giovedì 19 marzo 2009

Dietro l'attacco sui preservativi c'è solo il tentativo di screditare il Papa (Boggero)


Vedi anche:

IL PAPA IN CAMERUN: RACCOLTA DI FILMATI SU BENEDICT XVI.TV

Il Papa: "Religione e ragione si sostengono a vicenda, dal momento che la religione è purificata e strutturata dalla ragione e il pieno potenziale della ragione viene liberato mediante la rivelazione e la fede" (Discorso ad una delegazione musulmana)

D'Agostino: Il Problema del preservativo. Proteggere gli altri una scelta nell'orizzonte della verità

L’aggressione a B-XVI. Il disgustoso paradosso franco-tedesco (Ferrara)

Il Papa: «In Africa non c'è ateismo». Più di un milione di persone sui 29 chilometri dall'aeroporto alla nunziatura (De Carli)

SANTA MESSA: DIRETTA IN CORSO

Il Papa alla comunità musulmana: religione genuina tutte le forme di violenza e totalitarismo

Le parole del Papa sull'aids e le quattro versioni (quattro!) fornite dagli organi vaticani

Lefebvriani, Magister: il messaggio di Benedetto XVI, di cui nessuno parla

Il Papa: «Io solo? Mi viene da ridere». Sfatato il mito del Papa isolato (Giansoldati)

E nella fornace di Yaoundé Benedetto richiama ai valori (Tornielli)

Attacco dell'Europa al Papa che, tra le folle che lo accolgono, non appare nemmeno sfiorato dalle polemiche (Tornielli)

Quella parola, "preservativi", che nessuno aveva usato prima di Papa Ratzinger. L'assurda censura della curia!

L'arrivo trionfale del Papa in Africa: il commento di Vecchi e Giansoldati

BUON ONOMASTICO, SANTO PADRE!

Il Papa in Camerun, il teologo Doldi: Parole chiare contro l'Aids (Sir)

Cosa domanda Benedetto alla sua Chiesa (Tempi)

Le mille polemiche interessate non oscureranno il viaggio trionfale di Benedetto XVI in Africa

Il messaggio del Papa sull'aids: il commento di John Allen (inglese)

Il Papa, i media e la dittatura del politicamente corretto (José Luis Restán)

INTERVISTA CONCESSA DAL PAPA SULL'AEREO PER IL CAMERUN SU PRESUNTA SOLITUDINE, CRISI ECONOMICA, CHIESA AFRICANA ED EDUCAZIONE ALLA SESSUALITA'

Su internet i blogger francesi si fanno avvocati del Papa contro le deformazioni mediatiche (La Croix)

Chi fa la lezione al Papa sull’Africa (Tornielli e Bonacina)

Per combattere l'Aids il Papa chiede di "umanizzare la sessualità" (Bono)

La trascrizione esatta e puntuale delle parole del Papa sull'aereo (Radio Vaticana)

La Chiesa condanna la promiscuità prima del condom. La polemica contro Giovanni Paolo II a San Francisco (Izzo)

POLEMICHE SULL'AIDS: COMUNICATO DELLA SALA STAMPA DELLA SANTA SEDE

Il Papa: "Giuseppe è un “uomo giusto” (Mt 1,19) perché la sua esistenza è “aggiustata” sulla parola di Dio" (Omelia Vespri)

Il Papa: chi comanda non si gonfi di orgoglio, spesso i sottoposti sono meglio di lui...

Il metodo di Benedetto XVI. Pietro De Marco commenta la lettera del Papa ai vescovi

Giovanni Maria Vian: L'importanza di un viaggio (Osservatore)

Aids, Lombardi: il Santo Padre ha ribadito le posizioni della Chiesa cattolica

Una grande folla ha salutato l’arrivo di Papa Ratzinger nella capitale camerunense (Muolo)

Il commento di padre Lombardi al viaggio del Papa in Africa (Radio Vaticana)

Il Papa: "L’esempio e la parola del loro Vescovo è per i sacerdoti un aiuto prezioso per dare alla loro vita spirituale e sacramentale un posto centrale nel loro ministero, incoraggiandoli a scoprire e vivere sempre più profondamente che lo specifico del pastore è essere innanzitutto un uomo di preghiera e che la vita spirituale e sacramentale è una straordinaria ricchezza dataci per noi stessi e per il bene del popolo che ci è affidato" (Discorso del Santo Padre ai Vescovi del Camerun)

Il Papa “Ne” ha parlato: editoriale di Dominique Quinio per "La Croix"

Il Papa in Africa ricorda che l’aids si combatte con una “umanizzazione della sessualità” (Rodari)

Il Papa va seguito. Solo così i Cattolici non si faranno del male (Volonté)

L’abbraccio di Yaoundé a Papa Benedetto: il commento di Andrea Tornielli

Anche nella Chiesa c'è chi voleva mettere il bavaglio al Papa ma ha fallito. La stanza del potere e quella della dottrina (Quagliariello)

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN E ANGOLA (17-23 MARZO 2009): LO SPECIALE DEL BLOG

