martedì 24 marzo 2009

Mons. Guido Marini: Le cerimonie africane con elementi tipici e universali (Osservatore Romano)


Vedi anche:

IL PAPA INCONTRA I GIORNALISTI IN AEREO: VIDEO THE VATICAN (Ottima iniziativa!)

Non esiste amore più grande di questo: sacrificare la propria immagine per l’Africa (Tempi)

Angelo Bertani: Eppure... voglio bene al Papa

Anche sulle parole pronunciate ieri dal cardinale Angelo Bagnasco si è verificato l'ennesimo esercizio di manipolazione (Osservatore Romano)

Pretendo il mea culpa da chi diceva che Benedetto XVI non è amico degli ebrei (Giorgio Israel)

Il Papa a Luanda: «Sono qui per portare un messaggio di perdono e speranza» (Muolo)

INCONTRO DEL SANTO PADRE CON I GIORNALISTI SULL'AEREO DI RITORNO DAL VIAGGIO IN AFRICA

Singolare parabola dei "maestri" di pensiero laico: I critici sul preservativo di colpo zitti sui problemi dell'Africa (Cardia)

Il ministro degli esteri francese conferma le critiche al Papa. Ma che cosa fa CONCRETAMENTE la Francia per l'Africa salvo predicare il preservativo?

I Lefebvriani accolgono la richiesta della Santa Sede e spostano le ordinazioni suddiaconali ad Ecône: comunicato di Mons. Fellay (traduzione)

Il dolore per le due ragazze morte poco prima dell'incontro del Papa (Osservatore Romano)

I Lefebvriani accolgono la richiesta della Santa Sede e spostano le ordinazioni suddiaconali ad Ecône: comunicato di Mons. Fellay

Il congedo del Pontefice dal continente dopo sei intense giornate. Dalla parte delle popolazioni che vogliono rinascere (Osservatore Romano)

Scambio di telegrammi fra Benedetto XVI ed il Presidente Napolitano al rientro del Papa dall'Angola

I vescovi italiani, ieri, un colpo esplicito in difesa di Papa Ratzinger l’hanno finalmente battuto (Rodari)

A proposito dei media, del Papa e dei vescovi...

Card. Bagnasco: il Papa travisato dai media ed irriso dai politici (Izzo)

Casini: "Vedo una manina occulta rappresentata dalla massoneria dietro queste ripetute critiche rivolte al Papa". Finalmente qualcuno parla chiaro!

Il Papa non sta al gioco dello spariglio, che assolve alla fine sempre tutti. Per questo il suo viaggio è stato un successo (Bobbio)

Card. Bagnasco: «Basta irrisioni e offese al Papa» (Accornero)

Questo attacco concentrico al Papa non tradisce forse una forma di "terrore"?

Dove porta la sincerità del Papa: articolo "sibillino" di Arrigo Levi

Andrea Tornielli: Il Papa in Africa, un bilancio di due viaggi (quello reale e quello virtuale)

John L. Allen: Il viaggio reale in Africa, oltre le cronache dei media (Sussidiario)

Solo l’Africa vuole ascoltare Benedetto XVI? (Accattoli)

Sacro romano disordine. Un’istantanea della curia vaticana (Magister)

Bagnasco: «Il Papa offeso e irriso da politici e media» (Alfano)

«Alzatevi e mettetevi in cammino» Il messaggio del Papa scuote l'Africa (Acquaviva)

Benedetto XVI: pari dignità alle donne. Il Papa prega perché uomini e donne della Terra «volgano i loro occhi all'Africa» (Vecchi)

Intorno al Concilio Vaticano partita decisiva per la Chiesa. Stefano Alberto commenta la lettera del Papa ai vescovi

E' il momento dei ringraziamenti (a Telepace ed ai siti di Avvenire, Radio Vaticana e Zenit). Inclassificabile ed inqualificabile il sito del Vaticano

Il «grazie» ai giornalisti durante il volo di ritorno. Il Papa impressionato dall'accoglienza degli Africani (Osservatore Romano)

L'impegno di Papa Ratzinger: difendere la fede, innanzitutto. Vittorio Messori commenta la lettera del Santo Padre ai vescovi

Lefebvriani, card. Bagnasco: attacchi pretestuosi al Papa

L'opposizione romana al Papa secondo l'abbé Barthe. Seconda parte (Messainlatino)

Lucia Annunziata: Papa Benedetto sta mostrando un coraggio pubblico nel mettersi in gioco che è raro vedere nei leader politici

Il Papa ricorda le due ragazze morte allo stadio: non accada più!

