venerdì 13 marzo 2009

Lettera del Santo Padre ai vescovi: una piccola riflessione (Raffaella)


Vedi anche:

José Luis Restan: In una lettera tutta l’umanità e il grande cuore di Benedetto XVI (Sussidiario)

Se questo è un Crocifisso! (Francesco Colafemmina)

Lettera ai vescovi: il Congresso Mondiale Ebraico loda il Papa e la sua franchezza

Bellissimo editoriale del card. Ruini: la lettera del Papa ai vescovi è una comunicazione personale che supera i limiti dell'ufficialità (Osservatore)

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

Card. Bertone: Benedetto XVI non è solo (Osservatore Romano)

Card. Cottier sulla lettera del Papa ai vescovi: una vicenda che darà frutti spirituali (Rosoli)

Mons. Simon-Victor Tonyé: "Tutto il Camerun attende con forte entusiasmo la visita del Santo Padre” (Fides)

VIAGGIO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN ED ANGOLA: LE DIRETTE TELEVIVE (TELEPACE)

Il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni: la visita del Papa nella Sinagoga di Roma è un segno di rispetto e amicizia (Radio Vaticana)

Amiens: non c'è posto per la comunità lefebvriana nelle Chiese (Messainlatino)

Benedetto XVI risponde ai «grandi difensori del Concilio» (Bordero)

Lettera del Papa sui Lefebvriani: la commozione (!) dei vescovi austriaci (Sir)

Benedetto XVI: formare le comunità cristiane all'adorazione eucaristica, rinnovandola in fedeltà alla tradizione liturgica (Radio Vaticana)

Il Papa: "L’esperienza del rinnovamento è importante anche rispetto al tema dell’adorazione eucaristica. Tale approfondimento sarà possibile soltanto attraverso una maggiore conoscenza del mistero in piena fedeltà alla sacra Tradizione"

Meraviglioso, dolcissimo, cardinale Canizares: "Amarezza per la sofferenza recata al Papa"

Secondo il card. Bertone il Papa non è solo e la curia gli è fedele. Ma c'è qualche voce stonata...

La Curia Romana: cos'è e come funziona e perchè non deve lasciar "fuggire" le notizie (Cantuale Antonianum)

Lettera del Papa sui Lefebvriani: il grazie (!) dei vescovi belgi e inglesi (Sir)

Lettera del Papa: il grazie (!) di Vingt-Trois (Francia), Zollitsch (Germania) e Grampa (Svizzera)

Zollitsch ha l'impressione che il Papa abbia sofferto molto...

La lettera del Papa? Una lezione di vero ecumenismo! Parla don Alfredo Morselli (Zenit)

I lefebvriani al Papa: non vogliamo fermarci al 1962 (Tornielli)

Segnali positivi: per la prima volta Radio Vaticana (sezione italiana) riporta una dichiarazione di Mons. Fellay

"Caso Lefebvriani": una parola chiarificatrice. Lettera di Benedetto XVI ai vescovi cattolici (Sir)

Rassegna stampa di Padre Livio su Radio Maria. Da non perdere!

Lettera del Papa ai vescovi cattolici: lettera di risposta del cardinale Agostino Vallini, Vicario di Roma

GRANDIOSO PADRE LIVIO NELLA RASSEGNA STAMPA DI RADIO MARIA

Preti contro preti (Renato Farina)

La lettera del Papa ai vescovi: le critiche e il messaggio alla Germania (Vecchi)

La lettera del Papa ai vescovi: una «sveglia» da Padre della Chiesa (Cardinale)

Il cardinale di Sydney, George Pell, destinato a sostituire Dias alla congregazione di Propaganda Fide? (Bevilacqua)

Lettera del Papa ai vescovi sulla remissione della scomunica ai Lefebvriani: comunicato della Cei

L’Osservatore contro la Curia e le sue “miserande” fughe di notizie (Rodari)

La Stampa e Repubblica attaccano il Papa nonostante la lettera ai vescovi...

