domenica 15 marzo 2009

Manfred Lütz, teologo e psichiatra: Il Papa, ferito dalle polemiche, ha risposto con stile di pastore (Galli)


Vedi anche:

"Se si trasforma la Chiesa in un talk-show". Straordinario editoriale di Andrea Tornielli, da leggere ed incorniciare!

Il Papa si prepara a primo viaggio in Africa (Pullella)

Rilancio economico e sviluppo sociale per l'Angola che attende la visita di Benedetto XVI (Osservatore Romano)

ANGELUS DEL SANTO PADRE: VIDEO

Donare Cristo: l’intenzione del Papa per il prossimo primo viaggio apostolico in Africa (Radio Vaticana)

Fuga di notizie, caccia al «servo di mezza tacca» (Vecchi)

Il Papa ed il verbo "divorare" nella lettera ai vescovi e nei saluti ai fedeli polacchi (Izzo)

Angelus del Santo Padre: il commento di Salvatore Izzo

Il gesuita americano Reese spara la notizia di un incontro fra il Papa ed Obama in aprile. Smentita della Santa Sede

Papa Benedetto in Africa - giorno per giorno: video Benedict XVI.TV

Il Papa saluta le "coccinelle", bambine scout

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

Il Papa: "Parto per l’Africa con la consapevolezza di non avere altro da proporre e donare a quanti incontrerò se non Cristo e la Buona Novella della sua Croce, mistero di amore supremo, di amore divino che vince ogni umana resistenza e rende possibile persino il perdono e l’amore per i nemici" (Angelus)

Il Papa: Pellegrino in Africa annunciando Cristo crocefisso, che rinnova il mondo (AsiaNews)

Ai vaticanisti che tengono i conti dei fedeli: domani mi aspetto editoriali ed articoli sulla Piazza strapiena di oggi

Il Papa: l'Africa ha profonde ferite, ma anche grandi potenzialità e speranze

La mano tesa di Benedetto XVI (Bianchi)

Con la lettera ai vescovi il Papa ammonisce i "suoi" e sfida la storia (Fontana)

Pessima spiegazione della lettera del Papa in "A Sua Immagine"

Benedetto XVI sotto il fuoco "amico". Il Papa non sarà mai solo contro chi non vuol capire (Volonté)

Il Papa: "Grazie a questa collegialità affettiva ed effettiva, nessun Vescovo è solo, poiché è sempre e strettamente unito a Cristo, Buon Pastore, e anche, in virtù della sua ordinazione episcopale e della comunione gerarchica, ai suoi fratelli nell'Episcopato e a colui che il Signore ha scelto come Successore di Pietro "

Dalla parte della bambina brasiliana. Bellissimo intervento di Mons. Fisichella sull'Osservatore Romano. Da leggere e meditare!

L'editoriale di Vian, i Lefebvriani e l'incontro del Papa con gli ebrei: il commento di Gian Guido Vecchi

Don Bux e Don Vitiello: "Il servizio del Primato all’unità della Chiesa" (Fides)

Benedetto XVI e il realismo della fede. Lo strano divorzio tra esegesi biblica e teologia (Osservatore Romano)

Per riflettere: la Messa tridentina è roba da giovani. Ora cominciano ad accorgersene anche i progressisti. Che si inquietano...

La Chiesa che è in Angola si prepara ad accogliere il Papa il 20 marzo a Luanda (Osservatore Romano)

Lefebvriani, il sacrificio di Papa Ratzinger

La lettera del Papa ai vescovi riporta all'essenza del Vangelo: le riflessioni del card. Erdö e di padre Lombardi (Radio Vaticana)

Boffo commenta la lettera del Papa ai vescovi della Chiesa Cattolica

Si svegliano da un sonno durato quasi due mesi anche i movimenti cattolici...

Card. Ruini: E' affiorata ostilità in seno alla Chiesa (Calabrò)

Secondo Tosatti il vero obiettivo degli attacchi di vescovi e cardinali al Papa sarebbe Bertone...