IL PAPA, SULL'AEREO CHE LO RIPORTA A ROMA, RACCONTA AI GIORNALISTI IL SUO VIAGGIO IN AFRICA: AUDIO INTEGRALE

Il Papa in Africa: il dito e la luna. Miopia e parzialità dei media (Deriu)

Benedetto XVI non è solo. Fallito il tentativo di ridurre il viaggio in Africa alle polemiche (Luca Volonté)

Il Papa: fede e donne contro le tenebre dell'Africa (Izzo)

IL PAPA IN CAMERUN ED ANGOLA: I VIDEO, I PODCAST E LE FOTO

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN E ANGOLA (17-23 MARZO 2009): LO SPECIALE DEL BLOG (raccolta di notizie, commenti, articoli ed interviste)

DISCORSI ED OMELIE DEL SANTO PADRE IN CAMERUN ED ANGOLA

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

A colloquio con monsignor Guido Marini, maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie

Le cerimonie africane con elementi tipici e universali

di Mario Ponzi

A Yaoundé è iniziata, almeno questa è la speranza, una stagione nuova per l'Africa. Una stagione di riconciliazione, di giustizia e di pace. E la Chiesa è insieme a questo popolo immenso, con tutto il suo fardello di dolori e di sofferenze, ma anche con tutto il prezioso tesoro di valori contenuti nella sua cultura tradizionale, con la genuinità e la freschezza della sua fede e con il suo profondo rispetto per il sacro.
Il Papa, durante l'incontro con i giornalisti al seguito, a bordo dell'aereo sulla via del ritorno a Roma, tra gli altri argomenti affrontati, ha voluto sottolineare proprio questa caratteristica dell'anima africana, il senso del sacro. Anche durante le celebrazioni presiedute in questi giorni, nelle quali sono stati inseriti elementi espressivi della religiosità e della cultura africana, ha mostrato di apprezzarne la compostezza, la fede sincera che riescono effettivamente a esprimere e la forza trainante che esercitano sull'assemblea dei fedeli, rendendone viva e concreta la partecipazione. Esemplare in questo senso è stata la messa nello stadio Amadou Ahidjo di Yaoundé per la consegna dell'Instrumentum laboris, dove un coro di oltre sessantamila persone ha sottolineato i momenti salienti come un'unica voce. La cosiddetta "africanizzazione" della messa ha sempre costituito oggetto, non tanto di discussione quanto piuttosto di studio e di verifica. Ne abbiamo parlato con il maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie, monsignor Guido Marini, il quale ha rilasciato questa intervista al nostro giornale.

Il Papa incontrando i giornalisti ha voluto sottolineare la bellezza delle celebrazioni liturgiche vissute in Africa, mettendone in risalto la grande dignità e la sacralità, manifestate anche attraverso alcune modalità espressive tipiche della cultura africana. A lei cosa è sembrato?

Sicuramente abbiamo partecipato a celebrazioni liturgiche durante le quali si è respirato il senso del sacro, in un clima di grande dignità, e tutto vi ha contribuito: il canto, il silenzio, la parola, alcune gestualità tipiche della cultura africana, le espressioni di gioia contenuta e religiosa. Sono stati incontri di preghiera molto intensi nei quali si è avuta la grazia di entrare nella bellezza del mistero di Dio e della Chiesa.

Come sono state preparate le celebrazioni liturgiche?

Si è lavorato a lungo e per tempo perché tutto potesse realizzarsi nel migliore dei modi. Prima, come di consueto per la preparazione dei viaggi, abbiamo avuto alcune riunioni a Roma con i responsabili liturgici locali; poi ci siamo recati sul posto per visitare i luoghi delle celebrazioni e portare avanti la preparazione avviata; infine, durante il viaggio papale, abbiamo fatto ancora qualche sopralluogo e le prove con tutti gli incaricati dei diversi servizi liturgici. La collaborazione è stata molto cordiale e generosa, e da parte dei responsabili locali per la liturgia vi è stata molta disponibilità a seguire le indicazioni ricevute e a definire insieme anche i dettagli.