Oggi fioriscono comunicati di solidarietà al Papa...ma che "tempismo tardivo". Clamoroso errore sul sito di Avvenire

Apertura dei Lefebvriani: "Vogliamo considerare il Concilio Vaticano II e l'insegnamento post-conciliare alla luce della Tradizione"

Benedetto XVI: la soluzione al problema dei “lefebvriani” è dottrinale (Zenit)

Comunicato di Mons. Bernard Fellay sulla lettera del Santo Padre ai vescovi (traduzione in italiano)

Lefebvriani, Osservatore Romano: «Nella chiesa bufera senza precedenti»

Mons. Fellay: "Siamo ben lontani dal voler arrestare la Tradizione a prima del 1962''

Lettera del Papa ai vescovi, Vian: un testo appassionato e senza precedenti nato dal cuore di Benedetto XVI (Osservatore Romano)

Lefebvriani, il Papa: recuperiamo quello che c'è di positivo (Izzo)

L'incontro del Papa con gli Ebrei e la Conferenza di Durban: il commento di Salvatore Izzo

Papa combattivo, lettera severa (Il Foglio)

Adesso si tratta della dottrina. Il dialogo con i lefebvriani è da preparare con molta cura (Guido Horst)

L'analisi della lettera del Papa: Ratzinger e la priorità di unire la Chiesa (Tornielli)

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

LETTERA DI PAPA BENEDETTO XVI AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA DEI QUATTRO VESCOVI CONSACRATI DA MONS. LEFEBVRE: LO SPECIALE DEL BLOG

Cari amici, ieri abbiamo letto un documento straordinario: la lettera del Santo Padre ai vescovi della Chiesa Cattolica.
Ha ragione Mancuso a definirla una sorta di "mini-enciclica".
In essa ho visto tutto Benedetto XVI: il suo stile, la sua umilta', il suo coraggio, la sua mitezza unita pero' alla fermezza.
Si', Benedetto e' il Papa mite e forte!
Leggendo il testo, non ho potuto fare a meno di commuovermi di fronte a certi passaggi e, non ve lo nascondo, di provare una certa rabbia per la sofferenza che traspare in qualche frase.
Il Santo Padre non ha accusato nessuno, non ha recriminato, non si e' mostrato offeso, ma ha aperto il suo cuore perche' fra i suoi compiti c'e' quello di dire la Verita', anche quando e' scomoda, anche se e' fastidiosa per qualcuno.
Diciamocelo: leggendo quella lettera non si puo' rimanere indifferenti perche' tocca il cuore e l'intelligenza di ciascuno.
Ha ragione il cardinale Ruini, che ringraziamo per il suo intervento, quando afferma che la lettera e' "una comunicazione personale che supera i limiti dell'ufficialità e si offre al lettore in maniera trasparente, consentendogli di entrare, per così dire, nell'animo del Papa".
Si ha infatti la sensazione di poter toccare, quasi "abbracciare", il pensiero di Benedetto XVI.
Il Papa, come e' nel suo stile, si e' assunto in prima persona la responsabilita' della gestione della revoca della scomunica ai quattro vescovi consacrati da Mons. Lefebvre.
Mai in tutta la sua vita di uomo, docente, vescovo, cardinale e Papa, ha permesso che altri si assumessero colpe delle quali egli, giustamente o ingiustamente, ritiene di doversi caricare.
Da Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede si e' preso strali di colleghi, rimproveri di teologi, schiaffi dei mass media, ma mai ha recriminato, mai ha addossato la croce ad altri.
Ora e' Pontefice e non esiste, lo abbiamo detto tante volte, il "Ratzinger di Ratzinger", un UOMO giusto, capace di "difendere ed aiutare concretamente" il Papa.
Come il buon padre di famiglia (espressione cara al diritto), anche in questa circostanza, Benedetto XVI non ha permesso che ci si scagliasse sui suoi figli, sui suoi collaboratori.
E i figli?
Non e' nostro compito giudicare, non e' questo che il Papa ci insegna.
Non e' questa la misericordia, l'amore e la carita' che sgorgano da ogni frase della lettera di Benedetto XVI.
Tuttavia siamo persone umane, abbiamo molti e molti difetti, e probabilmente, oggi, molti di noi avrebbero avuto piacere di vedere qualcuno di questi collaboratori, di questi figli, fare un passo avanti ed assumersi almeno una punta delle proprie responsabilita'.
Non e' avvenuto, ne prendiamo atto.
Anche per questo, pero', ci sia consentito di ammirare ancora di piu' il Santo Padre per l'amore, non da tutti ricambiato, che ci mostra quotidianamente.
Santita', ad multos annos.
Grazie per l'esempio e per il coraggio
.
R.

