giovedì 12 marzo 2009

Comunicato di Mons. Bernard Fellay sulla lettera del Santo Padre ai vescovi (traduzione in italiano)


Vedi anche:

Il Papa visiterà in autunno la Sinagoga di Roma

Lefebvriani, Osservatore Romano: «Nella chiesa bufera senza precedenti»

Mons. Fellay: "Siamo ben lontani dal voler arrestare la Tradizione a prima del 1962''

Il Papa ad una Delegazione del Gran Rabbinato d’Israele: "Possa la mia visita contribuire anche ad approfondire il dialogo della Chiesa con il popolo ebraico, cosicché gli ebrei, i cristiani e anche i musulmani possano vivere in pace e in armonia in Terra Santa!"

Mons. Fellay ringrazia il Papa e assicura la volontà della Fraternità San Pio X di affrontare i colloqui dottrinali

Lettera del Papa ai vescovi, Vian: un testo appassionato e senza precedenti nato dal cuore di Benedetto XVI (Osservatore Romano)

Lefebvriani, il Papa: recuperiamo quello che c'è di positivo (Izzo)

Rammarico del Papa per la questione dei Vescovi “lefebvriani” e ringraziamento agli ebrei (Zenit)

Il Papa: errori, incomprensioni e “odio” nella vicenda dei vescovi lefebvriani (AsiaNews)

Lettera del Papa sui vescovi lefebvriani, elogi dal WJC. Gran Rabbinato Israele: caso Williamson chiuso

L'incontro del Papa con gli Ebrei e la Conferenza di Durban: il commento di Salvatore Izzo

Il Papa: “necessario e possibile” il dialogo tra cattolici ed ebrei (AsiaNews)

Lombardi: Non mi sembra che ci sarà un tribunale sul Concilio Vaticano II

Il Pontefice spiega le ragioni della remissione della scomunica ai vescovi ordinati da Mons. Lefebvre (Zenit)

Papa combattivo, lettera severa (Il Foglio)

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

Benedetto XVI alla delegazione del Gran Rabbinato d’Israele: vengo in Terra Santa come pellegrino di pace per rafforzare il dialogo tra le religioni

Lettera del Papa ai vescovi sulla remissione della scomunica ai vescovi lefebvriani: le traduzioni

Lettera del Papa ai vescovi, Padre Lombardi: "Ammiro il coraggio del Papa" (Sir)

Padre Lombardi sugli attacchi al Papa: Non tutti sono stati gentili e ben educati nelle loro opinioni

Il commento di padre Lombardi alla Lettera del Papa. Da leggere e meditare! (Radio Vaticana)

Vivo apprezzamento del Congresso mondiale ebraico: da Benedetto XVI parole inequivocabili che aiutano a rafforzare il dialogo (Radio Vaticana)

Papa Benedetto non fa comizi anticapitalisti. Chiede fiducia (Mastroianni)

Lefebvriani, lettera del Papa ai vescovi: il commento di Gian Guido Vecchi

Lefebvriani, la lettera del Papa ai vescovi: il commento di Marco Tosatti

La fantasia dei giornaloni che titolano all'unisono: Il Papa: nella Chiesa ci si morde e divora

Lefebvriani, lettera del Papa ai vescovo: il commento di José Luis Restán. Bellissima l'immagine dell'aquila e delle galline :-)

Adesso si tratta della dottrina. Il dialogo con i lefebvriani è da preparare con molta cura (Guido Horst)

Lefebvriani, lettera del Papa ai vescovi: il commento di Aldo Maria Valli

Lettera del Papa ai vescovi: un Un gesto sorprendente, con l'obiettivo dichiarato di «contribuire alla pace nella Chiesa» (Lorenzoni)

Lefebvriani, la lettera del Papa ai vescovi: l'anticipazione del Foglio commentata da giornali e agenzie

Lefebvriani, la lettera del Papa ai vescovi: traduzione in italiano di ampi stralci del testo

L'analisi della lettera del Papa: Ratzinger e la priorità di unire la Chiesa (Tornielli)

La lettera del Papa su Williamson: «Mi hanno attaccato con una veemenza mai sperimentata». Il restroscena di una riunione...(Rodari)

