sabato 7 marzo 2009

Editoriale dell'Abbé Alain Lorans (Lefebvriani): traduzione in italiano


Vedi anche:

Abbé Alain Lorans (Lefebvriani): Martini e' un Kung che ha avuto successo nel seno della gerarchia ecclesiastica

Benedetto XVI: "E' una delle belle funzioni del Papa dire grazie"

Conclusi in Vaticano gli esercizi spirituali. Il grazie del Papa al cardinale Arinze per la sua teologia concreta, non astratta (Radio Vaticana)

Inchiesta de "Il Riformista" su Papa e curia: Paolo Rodari risponde a chi lo critica. I complimenti del blog a Rodari :-)

Paolo VI pro eutanasia? La strana metamorfosi di una citazione di successo (Magister)

Villot d’accordo con Ratzinger. Il giallo di una frase distorta di Paolo VI arruolato dal senatore Marino

Mario Mauro: Troppi Cristiani discriminati in Europa (Sussidiario)

L’addio dell’arcivescovo liberal di Westminster. Si scommette sul successore (Ward)

Dichiarazione dei vescovi tedeschi sull’attuale cammino della Chiesa Cattolica: la Fraternità San Pio X è fuori dalla Tradizione Cattolica (!)

Monsignor Fisichella, lezione in stato d’assedio (Tornielli)

La pratica quaresimale nelle Chiese cristiane orientali. Una veglia in attesa della risurrezione (Osservatore Romano)

Presto visitatore apostolico per i Legionari di Cristo (indiscrezioni di stampa)

Durissimo botta e risposta fra vescovi tedeschi e lefebvriani. Padre Schmidberger: i vescovi ritrattino le accuse infamanti di antisemitismo

Alemanno intitola a Papa Benedetto un centro per ragazzi disagiati. Una bufala la storia della donazione di un terreno

Card. Kasper: L'Anno paolino e la realtà dell'indulgenza. Un aiuto all'unità dei cristiani (Osservatore Romano)

Una visita in esclusiva nella fattoria del Papa a Castel Gandolfo (domenica, Raiuno, Linea Verde, ore 12.25)

Pio XII: convegno allo Yad Vashem in vista della visita del Papa. Fra gli esperti anche Andrea Tornielli (Asca)

Spunta un Mister X in Vaticano. Un avvertimento del Papa (Bevilacqua)

«Civiltà Cattolica»: così Pio XII soccorse gli ebrei (Tornielli)

Incontro storico per lo Yad Vashem: per la prima volta esperti ebrei pronti ad ascoltare i cattolici su Pio XII (Brunelli, Tg2)

José Luis Restan: "Dove cercare la speranza che non inganna" (Sussidiario)

Nel comunicato stampa (guarda caso!) i vescovi ed il nunzio svizzeri usano il verbo "deplorare". E' giunto il momento per la Santa Sede di intervenire

Ratzinger, il Papa "solista" (Accattoli)

Solidarietà al Santo Padre dal vescovo di Tarazona (Spagna)

È necessario un Concilio Vaticano III? (Bruno Mastroianni)

Lo Yad Vashem analizza il ruolo di Pio XII durante l'Olocausto (Zenit)

Appello a sostegno del Santo Padre (Associazione Culturale Identità Europea)

Il Papa, i Lefebvriani e le trappole in Vaticano (Badde)

Inchiesta di Paolo Rodari: Il governo della curia romana al tempo di Papa Ratzinger. Parte terza

Inchiesta di Paolo Rodari: Il governo della curia romana al tempo di Papa Ratzinger. Parte seconda

Inchiesta di Paolo Rodari: Il governo della curia romana al tempo di Papa Ratzinger. Parte prima. Da incorniciare!

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Cari amici vi propongo una mia traduzione in italiano dell'editoriale dell'abate Alain Lorans apparso oggi sul sito della Fraternita' San Pio X.
R.

