lunedì 16 marzo 2009

IL PAPA: I PRETI SI DISTINGUANO ANCHE PER L'ABITO. FAVORIRE LA CORRETTA RICEZIONE DEL CONCILIO


Vedi anche:

Lettera del Papa ai vescovi, Riccardi: Non può esserci spazio per la cultura del nemico

Nella lettera ai vescovi Benedetto XVI ha confermato gli obiettivi irrinunciabili del suo pontificato. Il card. Ruini li analizza (Magister)

Secondo Zollitsch non ci sono punti che dividono la Conferenza episcopale tedesca e la Santa Sede (Sir)

Card. Vingt-Trois: “Benedetto XVI ha ascoltato ciò che è stato detto” (La Croix)

Presentati allo Yad Vashem nuovi documenti favorevoli a Pio XII. Andrea Tornielli racconta un incontro a porte chiuse svoltosi a Gerusalemme (Zenit)

Abbé Barthe: Esiste un’opposizione romana a Papa Benedetto XVI? Parte prima (Messainlatino)

Il Papa da martedì in Africa: «Stop a guerre e ingiustizie» (Bobbio)

Lettera del Papa ai vescovi, Vian: quell’affinità tra Benedetto XVI e San Paolo (Sussidiario)

Benedetto XVI esalta lo spirito di unità con i vescovi. Attesa per il viaggio in Africa (Conte)

Giallo sul primo incontro tra Obama e Benedetto XVI (Tornielli)

Il Papa parte per l' Africa, continente tra guerre e pandemie. Rischio di black out mediatico?

Manfred Lütz, teologo e psichiatra: Il Papa, ferito dalle polemiche, ha risposto con stile di pastore (Galli)

Papa in Africa, le sfide: Aids e sette (Il Tempo)

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

Il Papa si prepara a primo viaggio in Africa (Pullella)

Fuga di notizie, caccia al «servo di mezza tacca» (Vecchi)

"Se si trasforma la Chiesa in un talk-show". Straordinario editoriale di Andrea Tornielli, da leggere ed incorniciare!

Il Papa ed il verbo "divorare" nella lettera ai vescovi e nei saluti ai fedeli polacchi (Izzo)

Angelus del Santo Padre: il commento di Salvatore Izzo

Il Papa: "Parto per l’Africa con la consapevolezza di non avere altro da proporre e donare a quanti incontrerò se non Cristo e la Buona Novella della sua Croce, mistero di amore supremo, di amore divino che vince ogni umana resistenza e rende possibile persino il perdono e l’amore per i nemici" (Angelus)

Ai vaticanisti che tengono i conti dei fedeli: domani mi aspetto editoriali ed articoli sulla Piazza strapiena di oggi

La mano tesa di Benedetto XVI (Bianchi)

Con la lettera ai vescovi il Papa ammonisce i "suoi" e sfida la storia (Fontana)

Benedetto XVI sotto il fuoco "amico". Il Papa non sarà mai solo contro chi non vuol capire (Volonté)

Dalla parte della bambina brasiliana. Bellissimo intervento di Mons. Fisichella sull'Osservatore Romano. Da leggere e meditare!

Per riflettere: la Messa tridentina è roba da giovani. Ora cominciano ad accorgersene anche i progressisti. Che si inquietano...

Lettera del Santo Padre ai vescovi: una piccola riflessione (Raffaella)

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN E ANGOLA (17-23 MARZO 2009): LO SPECIALE DEL BLOG