9 commenti:

mariateresa ha detto...

grazie Raffaella. E' proprio come dici tu.
Amiamo moltissimo papa Benedetto e lo stimiamo come uomo.
Altro non c'è da aggiungere.
Altri non hanno il suo coraggio.
E' una constatazione realistica e umana.
Abituamoci a questo tratto del santo Padre.Assumersi le proprie responsabilità nella fede di nostro Signore.
Non c'è altro da dire.
Come ha detto una volta Allen, siamo di fronte a un uomo di grande libertà interiore. Quindi non è finita qui.Le disavventure, intendo.
Nel suo intervento più recente Allen dice che non c'è interesse per il viaggio in Africa, perchè, ed è un motivo significativo, dell'Africa non si interessa nessuno nell'Occidente opulento, perchè interessa il viaggio in Israele, perchè Benedetto interessa solo se c'è scandalo, sennò amen.
Il link è questo

http://ncronline.org/blogs/all-things-catholic/five-reasons-papal-trip-africa-important

C'è da riflettere.

Anonimo ha detto...

Molto bello e ben scritto. Vedremo nel tempo cio che accadera...

Anonimo ha detto...

Brava, Raffaella!
Condivido e sottoscrivo.
Piero

gully ha detto...

Non sei la sola ad esserti commossa; quando ho letto questa lettera mi sono detto "Pietro ha parlato", si è manifestato in pieno ciò che vuol dire essere Vicario di Cristo in terra:donare tutto se stesso per il Mistico Corpo di Cristo.

Anonimo ha detto...

Bravissima Raffaella !!!

Antonio

Benedicta1983XVI (Cindy) ha detto...

Che bella riflessione! Preghiamo sempre per B16 e perchè la curia ritrovi la sua unità intorno al Santo Padre.
Un pensiero naturalmente anche per il viaggio in Africa, un continente troppe volte dimenticato.

Anonimo ha detto...

Bellissima riflessione, Raffaella. Ma, purtroppo, temo che non sia finita qui. Continueranno ad attaccarlo ancora e ancora, perché è il Vicario di Cristo e lui continuerà a farsi carico dei peccati di tutti. "Così come hanno perseguitato me perseguiteranno anche voi". Tranne poi scoprirlo e esaltarlo dopo, magari per puro opportunismo del momento. Noi possiamo solo pregare per lui e testimoniare.
Concordo con Mariateresa sul viaggio in Africa e aggiungo che questo viaggio viene, diciamo così, rimosso dai media anche perchè l'Africa è l'immenso serbatoio dei peccati e dell'iniquità occidentale. Non conviene.
Alessia

euge ha detto...

Care Alessia e mariateresa state tranquille che il viaggio in Africa sarà rispolverato al momento opportuno per qualche bieco confronto con l'amato predecessore.

Immagino già i titoli PURTROPPO!

Blogs ha detto...

Grazie per la riflessione di Raffaella. Anche a me ha commosso molto la lettera del Papa, è di una trasparenza unica e di una verità veramente stringente. C'è da pregare moltissimo per Lui ...