Suzanne ed i due vegliardi

Il teologo progressista Hans Küng ha concesso un'intervista a "Le Monde" il 24 febbraio, nella quale egli propone le sue soluzioni al Papa per evitare che la Chiesa diventi "una setta".
Occorrerebbe, secondo lui, ammettere i divorziati risposati alla comunione, a "certe condizioni", affrontare la correzione dell'enciclica Humanae Vitae autorizzando "in certi casi" l'uso dei contraccettivi e soprattutto sarebbe necessario che Benedetto XVI dichiarasse: "Io abrogo la legge sul celibato dei preti"
Ci si puo' rassicurare, ad ogni buon conto considerando che questa teologia sovversiva e' marginale nella Chiesa.
Quella del cardinale Martini, arcivescovo emerito di Milano, lo è molto meno.
Egli afferma esattamente la stessa cosa di Küng nelle "Conversazioni notturne a Gerusalemme". Egli preconizza in effetti l'ordinazione di uomini sposati, l'accesso delle donne agli ordini che precedono il sacerdozio (in attesa di meglio!) l'accesso dei divorziati risposati all'eucaristia, l'appello ai diritti della coscienza individuale contro la disciplina dell'enciclica Humanae vitae.
Un esperto al Concilio Vaticano II diceva: "Teilhard de Chardin è un Lamennais che ce l’ha fatta", sottointendendo che egli aveva fatto evolvere la Chiesa dall'interno, senza fare uno scisma.
Da questo punto di vista, il cardinale Martini è un Küng che ha avuto "successo" nel seno della gerarchia ecclesiastica.
In realtà essi sono due ottuagenari contrari alla Chiesa che ha le promesse dell'eternita.

Abbé Alain Lorans

Originale francese consultabile qui.

10 commenti:

fr. A.R. ha detto...

All'Abbé Alain Lorans dico con rispetto e fermezza: date il buon esempio. Sottomettetevi a papa Benedetto e riconoscete, non in modo ambiguo, la sua autorità. Fate con slancio quello che vi chiede per il bene della Chiesa. Potrà sembrarvi una pazzia, e invece Gesù ve la chiede tramite il suo Vicario. Perchè tentennate? Perchè tergiversate cercando tante scuse?. Vi prego: abbiate coraggio e tornate dentro la chiesa, fatela lievitare dall'interno anche con il vostro apporto. Ma smettete di puntare il dito. Ora non siete nella posizione di farlo. Mi dispiace. Chi parla di obbedienza e non la vive in prima persona, è come chi volesse insegnare a volare, ma non ha le ali. La credibilità e i "motivi di credibilià", cari fratelli Lefebvriani, oltre alla necessaria verità, erano già richiesti ai tempi del Vaticano I a chi vuole sostenere la fede cristiana.
Guardate alla gioia dei fratelli tradizionalisti che prima di voi hanno abbracciato Pietro. Perchè aspettate?!

Raffaella ha detto...

Approvo ed appoggio al cento per cento le parole di fr. A.R.
Chiedo ai Lefebvriani di accettare l'autorita' del Santo Padre e di rientrare in comunione con la Chiesa.
Non posso in tutta onesta' affermare di non essere d'accordo con le considerazioni odierne dell'Abbé Alain Lorans.
Il blog ha ospitato varie recensioni al libro del cardinale Martini tratte, soprattutto, dal sito di Sandro Magister.
Ha stuputo e stupisce ancora una volta il silenzio della stampa cattolica.
Eppure in quel libro si mette in dubbio molto...molto!
I Lefebvriani possono contribuire in modo determinante al dibattito interno nella Chiesa Cattolica (ora troppo "spostato" a favore di posizioni diverse dal Magistero), ma saranno molto piu' incisivi se accetteranno l'autorita' del Papa.
R.

Anonimo ha detto...

A scanso di equivoci vorrei ricordare che sul sacerdozio femminile si è espresso in via definitiva ,e quindi con il carisma dell'infallibilità, Giovanni Paolo II con la Lettera Apostolica "Ordinatio sacerdotalis" del 22 Maggio 1994.
Riporto il testo nella parte conclusiva:

"Benché la dottrina circa l'ordinazione sacerdotale da riservarsi soltanto agli uomini sia conservata dalla costante e universale Tradizione della Chiesa e sia insegnata con fermezza dal Magistero nei documenti più recenti, tuttavia nel nostro tempo in diversi luoghi la si ritiene discutibile, o anche si attribuisce alla decisione della Chiesa di non ammettere le donne a tale ordinazione un valore meramente disciplinare.