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

PAPA: PRETI SI DISTINGUANO DA FEDELI COMUNI, ANCHE PER ABITO

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 16 mar

I preti devono ''essere identificabili e riconoscibili'' non solo per il ''giudizio di fede'' e per le ''virtu' personali'' ma anche ''per l'abito''. Lo ha ricordato questa mattina papa Benedetto XVI, ricevendo in udienza i partecipanti alla Assemblea Plenaria della Congregazione vaticana per il Clero. Per il pontefice, appare ''urgente il recupero di quella consapevolezza che spinge i sacerdoti ad essere presenti, identificabili e riconoscibili sia per il giudizio di fede, sia per le virtu' personali sia anche per l'abito, negli ambiti della cultura e della carita', da sempre al cuore della missione della Chiesa''. Papa Ratzinger ha inoltre ricordato che i preti devono seguire una ''formazione permanente'', soprattutto per quello che riguarda ''il profilo dottrinale'', ribadendo la ''ininterrotta Tradizione ecclesiale, senza cesure ne' tentazioni di discontinuita'''. ''E' importante - ha detto - favorire nei sacerdoti, soprattutto nelle giovani generazioni, una corretta ricezione dei testi del Concilio Ecumenico Vaticano II, interpretati alla luce di tutto il bagaglio dottrinale della Chiesa''.

4 commenti:

DANTE PASTORELLI ha detto...

Nei seminairi diocesani s'impedisce ai giovani che lo vogliano, di indossare la talare.
Ben venga, ritornim l'abito ecclesiastico: ma chi iomporrà ai sacerdoti di portarlo, secondo le indicazioni della CEI, Talare sempre (in chiesa, nell'amministrazione dei sacramenti, nell'insegnamento, e fuori); clergyman (fuori quando possa risultare più comodo).
Clergyman anche d'estate, completo, colore nero o grigio scuro, non celestino ecc.
Un'altra "grida" manzoniana?

fr. A.R. ha detto...

Dante mio, perchè vuoi essere più papista del Papa? Suvvia: intanto iniziamo a chiedere quello che chiede il Papa: che i sacerdoti siano "riconoscibili" per l'abito. Noi frati lo siamo già e quindi non conta, per i sacerdoti, la santa tradizione fin dal tridentino non ha mai prescritto una foggia particolare di abito. Anche perchè nelle diverse chiese e parti del mondo questo può variare: in africa e India i preti hanno la talare bianca, ma sono riconoscibilissimi come preti.
Quindi teniamo il principio e mettiamolo in atto, poi se la camicia con il collarino è blu o grigia, pazienza.
II) I Seminaristi NON SONO CHIERICI tantomeno SACERDOTI. Se sono di qualche istituto religioso (tipo i legionari) capisco che abbiano il loro abito, ma se sono giovani laici in cammino per diventare diaconi, si vestano in modo consono alle tradizioni locali. Se hanno ricevuto la talare la usino a tempo debito, ci mancherebbe.
Ma non confondiamo le parole che il Papa ha usato SOLO PER I SACERDOTI (infatti anche per i diaconi permanenti non c'è l'obbligo di portare l'abito, pur potendolo fare).

Anonimo ha detto...

Mi risulta che il neo eletto Arcivescovo di Siracusa abbia tolto l'abito talare ai suoi seminaristi, che "dovrebbero" riceverlo ad Ordinazione compiuta (ciò, con sommo gaudio degli alunni del locale seminario.
Cara Raffaella, gentilissimo e stimato Dante Pastorelli, mi pare che il Santo Padre parli per sè, visto l'andazzo tra i Vescovi che decidono arbitrariamente. Togliere la veste talare ad un seminarista è indice di rilassatezza. Ai giovani "vocati" che incontro nel mio cammino dico sempre: allontanatevi da strutture, conventi, seminari "rilassati" (per non dire altro termine...), preferite quei luoghi dove realmente e concretamente potrete essere Discepoli di Gesù e coltivare con fecondità la vostra santificazione e quella dei fratelli nella fede.
Povera Sicilia!
fr.Giovanni

DANTE PASTORELLI ha detto...

A parte che molti frati (ed anche molti monaci) vestono "in borghese" purtroppo, esistono delle norme? Se esistono, e son legittime, emanate dalla legittima autorità, devono esser rispettate. Il mancato rispetto è un atto di grave disobbedienza.
Chi non sa obbedir nelle piccole cose (ma son poi piccole? La riconoscibilità anche di lontano è piccola cosa) non sa obbedire nelle grandi.
Santa Teresa diceva: per una reverenza darei la vita.
All'anonimo frate non chiedo tanto, solo che ricordi ai preti quanto affermano CIC e CEI e l'inviti ad adeguarsi alla volontà del papa.