lunedì 16 marzo 2009

Lettera del Papa ai vescovi, Riccardi: Non può esserci spazio per la cultura del nemico


Vedi anche:

Nella lettera ai vescovi Benedetto XVI ha confermato gli obiettivi irrinunciabili del suo pontificato. Il card. Ruini li analizza (Magister)

Secondo Zollitsch non ci sono punti che dividono la Conferenza episcopale tedesca e la Santa Sede (Sir)

Card. Vingt-Trois: “Benedetto XVI ha ascoltato ciò che è stato detto” (La Croix)

Presentati allo Yad Vashem nuovi documenti favorevoli a Pio XII. Andrea Tornielli racconta un incontro a porte chiuse svoltosi a Gerusalemme (Zenit)

Abbé Barthe: Esiste un’opposizione romana a Papa Benedetto XVI? Parte prima (Messainlatino)

Il Papa da martedì in Africa: «Stop a guerre e ingiustizie» (Bobbio)

Lettera del Papa ai vescovi, Vian: quell’affinità tra Benedetto XVI e San Paolo (Sussidiario)

Benedetto XVI esalta lo spirito di unità con i vescovi. Attesa per il viaggio in Africa (Conte)

Giallo sul primo incontro tra Obama e Benedetto XVI (Tornielli)

Il Papa parte per l' Africa, continente tra guerre e pandemie. Rischio di black out mediatico?

Manfred Lütz, teologo e psichiatra: Il Papa, ferito dalle polemiche, ha risposto con stile di pastore (Galli)

Papa in Africa, le sfide: Aids e sette (Il Tempo)

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

Il Papa si prepara a primo viaggio in Africa (Pullella)

Fuga di notizie, caccia al «servo di mezza tacca» (Vecchi)

"Se si trasforma la Chiesa in un talk-show". Straordinario editoriale di Andrea Tornielli, da leggere ed incorniciare!

Il Papa ed il verbo "divorare" nella lettera ai vescovi e nei saluti ai fedeli polacchi (Izzo)

Angelus del Santo Padre: il commento di Salvatore Izzo

Il Papa: "Parto per l’Africa con la consapevolezza di non avere altro da proporre e donare a quanti incontrerò se non Cristo e la Buona Novella della sua Croce, mistero di amore supremo, di amore divino che vince ogni umana resistenza e rende possibile persino il perdono e l’amore per i nemici" (Angelus)

Ai vaticanisti che tengono i conti dei fedeli: domani mi aspetto editoriali ed articoli sulla Piazza strapiena di oggi

La mano tesa di Benedetto XVI (Bianchi)

Con la lettera ai vescovi il Papa ammonisce i "suoi" e sfida la storia (Fontana)

Benedetto XVI sotto il fuoco "amico". Il Papa non sarà mai solo contro chi non vuol capire (Volonté)

Dalla parte della bambina brasiliana. Bellissimo intervento di Mons. Fisichella sull'Osservatore Romano. Da leggere e meditare!

Per riflettere: la Messa tridentina è roba da giovani. Ora cominciano ad accorgersene anche i progressisti. Che si inquietano...

Lettera del Santo Padre ai vescovi: una piccola riflessione (Raffaella)

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN E ANGOLA (17-23 MARZO 2009): LO SPECIALE DEL BLOG