Comunicato di Mons. Bernard Fellay sulla lettera del Santo Padre ai vescovi (traduzione in italiano)

La lettera del Papa ai vescovi: l'amarissimo commento di Ernesto Galli della Loggia (Corriere)

Un'ottima notizia: il museo dell’Olocausto rivede la leggenda nera su Pio XII (Tornielli)

Lettera del Santo Padre ai vescovi: una piccola riflessione (Raffaella)

José Luis Restan: In una lettera tutta l’umanità e il grande cuore di Benedetto XVI (Sussidiario)

Bellissimo editoriale del card. Ruini: la lettera del Papa ai vescovi è una comunicazione personale che supera i limiti dell'ufficialità (Osservatore)

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

LA MISSIONE DI PIETRO

«Benedetto XVI, volto di una paternità amabile»

Manfred Lütz, teologo e psichiatra: ferito dalle polemiche, ha risposto con stile di pastore

DI ANDREA GALLI

Saggista di successo – dal bestseller Il pia­cere della vita all’ultimo Dio. Una piccola storia del più Grande –, teologo e psichia­tra, Manfred Lütz è una delle più autorevoli vo­ci del laicato cattolico in Germania.
Ha preso parte al dibattito sul caso «Fraternità San Pio X» e alle reazioni di questi giorni all’ultima lettera di Benedetto XVI – rivolta ai vescovi e dedicata alla remissione della scomunica ai quattro ve­scovi lefebvriani –, in prima linea, tra passaggi televisivi e commenti sulla stampa. È membro del Pontificio Consiglio per i laici e della Ponti­ficia Accademia per la vita.

Dottor Lütz, tutti manifestano la loro vicinan­za al Papa dopo la sua lettera, anche i vescovi che fino a tre giorni fa lo hanno attaccato sen­za remore. Prodigi dello Spirito Santo o ipocri­sia?

«Non si deve escludere l’a­zione dello Spirito Santo, la conversione è una categoria cristiana molto importante. Credo che la lettera del Papa abbia fatto una grande im­pressione. Non è stata la let­tera di un funzionario, ma di un uomo che ha detto con molta franchezza, tra l’altro, di essere stato ferito. E questo ha colpito molto».

Un Papa mite, che ha senti­to sulla sua pelle l’intolle­ranza dei sedicenti tolleran­ti. Paradossale, no?

«Come psichiatra e psicote­rapeuta so bene cos’è l’intol­leranza dei tolleranti. Ci so­no persone che si ritengono tolleranti e non vedono la propria intolleranza, che è e­sclusa dal loro modo di con­cepirsi. Questa psicologia si è vista prepotentemente in questo caso. Anche quando venivano portati chiarimen­ti inequivocabili.
È stato fat­to notare più volte, per e­sempio, come il Papa abbia tolto la scomunica non solo ai lefebvriani ma anche ai ve­scovi legati al partito comu­nista cinese.
E comprensibil­mente, perché tra i compiti di un Pontefice, servitore e garante dell’unità della Chie­sa, c’è quello di sanare divi­sioni che durano nel tempo».

Le resistenze, anche da par­te episcopale, si erano già vi­ste con l’applicazione del motu proprio «Summorum Pontificum». Come se ci fosse un’insofferenza diffusa a tutti quegli atti che ricordano che la Tradizione della Chiesa non inizia con il Con­cilio Vaticano II.

«I progressisti radicali e la Fraternità San Pio X usano entrambi lo stesso paradigma nell’inter­pretazione del Concilio. Entrambi leggono il Va­ticano II come una rottura, in senso negativo o positivo. Un paradigma che non è cattolico. Quello cattolico riconosce una tradizione che non si interrompe ed è viva.
Benedetto XVI ha operato per riaffermare questa visione toccan­do un nervo scoperto e suscitando reazioni ag­gressive da parte tradizionalista e da parte pro­gressista. Quest’ultima, in questo senso, è del tutto simile alla Fraternità San Pio X».

Ci si morde e ci si divora» scrive Benedetto X­VI nella sua lettera...

«In Germania, una volta c’era tensione fra cat­tolici e protestanti. Oggi c’è un buon clima. Ma l’aggressività tra cattolici e protestanti è passa­ta all’interno del cattolicesimo stesso, tra con­servatori e progressisti. Anche all’interno del mondo riformato è avvenuta una cosa simile, con la divisione tra protestanti ed evangelici. Con alleanze inedite: i progressisti cattolici e i protestanti hanno contestato il Papa, mentre u­na delle difese decisive di Benedetto XVI è ve­nuta da Idea, la rivista più importante del mon­do evangelico».

Alle volte viene da pensare che da parte di qual­cuno ci sia un’insofferenza o un odio del Papa in quanto tale, ogni qualvolta si permette di e­sercitare la propria autorità petrina.

