giovedì 12 marzo 2009

Lettera del Papa ai vescovi, Vian: un testo appassionato e senza precedenti nato dal cuore di Benedetto XVI (Osservatore Romano)


Vedi anche:

Lefebvriani, il Papa: recuperiamo quello che c'è di positivo (Izzo)

Rammarico del Papa per la questione dei Vescovi “lefebvriani” e ringraziamento agli ebrei (Zenit)

Il Papa: errori, incomprensioni e “odio” nella vicenda dei vescovi lefebvriani (AsiaNews)

Lettera del Papa sui vescovi lefebvriani, elogi dal WJC. Gran Rabbinato Israele: caso Williamson chiuso

L'incontro del Papa con gli Ebrei e la Conferenza di Durban: il commento di Salvatore Izzo

Il Papa: “necessario e possibile” il dialogo tra cattolici ed ebrei (AsiaNews)

Lombardi: Non mi sembra che ci sarà un tribunale sul Concilio Vaticano II

Il Pontefice spiega le ragioni della remissione della scomunica ai vescovi ordinati da Mons. Lefebvre (Zenit)

Papa combattivo, lettera severa (Il Foglio)

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

Benedetto XVI alla delegazione del Gran Rabbinato d’Israele: vengo in Terra Santa come pellegrino di pace per rafforzare il dialogo tra le religioni

Lettera del Papa ai vescovi sulla remissione della scomunica ai vescovi lefebvriani: le traduzioni

Lettera del Papa ai vescovi, Padre Lombardi: "Ammiro il coraggio del Papa" (Sir)

Padre Lombardi sugli attacchi al Papa: Non tutti sono stati gentili e ben educati nelle loro opinioni

Il commento di padre Lombardi alla Lettera del Papa. Da leggere e meditare! (Radio Vaticana)

Vivo apprezzamento del Congresso mondiale ebraico: da Benedetto XVI parole inequivocabili che aiutano a rafforzare il dialogo (Radio Vaticana)

Papa Benedetto non fa comizi anticapitalisti. Chiede fiducia (Mastroianni)

Lefebvriani, lettera del Papa ai vescovi: il commento di Gian Guido Vecchi

Lefebvriani, la lettera del Papa ai vescovi: il commento di Marco Tosatti

La fantasia dei giornaloni che titolano all'unisono: Il Papa: nella Chiesa ci si morde e divora

Lefebvriani, lettera del Papa ai vescovo: il commento di José Luis Restán. Bellissima l'immagine dell'aquila e delle galline :-)

Adesso si tratta della dottrina. Il dialogo con i lefebvriani è da preparare con molta cura (Guido Horst)

Lefebvriani, lettera del Papa ai vescovi: il commento di Aldo Maria Valli

Lettera del Papa ai vescovi: un Un gesto sorprendente, con l'obiettivo dichiarato di «contribuire alla pace nella Chiesa» (Lorenzoni)

Lefebvriani, la lettera del Papa ai vescovi: l'anticipazione del Foglio commentata da giornali e agenzie

Lefebvriani, la lettera del Papa ai vescovi: traduzione in italiano di ampi stralci del testo

L'analisi della lettera del Papa: Ratzinger e la priorità di unire la Chiesa (Tornielli)

La lettera del Papa su Williamson: «Mi hanno attaccato con una veemenza mai sperimentata». Il restroscena di una riunione...(Rodari)

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

Il Papa ai vescovi: Noi nella Santa Sede in futuro dobbiamo fare maggiore attenzione a Internet come fonte di informazione :-)

La lettera del Papa ai vescovi: un "testo articolato, bello, umile e allo stesso tempo forte" (Zenit)

La lettera del Papa ai vescovi sulla revoca della scomunica ai Lefebvriani: un commento da leggere e meditare

Caso Williamson, la lettera umile e forte di Benedetto XVI (esclusiva di Tornielli)

La lettera del Papa intorno alle polemiche sul caso Williamson e Lefebvriani riconosce l'importanza di internet (Cantuale Antonianum)

Ecco la lettera con cui Benedetto XVI spiega tutto sui Lefebvriani (anticipazione de "Il Foglio")

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

LETTERA DI PAPA BENEDETTO XVI AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA DEI QUATTRO VESCOVI CONSACRATI DA MONS. LEFEBVRE: LO SPECIALE DEL BLOG

Finalmente (lo aspettavamo da tempo) leggiamo questo durissimo (e bellissimo) editoriale del direttore dell'Osservatore Romano:

Come la lettera ai Galati

Un testo appassionato e senza precedenti nato dal cuore di Benedetto XVI per contribuire alla pace nella Chiesa: ecco la lettera del Papa ai vescovi cattolici sulla remissione della scomunica ai presuli consacrati nel 1988.

Senza precedenti perché non ha precedenti recenti la bufera scatenata in seguito alla pubblicazione del provvedimento lo scorso 24 gennaio.