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

La verifica del Papa per guardare avanti

Non può esserci spazio per la cultura del nemico

Andrea Riccardi

Il mondo della globalizzazione non si è unificato, è invece percorso da tante lacerazioni. La Chiesa non si rassegna a questo. Infatti parla di unità del genere umano e la vive nel suo seno. Cerca l’unità dei cristiani, secondo la volontà del Signore. Così si è mosso Benedetto XVI.
Uno dei suoi primi colloqui, dopo l’elezione, fu con Kyrill, ora patriarca russo.
Nel mondo tradizionalista, sempre nella logica dell’unità, il Papa si è preoccupato dello scisma in atto dalla fine degli anni 80. In questo quadro si colloca «il sommesso gesto di una mano tesa»: togliere le scomuniche ai vescovi lefebvriani. Benedetto XVI vuole facilitare il ritorno all’unità di un emisfero problematico non solo per l’accettazione del Concilio e del magistero di Paolo VI e Giovanni Paolo II, ma per alcune derive settarie.
Tra queste l’antisemitismo, tipico di una mentalità cui si rifaceva Lefebvre.
Chi conosce un po’ di storia del cristianesimo sa che il recupero all’unità consente di evitare o controllare queste derive, prima che si irrigidiscano con il tempo. Non si tratta di legittimarle, anche perché la cancellazione delle scomuniche non é un decreto di lode per i quattro vescovi. Chi lo aveva annotato in quei giorni, come l’autore di queste righe, si è ritrovato addosso accuse di anticonciliarità o di scarso amore per gli ebrei.
Come è stato possibile che questo atto del Papa scatenasse «una discussione di tale veemenza»? Ci sono stati problemi di comunicazione, come egli riconosce nella lettera ai vescovi. Sono pesati condizionamenti reali, come l’egemonia delle logiche mediatiche sui cattolici: bisogna rispondere in fretta, prendere posizione, spesso su notizie parziali di agenzia. Il nostro diventa il tempo dei terribili semplificatori. E poi c’è lo schema della cultura del nemico. Nella massima semplificazione: per affermare l’identità c’è bisogno del nemico. Ma l’identità conciliare della Grande Chiesa è radicata nella vita e nella tradizione. Non vuole un nemico, anzi ama e dialoga con chi le è contrario. Perché non con chi è ostile al Vaticano II?
D’altra parte è emerso, in questi giorni, il sospetto (sempre latente) verso papa Ratzinger: al fondo, senza dichiararlo apertamente, sarebbe contro il Concilio. Per affermarlo si dimentica troppo della sua opera di teologo, anche verso gli ebrei. E poi è il Papa che ha voluto il Sinodo sulla Parola di Dio. Ma non importa e si cede all’ultima emozione. Chi ha memoria ricorda che Paolo VI e Giovanni Paolo II sono stati accusati l’uno di tradire il Concilio e l’altro di volere la restaurazione. Oggi questo viene dimenticato; anzi li si esalta come papi del Vaticano II. Il che è vero, perché loro hanno guidato in modo costruttivo la recezione di quel Concilio che ha tanto segnato la nostra stagione ecclesiale.

Lo spaesamento di questo tempo ci prende. La lettera di Benedetto XVI, inaspettata, ci interpella. È testo di una Chiesa-comunione. Il tono fraterno è lontano da giochi politici, allusioni curiali, infingimenti. Rivela la fibra del credente e l’umiltà della persona.

Dichiara «la priorità che sta al di sopra di tutte» nel suo pontificato: «condurre gli uomini verso Dio, verso il Dio che parla nella Bibbia». Ma questa è la priorità della Chiesa e del Concilio. Nel 1975, Paolo VI scrisse: gli obiettivi del Concilio «si riassumono, in definitiva in uno solo: rendere la Chiesa del XX secolo sempre più idonea ad annunziare il Vangelo all’umanità del XX secolo». Essere idonei è anche cercare l’unità tra i cristiani, afferma il Papa. Aggiunge: tale unità fonda la ricerca della pace nel mondo e l’avvicinamento tra i credenti di diverse religioni. Questo richiede più amore, che si fa pazienza, umiltà. Semplicistico? Semplice e allo stesso tempo complesso. Ma questa è la Chiesa del Vangelo, con cui vogliamo camminare. Insegnava un grande orientale, il patriarca Atenagora: «Se noi sapremo restare grandi, saremo uniti».

© Copyright Avvenire, 15 marzo 2009 consultabile online anche qui.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Raffaella... due pesi e due misure?

Perché oggi pubblichi questo intervento di Riccardi, mentre solo due giorni fa avevi detto che non avresti pubblicato gli interventi "tardivi" dei "movimentisti"?

Rimango perplesso...

Raffaella ha detto...

Perche' questo e' un articolo e non un comunicato.
Inoltre Riccardi difese fin da subito la decisione del Papa contro le strumentalizzazioni.
Io non dimentico la lealta'!
R.

Anonimo ha detto...

Importante su Radio vaticana: Il Papa annuncia l'indizione a giugno di uno speciale Anno Sacerdotale.
Alessia

mariateresa ha detto...

la lealtà di Riccardi è fuori discussione, anche se provoca l'eczema a sinistra.

E le dichiarazioni di solidarietà sono tante
http://www.zenit.org/article-17544?l=italian

Anonimo ha detto...

Non mi risulta che Riccardi abbia scritto qualcosa prima dell'intervento pubblicato oggi.

Mentre mi risulta che gli altri movimenti e associazioni si siano mossi non solo scrivendo articoli su Avvenire, ma anche scrivendo personalmente al Papa e pubblicando volantini e dedicando parte delle proprie riviste a questo tema.

Continuo a rimanere perplesso...

Raffaella ha detto...

http://paparatzinger2-blograffaella.blogspot.com/2009/01/lefebvriani-andrea-riccardi-ricomposto.html

DANTE PASTORELLI ha detto...

Mons. Lefebvre aveva una mentalità antisemita?
Semmai accettava pienamente , come oggi non si fa più la dottrina della sostituzione, che è parola del Signore.