«È vero. Usando una chiave di lettura psicolo­gica, nella nostra società senza padre, come l’ha definita Alexander Mitscherlich, la Chiesa cat­tolica (quella governata appunto da un Santo Padre) è pressoché l’unica istituzione contro cui si può protestare. Essa attira su di sé l’aggressi­vità di coloro che non hanno più un padre con­tro cui scagliarsi.
Ma la paternità di Benedetto XVI è, in verità, tutto fuorché autoritaria.
Con il suo stile amabile e misericordioso, questo Pa­pa è l’esatto contrario di un 'Panzerkardinal', come amavano chiamarlo, tra l’altro, proprio coloro che oggi godrebbero nel vedere dei cri­stiani scomunicati».

Il Papa è solo, come tanti dicono?

«Penso che come ogni uomo che è stato ferito, in questo momento si possa sentire solo. Ma è anche vero che un uomo che reagisce come ha fatto nella sua lettera, e mi riferisco anche al­l’attenzione che ha avuto nel ringraziare chi lo ha sostenuto, dimostra di saper bene di non es­sere solo.
Va poi definitivamente sfatata l’idea secondo cui Benedetto XVI sarebbe estraneo al mondo di oggi. Mentre è un teologo che ha pas­sato tutta la vita ad analizzare, con una sensibi­lità impressionante, la cultura contemporanea».

Perché non è stato così aperto, si lamenta qual­cuno, verso i teologi della liberazione?

«Qui si riscontra spesso l’ignoranza della stam­pa laica, che sa cos’è una fatwa ma non sa più cosa sia una scomunica.

Per quanto riguarda la teologia della liberazione, ci sono state delle pre­se di posizione di carattere dottrinale e disci­plinare nei confronti dei singoli teologi, ma nes­suno è stato scomunicato.

Ai quattro vescovi della Fraternità San Pio X è stata tolta una sco­munica, ma, come è chiaro nella lettera, resta­no anche per loro dei problemi dottrinali e di­sciplinari da risolvere. I progressisti che chie­dono di usare subito la scomunica per sanzio­nare una visione teologica o storico-politica, vo­gliono tornare implicitamente al Medioevo. Del nefasto uso 'politico' della scomunica e della necessità, per un Papa che sia conscio del suo mandato spirituale, di revocarla di fronte a un penitente che lo chiede, abbiamo un esempio famoso nel passato: quello di Gregorio VII che a Canossa, contro i suoi vantaggi personali e politici, decise di perdonare il penitente Enrico IV. Di fronte alla domanda di Enrico: 'sei un re­gnante o un sacerdote?', Gregorio VII e Bene­detto XVI hanno dato una ri­sposta comune. Il Papa è in­nanzitutto sacerdote».

Cosa succederà dopo questa lettera?

«Sono uno psicoterapeuta e come tale sono abituato a chiedermi qual è il bene che si può trarre dal male. In que­sto caso, direi innanzitutto che in Germania non si è mai parlato tanto del Concilio Vaticano II come nelle ultime setti­mane. Non abbia­mo mai parlato tan­to del dialogo tra e­brei e cristiani e del­la Nostra Aetate.
Il ruolo del Papa è sta­to percepito come pastorale e discreto, anche se questo per alcuni è irritante. Infine, per quanto ri­guarda la Fraternità di San Pio X, che ha mostrato molta ar­roganza fino a poco tempo fa, il fatto che l’affaire William­son abbia fatto soffrire visi­bilmente Benedetto XVI, li ha indubbiamente colpiti. Lo si è visto nelle reazioni di Fellay e degli altri leader.
E questo li ha portati a una moderazione di toni inedita. La sofferenza, per i cristiani, può avere frut­ti salvifici».

© Copyright Avvenire, 15 marzo 2009

Bellissima intervista!!!!
I miei complimenti all'intervistato ma anche all'intervistatore che ha posto domande piu' che pertinenti!
Grazie per questo regalo
.
R.

2 commenti:

mariateresa ha detto...

sì, l'articolo più bello di Avvenire.

DANTE PASTORELLI ha detto...

Benedetto XVI ha operato per riaffermare questa visione toccan­do un nervo scoperto e suscitando reazioni ag­gressive da parte tradizionalista e da parte pro­gressista.
-----------------

A chi allude il teologo psichiatra quando parla di reazioni aggressive da parte traizionalista?