Pertanto, al fine di togliere ogni dubbio su di una questione di grande importanza, che attiene alla stessa divina costituzione della Chiesa, in virtù del mio ministero di confermare i fratelli (cfr. Lc 22, 32), dichiaro che la Chiesa non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l'ordinazione sacerdotale e che questa sentenza deve essere tenuta in modo definitivo da tutti i fedeli della Chiesa.

Invocando su di voi, venerabili Fratelli, e sull'intero popolo cristiano il costante aiuto divino, a tutti imparto l'Apostolica Benedizione".

Dal Vaticano, il 22 maggio, Solennità di Pentecoste, dell'anno 1994, sedicesimo di Pontificato.

IOANNES PAULUS PP. II

A buon intenditor poche parole....

Antonio

gemma ha detto...

ah la fedeltà al Papa! Sulla carta oggi pare essere vincolante solo per i lefebvriani. Tutti gli altri, possono invocarla per gli altri, vedi esternazioni dei vescovi tedeschi, ma evidentemente discuterne quando vogliono
A parte questa considerazione, condivido in pieno il ragionamento di fr. A.R

gianni ha detto...

Dopo aver letto il libro del cardinal Martini mi ero riproposto di scrivergli. Tre erano le cose che avrei voluto dirgli, ma, poi, ho lasciato perdere..
Mi fermo solo su una di queste tre, quella che mi ha scompigliato di più. E non riguarda il celibato (nonostante tutto non mi scandalizzerebbe un duplice “grado di sacerdozio” come nelle chiese ortodosse), ma riguarda un certo clima che si percepisce leggendo, un clima che mi è sembrato pervasivo in tutto il libro: un clima di assenza del sacro, del mistero, del “Divino”.

Ho avuto la sensazione che ogni affermazione, ogni “verità” fosse scritta in lettere minuscole, sconfinasse cioè dentro il recinto del “possibile”, dell’umano, sempre e comunque, molto “umano”, troppo “umano”, solo “umano”! Lettura scorrevole, contenuti, se vogliamo, amabili, anche condivisibili (così “zuccherati”, diluiti, possibili da divenire anche “piacevoli”)!
Certo se il testo fosse stato scritto da un giornalista, da un colto sociologo o altro, beh, mi sarebbe anche piaciuto! Ma stato scritto da un cardinale! Ecco è li che non mi sono più trovato!
Successivamente ho pensato alle sensazioni che ho riportato (e riporto, ancora con sempre nuovo stupore) ogni volta che ho letto (o leggo) i testi scritti dal cardinal Ratzinger (li sto leggendo tutti, uno dopo l’altro). Non sono semplici, non si leggono d’un fiato… ma che “vertigini”!!!
Insomma, leggendo Martini ho incontrato l’”umano”, ma avrei voluto il “divino”. Quando leggo Ratzinger lo incontro (l’ho incontrato anche questa mattina leggendo il ringraziamento al cardinal Arinze). Non trovo mai un concetto banale. Nella semplicità delle parole: la scoperta di cieli sempre nuovi! E da un sacerdote, un vescovo, un cardinale, un Papa voglio proprio questo: parole semplici, ma profonde, portatrici e rivelatrici di Verità!

gianni ha detto...

Dimenticavo: Martini resta una grande figura. Sono convinto che (uso parole del suo libro), Cristo, che l’ha viziato, amato e che lo ama, sarà pronto a prendergli la mano, a fargli superare la paura, quando sarà il momento, e ad accompagnarlo, con un sorriso, al Padre.

gianni ha detto...

Altra dimenticanza: I lefèbvriani abbassino un pò la cresta! Pensino un pò di più a Santa Madre Chiesa, non solo alle loro "convenienze"!

sam ha detto...

Sia lodato Gesù Cristo, ragazzi! Che comunione qua dentro! Sottoscrivo ogni vostra parola scritta fin qui, dalla prima all'ultima.

Anonimo ha detto...

Raffa, hai letto l'articolo di Alberto Giannino? Sono stupita da questa analisi secondo me poco lucida.
Benedetto XVI, il card. Martini e i Lefebvriani
http://www.imgpress.it
Alessia

Raffaella ha detto...

Concordo con te, cara Alessia.
Segnalero' l'articolo di Giannino insieme a quello di Libero di domenica.
R.