martedì 10 marzo 2009

Adesso si tratta della dottrina. Il dialogo con i lefebvriani è da preparare con molta cura (Guido Horst)


Vedi anche:

Intervista al card. Cañizares su liturgia, Concilio Vaticano II, Lefebvriani e sul rapporto con Papa Benedetto (30Giorni)

L’emozione del Papa davanti al Foro romano: «Questo è il balcone più bello di Roma. Qui ci sono tutti i secoli che ci guardano...»

Wagner si è dimesso e quelli che lo hanno diffamato gozzovigliano alla faccia di Roma (Rodari)

Papa Ratzinger: tutelare i diritti, ma anche la legalità (Giansoldati)

L'Arcivescovo di Yaoundé: In Camerun una Chiesa in crescita nonostante le difficoltà (Osservatore Romano)

L'Africa che attende Benedetto XVI (Osservatore Romano)

L'Adorazione eucaristica al centro della plenaria della Congregazione per il Culto Divino. Intervista al card. Cañizares Llovera (Radio Vaticana)

Padre Pizzaballa: il Papa andrà alla moschea di al-Aqsa, al Muro del Pianto e al memoriale dello Yad Vashem. Il nunzio: non viene a firmare accordi

Conferenza stampa a Gerusalemme sulla visita del Papa in Terra Santa (Radio Vaticana)

Il Papa tra una settimana in Africa: briefing in Sala Stampa vaticana (Radio Vaticana)

La risposta della Fraternità San Pio X ai vescovi tedeschi. Traduzione in italiano (Messainlatino.it)

Conferenza stampa di presentazione della visita del Papa in Africa (Sir)

Viaggio del Santo Padre in Camerun ed Angola: dossier Radio Vaticana (Fides)

Il Papa in Campidoglio: cronaca di una giornata speciale (Mazza e Ruggiero)

L'anima più profonda di una città speciale: l'omaggio del Papa a Roma (Cardia)

Benedetto XVI, il card. Martini e i Lefebvriani: i commenti di Giannino e Cervo

Il Papa in Campidoglio: "Mi sento romano" (Il Tempo)

Il Papa: "Roma faro di vita" (Il Tempo)

Papa: Jerusalem Post, visitera' la moschea di al-Aqsa

Il Papa: «Roma, no alla violenza e no all'intolleranza» (Bobbio)

I vaticanisti e quella tentazione di contare i fedeli ad uno ad uno (quando fa comodo). Comunque fecero lo stesso con Wojtyla nel 1998...

Usa: Obama rimuove i limiti alla ricerca sulle staminali embrionali. Reazioni

Clamoroso dietrofront del nunzio in Svizzera (che aveva deplorato gli errori della curia romana)

Finalmente i mass media iniziano a capire che non si possono attribuire al Papa ed alla Santa Sede le parole di singoli vescovi e cardinali...

«Cresce l'odio contro i cristiani anche in Occidente» (Calabrò)

La visita del Papa in Campidoglio: L'umanesimo ritrovato, la sfida della Capitale (Casavola)

Il Papa: Le violenze sono il segno della povertà spirituale che affligge l'uomo contemporaneo (De Chiara)

Il Papa in Campidoglio: L’anima di Roma. Le “radici cristiane” e le sfide del nostro tempo (Sir)

Azione Universitaria: "L'invito rivolto da alcuni professori della Sapienza a Benedetto XVI risulta, oltre che tardivo, anche profondamente offensivo"

Mauro Gagliardi: La centralità del Crocifisso nella celebrazione liturgica (Osservatore Romano)

Il Papa in Campidoglio fra emozione e solidarietà sociale: il commento dell'agenzia Asca

Intervista al Primate della Traditional Anglican Communion sulle prospettive con Roma (Messainlatino)

Il Papa in Campidoglio: Accoglienza e verità (Giovanni Maria Vian)

IL PAPA IN CAMPIDOGLIO: UNA FOTO VALE PIU' DI MILLE PAROLE

Il Papa: "Vivendo a Roma da tantissimi anni, ormai sono diventato un po’ romano; ma più romano mi sento come vostro Vescovo"

Il Papa al Campidoglio: Benedetto raccomanda accoglienza nella legalità (Izzo)

Il Nunzio in Israele: il Papa viene come pellegrino per la pace (AsiaNews)