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

Il Papa ai vescovi: Noi nella Santa Sede in futuro dobbiamo fare maggiore attenzione a Internet come fonte di informazione :-)

La lettera del Papa ai vescovi: un "testo articolato, bello, umile e allo stesso tempo forte" (Zenit)

La lettera del Papa ai vescovi sulla revoca della scomunica ai Lefebvriani: un commento da leggere e meditare

Caso Williamson, la lettera umile e forte di Benedetto XVI (esclusiva di Tornielli)

La lettera del Papa intorno alle polemiche sul caso Williamson e Lefebvriani riconosce l'importanza di internet (Cantuale Antonianum)

Ecco la lettera con cui Benedetto XVI spiega tutto sui Lefebvriani (anticipazione de "Il Foglio")

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

LETTERA DI PAPA BENEDETTO XVI AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA DEI QUATTRO VESCOVI CONSACRATI DA MONS. LEFEBVRE: LO SPECIALE DEL BLOG

Vi propongo una mia traduzione del comunicato del Superiore Generale della Fraternità Sacerdotale San Pio X, Mons. Bernard Fellay, sulla lettera del Santo Padre ai vescovi della Chiesa Cattolica.
Il testo originale (in francese) e' consultabile sul sito della Fraternita' San Pio X a questo indirizzo.

Comunicato del Superiore Generale della Fraternità Sacerdotale San Pio X

Il Papa Benedetto XVI ha indirizzato una lettera ai vescovi della Chiesa Cattolica, in data 10 marzo 2009, nella quale porta alla loro conoscenza le intenzioni che lo hanno guidato in questo passo importante che costituisce il Decreto del 21 gennaio 2009.

Dopo il recente «scatenarsi di una valanga di proteste», noi ringraziamo vivamente il Santo Padre di aver riportato il dibattito ai livelli ai quali si deve svolgere, e cioè quello della fede.
Noi condividiamo la sua preoccupazione prioritaria della predicazione "al nostro tempo nel quale in vaste regioni della terra la fede rischia di spegnersi come una fiamma che non trova più alimento"

La Chiesa attraversa effettivamente una crisi grave che non potrà essere risolta che con un ritorno integrale alla purezza della fede.
Con Sant'Atanasio, noi affermiamo che «Chiunque voglia essere salvato, deve prima di tutto mantenere la fede cattolica: colui che non la conserva integra ed inviolata andrà, senza dubbio, verso la sua rovina eterna» (Symbole Quicumque).

Lungi dal voler fermare la Tradizione al 1962, vogliamo considerare il Concilio vaticano II e l'insegnamento post-conciliare alla luce di questa Tradizione che san Vincenzo di Lerins ha definito come «ciò che è stato sempre creduto, dappertutto e da parte di tutti» (Commonitorium), senza rotture e in uno sviluppo perfettamente omogeneo. E' così che potremo contribuite all'evangelizzazione che ci è chiesta dal Salvatore (Matteo, 28,19-20).

La Fraternita' Sacerdotale San Pio X assicura a Benedetto XVI la sua volontà di affrontare i colloqui dottrinali riconosciuti come «necessari» dal Decreto del 21 gennaio, con il desiderio di servire la Verità rivelata che è prima carità a manifestare lo sguardo di tutti gli uomini, cristiani o meno.
Essa assicura la sua preghiera affinché la sua fede non vacilli ed egli possa confermare tutti i suoi fratelli. (Luca 22,32)

Noi mettiamo questi colloqui dottrinali sotto la protezione di Nostra Signora della Fiducia, con la certezza che Ella ci concederà la grazia di trasmettere fedelmente ciò che abbiamo ricevuto, «tradidi quod et accepi» (Corinzi 15,3)

Menzingen, le 12 mars 2009

+ Bernard Fellay

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Fellay affida la riconciliazione a Nostra Signora della Fiducia,come fa il Papa nelle sua lettera ai Vescovi.
E' un particolare che mi fa ben sperare.

Antonio

DANTE PASTORELLI ha detto...