Secondo lei come si può conciliare la necessità del rispetto dei canoni della liturgia con la manifesta volontà degli africani di esprimere la loro fede secondo la cultura tradizionale africana che del resto ha innato, come ha voluto ricordare il Papa, il rispetto per il sacro?

Sono del parere che il punto di partenza debba essere sempre la realtà più intima e vera della liturgia, il suo essere celebrazione del mistero del Signore, della sua morte e risurrezione per noi uomini e per la nostra salvezza, preghiera della Chiesa nella quale tutti entriamo in vista di una conversione vera della vita. Quando le diverse espressioni culturali vengono messe al servizio di questa celebrazione è possibile che trovino adeguato spazio ed espressione nella liturgia. Non la devono cambiare, perché la liturgia è un dono prezioso donato alla Chiesa e da essa vissuto nella continuità della sua tradizione, che non è modificabile soggettivamente e arbitrariamente; possono però offrirle una forma espressiva culturale, tipica e arricchente. Mi pare di poter affermare che questo è quanto è stato vissuto nei giorni della visita di Benedetto XVI in Africa.

Le sette religiose basano il successo del loro proselitismo proprio sulla capacità di mimetizzarsi con la cultura africana. Visto che gli africani sembrano tenere molto all'inserimento nelle loro celebrazioni di elementi tipici della loro cultura cosa si può fare per aiutarli a identificarsi sempre meglio e sempre di più con la celebrazione della messa?

Il discorso riguardante le sette comporta una molteplicità di problematiche, tra l'altro complesse. Penso, tuttavia, che per quanto attiene alla liturgia la possibilità che la cultura africana possa trovare adeguata collocazione nella celebrazione dei misteri del Signore sia senza dubbio di aiuto a superare il pericolo dell'adesione alle sette. Ritengo che sia importante anche ricordare che non tutte le espressioni culturali sono compatibili con la liturgia della Chiesa: vi può essere la necessità di educazione e di purificazione. È questo, d'altra parte, il cammino necessario di ogni cultura che si incontra con il Vangelo: ne rimane sanata e purificata e diventa capace di dargli una nuova espressione storica.

Il Papa è sembrato gradire le forme espressive manifestate durante le celebrazioni africane.

Mi sembra di sì, considerando anche le parole avute al riguardo da Benedetto XVI durante l'incontro con i giornalisti sull'aereo durante il viaggio di ritorno dall'Africa. Mi pare che il gradimento sia rivolto al fatto che in tali celebrazioni si è vissuto un intenso senso del sacro e del mistero, che grande è stato il raccoglimento, nonostante la grande folla di partecipanti, e che si è realizzata una fruttuosa compresenza di elementi tipici locali e di elementi universali. Si stavano vivendo delle celebrazioni liturgiche in Africa, ma si stava vivendo al contempo una celebrazione liturgica della Chiesa universale.

(©L'Osservatore Romano - 25 marzo 2009)

3 commenti:

mariateresa ha detto...

Se non ho le visioni, come i pastorelli di Fatima, mi pare che Lucetta Scarraffia e Marco Politi si fronteggino sulla 7. Avendo avuto la fugace visione, o il crudele incubo, a seconda dell'approccio, ho spento il televisore.
Perchè la nostra acidità di stomaco ha i suoi diritti.
La 7 non la guardo +, figurarsi stasera,
Se qualcuno, che lo stomaco foderato di quercia, ha resistito ne dia notizia. Se notizi c'è.

mariateresa ha detto...

Scusate la battuta sui pastorelli, se vedo certe persone mi saltano la glicemia e le transaminasi e non so più quello che dico.
Mio marito mi ha chiesto "ma chi è costui?" e io gli ho detto "tirrem innanz" e siamo approdati ai cartoni animati.
Non ne traggo giovamento intellettuale, ma adesso i miei esami del sangue vanno meglio.
Cosa volete , la salute è importante.

paola ha detto...

IO purtroppo ho guardato ed ascoltato.Politi e' il solito velenoso e la Scaraffia è assolutamente inadeguata un vero schifo