Il Papa: "Anche ai nostri giorni, Roma ha bisogno di donne capaci di raccoglimento e di servizio generoso e discreto" (Discorso alle Oblate di Santa Francesca Romana a Tor de’ Specchi)

Il Papa in Campidoglio: “Un anziano Pontefice che guarda fiducioso ai giovani e per essi prega ogni giorno” (Sir)

Il Papa in Campidoglio: "Nell’era post-moderna Roma deve riappropriarsi della sua anima più profonda, delle sue radici civili e cristiane, se vuole farsi promotrice di un nuovo umanesimo che ponga al centro la questione dell’uomo riconosciuto nella sua piena realtà"

La forza di un Papa inerme in Terra Santa (Brunelli)

Don Baget Bozzo sul caso Magee: Casi frequenti: aver servito il Pontefice non è una garanzia (Galeazzi)

Riparte la Messa tridentina a Belluno ma all'alba ed al freddo (Placitelli)

Editoriale dell'Abbé Alain Lorans (Lefebvriani): traduzione in italiano

Abbé Alain Lorans (Lefebvriani): Martini e' un Kung che ha avuto successo nel seno della gerarchia ecclesiastica

Inchiesta di Paolo Rodari: Il governo della curia romana al tempo di Papa Ratzinger. Parte terza

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Riceviamo e con grande piacere e gratitudine pubblichiamo la traduzione in italiano del seguente articolo pubblicato dal giornale cattolico tedesco "Die Tagespost".
R.

© Die Tagespost 10 marzo 2009

Guido Horst

Adesso si tratta della dottrina

Il dialogo con i lefebvriani è da preparare con molta cura

A Roma niente lascia pensare che ci sarà in tempi rapidi una riconciliazione con i responsabili della fraternità di san Pio X fondata da Marcel Lefèbvre.
Fino a quando non comincerà il dialogo, per il quale Papa Benedetto XVI ha creato le condizioni revocando la scomunica dei quattro vescovi lefebvriani, anche da parte del Vaticano sono da chiarire alcune questioni: chi, ad esempio, dovrà sedere a un tavolo e trattare con i rappresentanti della Fraternità?

L’”Ecclesia Dei”, la pontificia commissione che si occupa dei tradizionalisti, è un piccolo ufficio. Oltre al quasi ottuagenario presidente, il cardinale Castrillón Hoyos, che per motivi di età andrà presto in pensione, vi lavorano un vice-presidente, un segretario e un altro collaboratore.
Oggetto delle discussioni con i lefèbvriani saranno principalmente temi dogmatici, tra questi la valutazione dei testi del Concilio Vaticano II.
Si renderà allora necessaria una competenza teologica che la piccola commissione “Ecclesia Dei” da sola, con il personale che ha a disposizione, non potrà offrire e di cui è invece depositaria la Congregazione per la Dottrina della Fede con i suoi circa trenta collaboratori.

In che modo sarà possibile costituire, sotto la guida di questa congregazione, una squadra che intraprenda il dialogo dogmatico con la Fraternità di San Pio X?

Per Papa Benedetto revocare la scomunica dei quattro vescovi lefebvriani significava liberarli dal peso di coscienza di una grave pena ecclesiastica che quelle persone avevano attirato su di sé.
Ciò non significa, però, che la Fraternità San di San Pio X, i suoi vescovi e i suoi sacerdoti abbiano adesso assunto una posizione canonica nella chiesa.
Essi, dal punto di vista del diritto canonico, ancora non sottostanno all’autorità della Chiesa Cattolica, anche se i quattro vescovi, nella lettera del loro superiore, datata 15 Dicembre 2008, avevano riconosciuto, in linea di principio, il Papa e la sua autorità di pastore.
Se uno o più vescovi della Fraternità in estate ordinassero altri sacerdoti, questo sarebbe un atto che, pur valido – come le altre ordinazioni sacerdotali degli ultimi venti anni – avverrebbe al di là della piena legittimità canonica. Ma per il Vaticano il problema non consiste nella legittimità di queste ordinazioni.
Finché non saranno risolte definitivamente le questioni dottrinali che separano la fraternità di san Pio X da Roma, i suoi membri non hanno alcuno status canonico nella chiesa.
In primo luogo, quindi, ci deve essere il dialogo sulla fede ed un accordo sulla dottrina della Chiesa, prima che possa essere realmente sanata la rottura tra il Papa e questa comunità.