La dichiarazione di mons. Fellay è improntata a sano realismo e ad
alta spiritualità, oltre che ad umiltà.
Un accordo prammatico come quelli stipulati con altre associazioni religiose, non serve a niente, anzi, è pericolosissimo.
La Fraternità S. Pio X vuole i colloqui dottrinali, li ha sempre chiesti, affinché una volta per tutte si dica chiaro e forte quali sono i punti vincolanti dei documenti conciliari e quali quelli che rispondono ad esigenze pastorali del momento.
Si dovrà discutere soprattutto: 1) la Dei Verbum, che limita il valore ispirato della Bibbia alla "verità salutare" - contraddice o no l'inerranza assoluta sempre riconosciuta dal precedente Magistero? 2) Il "subsistit in" è negazione dell' "est" o è una più profonda esplicazione della coincidenza della vera Chiesa di Cristo con quella Cattolica, nel senso di radicamento, identità totale formale, con la Chiesa cattolica? 3) Le false religioni, possono esser vie d'accesso a Dio e son "venerande" anche le pagane? Cioè, gli uomini si salvano per merito delle false religioni, o nonostante le false religioni se vivono secondo la morale naturale e sono disposti ad accettare Cristo qualora venga loro presentato? 4) La libertà di coscienza e di religione, è assoluta? Può esistere una libertà di scegliere il male? Si può scegliere liberamente una falsa religione o si ha il dovere di aderire a quella vera, l'unica?
La Dignitatis Humanae è o no in contrasto col Magistero da Gregorio XVI a Pio XII? Uno stato può porre le false religioni sullo stesso piano dell'unica vera? Il principio della tolleranza tradizionale, col fine di evitare divisioni nella società, è errato?
Ha sbagliato sempre la Chiesa? O i due magisteri (preconciliare e conciliare) su questo argomento possono porsi in una linea di continuità?

Chiariti questi punti, la conciliazione è fatta.

Anonimo ha detto...

Il comunicato di Mons. Fellay fa ben sperare in un buon esito della vicenda. Raddoppiamo le preghiere!

don gianluigi ha detto...

Caro Dante, Lei ha colto nel segno, sintetizzando in poche righe questioni molto complesse.

Ma è appunto dei temi da Lei toccati che si evita sistematicamente il confronto, perché, non appena si sfiorano, scatta il tabù: il Concilio non si tocca! E così non si può mai approfondire per capire meglio la dottrina cattolica del concilio.

E non sono questioni da poco, perché se, ad esempio, la altre religioni possono essere vie di salvezza, quali ragioni dovrebbero muovere la chiesa ad annunciare il vangelo?

Se Cristo è l'unico Salvatore, perché gli Ebrei non avrebbero bisogno di riconoscerlo? E perché noi Cristiani non possiamo pregare per la loro conversione?

DANTE PASTORELLI ha detto...

Caro don Luigi, proprio per questo io ho sempre sostenuto (da tanti anni ormai) la necessità di incontri dottrinali tra S. Sede e Fraternità S.Pio X. E la Fraternità li ha sempre chiesti, ma su questa domanda è caduto il silenzio. Perché? Perché si voleva prima la sottomissione e poi i colloqui. Ma chissà perché con gli scismatici orientali si posson aver colloqui senza peraltro prospettiva alcuna di sottomissione.
Gli altri Istituti cosiddetti tradizionalisti (un aggettivo che non amo affatto ed in cui non mi ritrovo: tradizionalismo è anche un'eresia) hanno accettato il concilio alla luce della tradizione senza dire e senza che si chiedesse loro cosa accettavano ed in qual misura e con qual genere di assenso. In realtà in tali istituti si condanna l'ecumenismo come attuato e sentito oggi, non si accetta la Dei Verbum se non con riserve, non si accetta la nuova libertà di religione e di coscienza. Insomma essi accettano e rifiutano nello stesso tempo. Provate a chiedere a ai responsabili di questi istituti cosa pensano di Assisi, delle religioni pagane come accesso a Dio ecc.ecc.
Dall'altra parte, i modernisti fingono comunione e son distanti dalla Chiesa mille miglia.
Questa ormai neppur celata confederazione di chiese non mi piace. Sono e resto cattolico, per quel che ho ancora da vivere.
Ecco perché m'aspetto chiarezza da questi colloqui.
Se chiarezza non viene, come cattolico abbastanza informato e formato in tempi non sospetti, dovrò in coscienza optare per ciò che la Chiesa ha sempre annunciato in modo inequivocabile, mentre con l'equivocabile dovrò comportarmi tamquam non esset.