lunedì 16 marzo 2009

Secondo Zollitsch non ci sono punti che dividono la Conferenza episcopale tedesca e la Santa Sede (Sir)


Vedi anche:

Card. Vingt-Trois: “Benedetto XVI ha ascoltato ciò che è stato detto” (La Croix)

Presentati allo Yad Vashem nuovi documenti favorevoli a Pio XII. Andrea Tornielli racconta un incontro a porte chiuse svoltosi a Gerusalemme (Zenit)

Abbé Barthe: Esiste un’opposizione romana a Papa Benedetto XVI? Parte prima (Messainlatino)

Il Papa da martedì in Africa: «Stop a guerre e ingiustizie» (Bobbio)

Lettera del Papa ai vescovi, Vian: quell’affinità tra Benedetto XVI e San Paolo (Sussidiario)

Benedetto XVI esalta lo spirito di unità con i vescovi. Attesa per il viaggio in Africa (Conte)

Giallo sul primo incontro tra Obama e Benedetto XVI (Tornielli)

Il Papa parte per l' Africa, continente tra guerre e pandemie. Rischio di black out mediatico?

Manfred Lütz, teologo e psichiatra: Il Papa, ferito dalle polemiche, ha risposto con stile di pastore (Galli)

Papa in Africa, le sfide: Aids e sette (Il Tempo)

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

Il Papa si prepara a primo viaggio in Africa (Pullella)

Fuga di notizie, caccia al «servo di mezza tacca» (Vecchi)

"Se si trasforma la Chiesa in un talk-show". Straordinario editoriale di Andrea Tornielli, da leggere ed incorniciare!

Il Papa ed il verbo "divorare" nella lettera ai vescovi e nei saluti ai fedeli polacchi (Izzo)

Angelus del Santo Padre: il commento di Salvatore Izzo

Il Papa: "Parto per l’Africa con la consapevolezza di non avere altro da proporre e donare a quanti incontrerò se non Cristo e la Buona Novella della sua Croce, mistero di amore supremo, di amore divino che vince ogni umana resistenza e rende possibile persino il perdono e l’amore per i nemici" (Angelus)

Ai vaticanisti che tengono i conti dei fedeli: domani mi aspetto editoriali ed articoli sulla Piazza strapiena di oggi

La mano tesa di Benedetto XVI (Bianchi)

Con la lettera ai vescovi il Papa ammonisce i "suoi" e sfida la storia (Fontana)

Benedetto XVI sotto il fuoco "amico". Il Papa non sarà mai solo contro chi non vuol capire (Volonté)

Dalla parte della bambina brasiliana. Bellissimo intervento di Mons. Fisichella sull'Osservatore Romano. Da leggere e meditare!

Per riflettere: la Messa tridentina è roba da giovani. Ora cominciano ad accorgersene anche i progressisti. Che si inquietano...

Lettera del Santo Padre ai vescovi: una piccola riflessione (Raffaella)

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN E ANGOLA (17-23 MARZO 2009): LO SPECIALE DEL BLOG

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

Clicca qui per leggere l'intervista originale (in francese).

TRADUZIONE IN ITALIANO...CLICCA QUI

GERMANIA: SANTA SEDE, ZOLLITSCH (DBK), “NON CI SONO PUNTI CHE CI DIVIDONO"

Bilancio positivo per una visita di tre giorni a Roma di mons. Zollitsch, Presidente della Conferenza episcopale tedesca (Dbk). Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa cattolica tedesca Kna, riportando le dichiarazioni rilasciate da Zollitsch al termine di colloqui con il Papa, con il segretario di Stato Tarcisio Bertone e con i vertici della Curia vaticana. "Non ci sono punti che ci dividono", ha affermato Mons. Zollitsch, puntualizzando di non essere "stato accolto con alcun rimprovero" da alcuno.
Il Presidente della Dbk ha raccontato di aver presentato al Papa i timori di "molti buoni cattolici" che, sulle vicende legate ai lefebvriani temevano "il pericolo di una relativizzazione del Concilio" Vaticano II.
Il vescovo ha valutato positivamente la decisione di Benedetto XVI di incaricare la Congregazione per la dottrina della fede di condurre le trattative con i lefebvriani.
"In questo modo - ha commentato Zollitsch - si vedrà chi della Fraternità S. Pio X è disponibile a proseguire il cammino con la Chiesa cattolica e il Papa, o chi si separerà definitivamente da noi".
Ma oltre ai lefebvriani, anche altri temi sono stati discussi in Vaticano con Zollitsch: tra questi, le questioni di politica dell'istruzione, la situazione sociale in Germania e il futuro dell'Università cattolica di Eichstätt.

© Copyright Sir

Leggo:

"Non ci sono punti che ci dividono", ha affermato Mons. Zollitsch, puntualizzando di non essere "stato accolto con alcun rimprovero" da alcuno...

Excusatio non petita...

Noto con piacere che finalmente Zollitsch ammette che sara' la Santa Sede (e non le singole conferenze episcopali nazionali) a condurre i colloqui dottrinali con la Fraternita' San Pio X.
R.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Mons. Zollitsch è, con tutto il rispetto, un mediocre. E lo dimostra. Piuttosto, hai notato la corsa alla strumentalizzazione della lettera di Papa Benedetto? Ognuna delle parti in campo rigorosamente pro domo sua.
Alessia

Raffaella ha detto...

Eh si'...ma e' un giochino che non riuscira'!
R.

gianni ha detto...

"In questo modo - ha commentato Zollitsch - si vedrà chi della Fraternità S. Pio X è disponibile a proseguire il cammino con la Chiesa cattolica e il Papa, o chi si separerà definitivamente da noi".
Sembra quasi che si auguri che non ci siano "figli prodighi"!!!
Che amore per il prossimo!! Che carità!! Ma forse sbaglio io, forse si è sbagliato anche Cristo; nel Vangelo è scritto "Ut plurimum (:-)) sint?"
E' così?
Mah!!!! Ho un pò di confusione in testa!