Come amano ripetere i seguaci di Lefèbvre, i dialoghi sulla fede con Roma, quando dovessero iniziare, verteranno soprattutto sulle dichiarazioni del Concilio Vaticano II. Questo concilio, però, si è astenuto dal definire con precisione il peso ed il valore che i singoli documenti, i singoli capitoli e parti rivestono nei testi conclusivi dell’assemblea dei vescovi. Anche qui si avverte la necessità di ulteriore lavoro che richiederà del tempo.
Se si intraprenderà un dialogo con la fraternità di san Pio X dovrà essere stato stabilito con maggiore chiarezza quali documenti conciliari, come per esempio le costituzioni dogmatiche, hanno alta cogenza e richiedono una fedele adesione, e quali sezioni di singoli testi, come le dichiarazioni del concilio, erano invece semplicemente risposte alle domande dell’epoca, risposte, che come le domande, sono sempre soggette a ulteriori evoluzioni e che pertanto non possono pretendere per sé la stessa cogenza delle dichiarazioni dogmatiche.

La fraternità di san Pio X, però, si chiederà quali siano al momento le prospettive per i dialoghi sulla fede con Roma e per l'obiettivo a lungo termine di uno status canonico all’interno della chiesa cattolica. Dal versante dei vescovi cattolici un vento forte soffia sui lefebvriani. Devono avere l’impressione che molti proprio non li rivogliono nella chiesa. E nella fraternità resta il dubbio se questo sia davvero il momento propizio per negoziare con il Vaticano una completa reintegrazione.

© Copyright Die Tagespost 10 marzo 2009

6 commenti:

Carmelo ha detto...

Ciao Raffaella :)

Tornielli: Sarà resa pubblica a mezzogiorno di giovedì una lettera di sette pagine, che Benedetto XVI invia a tutti i vescovi della Chiesa cattolica per affrontare il caso della revoca della scomunica ai vescovi lefebvriani e le polemiche per l’intervista negazionista delle camere a gas rilasciata dal vescovo Williamson.

Raffaella ha detto...

Grazie Carmelo :-)

Anonimo ha detto...

Cara Raffaella,
Appena ho trovato questa intervista interessante /in francese/con mons.Marc Aillet,vescovo di Bayonne, Francia
http://eucharistiemisericor.free.fr/index.php?page=0803095_mgr_aillet

Angel

Anonimo ha detto...

Cara Raffaella,
Una buona notizia -
www.newliturgicalmovement.org
La traduzione di seguito è una traduzione NLM.
" 50.000 firme!
Martedì, 10 marzo 2009, la lettera di sostegno per Benedetto XVI (www.soutienabenoitxvi.org), [che fu] pubblicato solo su Internet, ha raccolto 50.000 firme ...

Esso riunisce i cattolici da tutte le nazioni, di tutte le età e tutti gli Stati, che hanno voluto ringraziare il Papa per aver revocato la scomunica dei vescovi della Fraternità di San Pio X e di esprimere le proprie preghiere comuni sentimenti e al Santo Padre, [anche ] se criticato da alcuni media ostili nelle ultime settimane.

Di età non superiore a 42 anni in media, questi signees hanno indicato la cifra di circa 92.000 i bambini che dimostrano la vitalità della Chiesa di domani. Dal 2 febbraio, quando ha aperto il sito, sono stati sponsorizzati da una commissione, che ora ha più di sessanta persone, tra cui sei vescovi, abati benedettini sei, e più generale dei Superiori religiosi società.
L'elenco dei firmatari è inviato a Roma per essere consegnati a Pope Benedict XVI.
Il sito: www.soutienabenoitxvi.org
Continuate a diffondere questo link a tutti i vostri contatti"

Angel

Raffaella ha detto...

Grazie, Angel :-))

fr. A.R. ha detto...

Tornando al Post i questione: mi pare molto giusto quanto viene affermato riguardo il diverso valore dei documenti conciliari. Mentre deve esserci una fedele adesione a quanto le Costituzioni Dogmatiche (sono due) affermano e insieme una accoglienza serena e non un rifiuto "temerario", come si dice, di quanto disposto dalle altre costituzioni, si può sicuramente discutere su dichiarazioni e decreti, anzi lo si è sempre fatto in passato, non si capisce perchè non lo si dovrebbe più fare: lefebvriani a parte, nella Chiesa, a parte le questioni dogmatiche chiuse, c'è sempre tanto da discutere, soprattutto le interpretazioni teologiche, figuriamoci quelle disciplinari!