Non a caso alla vigilia del cinquantesimo anniversario dell'annuncio del Vaticano II, perché l'intenzione del vescovo di Roma - ora confermata ma già di per sé evidente, come il giorno stesso aveva sottolineato il nostro giornale - era ed è quella di evitare il pericolo di uno scisma. Con un iniziale gesto di misericordia, perfettamente in linea con il concilio e con la tradizione della Chiesa.
Sulla convenienza di questo gesto si sono moltiplicati interrogativi e soprattutto si sono scagliate contro Benedetto XVI accuse infondate ed enormi: di rinnegamento del Vaticano II e di oscurantismo.

Fino a un disonesto e incredibile rovesciamento del gesto papale, favorito dalla diffusione, in una concomitanza di tempi certo non casuale, delle affermazioni negazioniste nei confronti della Shoah di uno dei presuli a cui il Papa ha rimesso la scomunica.

Affermazioni inaccettabili - e anche questo è stato subito sottolineato dal giornale del Papa - come inaccettabili e vergognosi sono gli atteggiamenti verso l'ebraismo di alcuni membri dei gruppi a cui Benedetto XVI ha teso la mano.
Il rovesciamento della misericordia in un incredibile gesto di ostilità contro gli ebrei - che si è voluto ripetutamente attribuire al Pontefice da molte parti, anche autorevoli - è stato grave perché ha ignorato la realtà, stravolgendo il convincimento e le realizzazioni personali di Joseph Ratzinger come teologo, come vescovo e come Papa, in testi a disposizione di tutti. Di fronte a questo attacco concentrico, persino da parte di cattolici e anche "con odio", Benedetto XVI "tanto più" ha voluto ringraziare gli ebrei che hanno aiutato a superare questo difficile momento, confermando la volontà di un'amicizia e di una fratellanza che affonda le sue radici nella fede dell'unico Dio e nelle Scritture.
La lucidità dell'analisi papale non evita questioni aperte e difficili, come la necessità di una attenzione e di una comunicazione più preparate e tempestive in un contesto globale dove l'informazione, onnipresente e sovrabbondante, è di continuo esposta a manipolazioni e a strumentalizzazioni, tra cui le cosiddette fughe di notizie, che si fatica a non definire miserande.
Anche all'interno della Curia romana, organismo storicamente collegiale e che nella Chiesa ha un dovere di esemplarità.
Il Papa affronta poi il cuore della questione: cioè il problema dei gruppi cosiddetti tradizionalisti e il pericolo dello scisma, con la distinzione dei livelli disciplinare e dottrinale. In altre parole, sul piano disciplinare Benedetto XVI ha revocato la scomunica ma su quello dottrinale è necessario che i tradizionalisti - verso i quali il Papa non risparmia toni severi ma confidando nella riconciliazione - non congelino il magistero della Chiesa al 1962.
Così come i sedicenti grandi difensori del concilio devono ricordare che il Vaticano II non può essere separato dalla fede professata e confessata nel corso dei secoli.
Era davvero una priorità questo gesto? Il Papa risponde di sì perché in un mondo dove la fiamma della fede rischia di spegnersi la priorità è proprio condurre gli uomini verso il Dio che ha parlato sul Sinai e si è manifestato in Gesù. Un Dio che rischia di sparire dall'orizzonte umano e che solo la testimonianza di unità dei credenti rende credibile. Ecco perché sono importanti l'unità della Chiesa cattolica e l'impegno ecumenico, ecco perché ha significato il dialogo tra le religioni. Per questo la grande Chiesa - un termine caro alla tradizione - deve ricercare la pace con tutti.
Per questo i cattolici non devono dilaniarsi come i Galati a cui Paolo intorno all'anno 56 scrisse di suo pugno una delle lettere più drammatiche e belle. Come questa di Papa Benedetto.

g. m. v.

(©L'Osservatore Romano - 13 marzo 2009)

7 commenti:

mariateresa ha detto...

bellissima.
Bravo Vian.

Anonimo ha detto...

sono d'accordo con Raffaella e Mariateresa: eidtoriale bellissimo, e sapete perchè?

perchè è intessuto di citazioni prese di peso dalla commovente lettera di Benedetto XVI (di fatto è quasi una parafrasi della stessa;-)

Luigi

Anonimo ha detto...

finalmente una presa di posizione ufficiale chiara!
meglio tardi che mai...

Luigi

azzeccagarbugli ha detto...

indubbiamente meglio tardi che mai, ma un pochino prima non avrebbe guastato.

Anonimo ha detto...

Speriamo che da oggi innanzi la pace torni a regnare tra i cattolici.

gianni ha detto...

Finalmente tutto il marciume denunciato dall'allora cardinal Ratzinger nella Via Crucis antecedente la dipartita di Giovanni Paolo II viene a galla. Un'occasione per distinguere con chiarezza il buon grano dal loglio: In una stessa struttura, come ai tempi di sant'Atanasio, si fronteggiano due chiese, quella dei poveri e degli umili, che si inginocchiano di fronte all'autorità del Papa e quella dei cattolici adulti, che contestano, che protestano, che si costruiscono una loro fede a proprio uso e consumo.

Anonimo ha detto...

L'editoriale è senza spina dorsale..Piuttosto che giocare in difesa, era un'occasione di andare all'attacco, evitando di fare i resoconti del giorno dopo.