e non vede!a lui va la mia compassione e la mia preghiera.
Gesù era il messia del popolo eletto,gli ebrei.
Ebrei sono coloro che hanno creduto a Gesù messia.
Questo è il Nuovo Testamento ,questa è la nuova storia che ha negato la precedente.Questa è la legge che gli ebrei seguono.