DISCORSI ED OMELIE DEL SANTO PADRE IN CAMERUN ED ANGOLA

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

L'Europa contro il Vaticano

Dietro l'attacco sui preservativi c'è solo il tentativo di screditare il Papa

di Giovanni Boggero

Il governo tedesco non molla. Dopo le severe critiche al Papa sul caso Williamson, l’esecutivo di grande coalizione torna ad attaccare il Vaticano. Questa volta in una forma più sobria, ma ad un tempo molto più diretta e pungente.
In un comunicato congiunto, senza direttamente citare il Pontefice, il Ministro della Salute Ulla Schmidt (Spd) e il Ministro per lo sviluppo e la cooperazione sociale Heidemarie Wieczorek-Zeul (Spd) sostengono che “ai più poveri deve essere dato accesso ai mezzi di pianificazione familiare. L’impiego dei condom rientra nel novero di questo concetto. Tutto il resto sarebbe irresponsabile”. Affermazione fatta propria anche dalla leader dei Verdi Claudia Roth e dal presidente dei liberali Guido Westerwelle.
Ma la ridda di dichiarazioni scatenata dalla frase proferita da Benedetto XVI nel suo viaggio in Camerun non si è fermata qui. Il responsabile sanità del partito socialdemocratico Wolfgang Wodarg ha accusato il Papa di “cinismo e di disprezzo per l’uomo”.
Ancora meno diplomatica la sua collega austriaca dell’Spö Bayr: “Il Papa annienta la vita”.

A guardar bene, pare quasi che in questa compatta alzata di scudi dei governanti di mezza Europa sia sotteso un disegno preciso. Un disegno volto a screditare il Papa, alterando volontariamente il contenuto delle sue parole e delle sue azioni.

Così è avvenuto già ai tempi di Ratisbona e poi più recentemente sull’onda delle dichiarazioni antisemite del vescovo Williamson. E ciò non si è verificato solo ai piani alti dei palazzi del potere, ma anche all’interno della Chiesa cattolica. Lo stesso monsignor Hans-Jochen Jaschke, vescovo ausiliare di Amburgo, ha voluto mettere i puntini sulle "i", esplicitando oggi la sua visione del problema: “Dobbiamo liberarci dal tabu del preservativo- ha detto- la Chiesa non sta nell’angolo buio di quelli contrari al profilattico”. E ha aggiunto di apprezzare il metodo ABC (astinenza, fedeltà, condom) consigliato oggi in Uganda tanto dallo Stato quanto dalla Chiesa. D’altra parte questo non era affatto il messaggio del Papa, il quale si era limitato ad invitare a non considerare il preservativo come l’unica via alla risoluzione del problema.
Come ha ricordato lo stesso padre Gemmingen di Radio-Vaticana: "I missionari in Africa sanno già come bisogna muoversi. Il Papa non ha affatto bandito il preservativo, ma l'ha circoscritto a situazioni di emergenza".
In realtà, anche all’interno della Conferenza episcopale tedesca il malumore nei confronti di Benedetto XVI è alto. Tutti i porporati più in vista, dall’ex presidente dei vescovi Karl Lehmann a quello attuale Robert Zollitsch (molto tenero sul celibato) sono apertamente collocati sul fronte liberal e mal sopportano la guida spirituale di Benedetto XVI (che secondo alcuni media tedeschi starebbe ora meditando un terzo viaggio nella terra natale).
Dal punto di vista politico, invece, la questione è più complessa. Mai un governo tedesco si era intromesso così negli affari vaticani in così poco tempo. E ciò può senz’altro essere interpretato in chiave elettorale. Tra pochi mesi in Germania si voterà e i socialdemocratici ci tengono a prendere bene le distanze da una “versione” del cattolicesimo che il loro elettorato difficilmente digerisce. D’altro canto, anche nell’SPD, vi sono alcuni cattolici, come la leader dell’ala massimalista Andrea Nahles, la quale, in una intervista che uscirà nei prossimi giorni sulla stampa italiana, ha chiarito molto candidamente di non aver gradito i modi con cui la signora Merkel ha apostrofato il Papa.
Insomma, la campagna elettorale si gioca anche sulle frasi pronunciate in Vaticano. E l’Spd non deve dimostrarsi da meno della signora Merkel.

© Copyright L'Occidentale, 19 marzo 2009

2 commenti:

gianniz ha detto...

Fin dall'inizio del pontificato, Benedetto viene spinto sulla "griglia". Spero che chi lo spinge si bruci!!

euge ha detto...

Per gianniz...... Già fin dall'inizio del suo Pontificato, Benedetto XVI è stato fatto oggetto di una ostilità senza precedenti perchè dice pane al pane e vino al vino senza tanti giri di parole; perchè non vende il politicamentecorretto ma, parla per amore e a difesa della verità. Una persona così è scomoda per una società ormai avvezza alla menzogna, all'inganno alla falsità. Quindi, si fà di tutto per farlo sembrare quello che non è oppure si rovescia addosso tanto di quel veleno con la speranza che prima o poi, la persona ceda.
Ma, Benedetto sa resistere e resisterà con l'aiuto del Signore e con l'amore di tutti coloro che lo stimano profondamente.
AVANTI SANTITA' SIAMO AL SUO FIANCO.