venerdì 13 marzo 2009

Lettera del Papa ai vescovi cattolici: lettera di risposta del cardinale Agostino Vallini, Vicario di Roma


Vedi anche:

GRANDIOSO PADRE LIVIO NELLA RASSEGNA STAMPA DI RADIO MARIA

Preti contro preti (Renato Farina)

La lettera del Papa ai vescovi: le critiche e il messaggio alla Germania (Vecchi)

La lettera del Papa ai vescovi: una «sveglia» da Padre della Chiesa (Cardinale)

Il cardinale di Sydney, George Pell, destinato a sostituire Dias alla congregazione di Propaganda Fide? (Bevilacqua)

Lettera del Papa ai vescovi sulla remissione della scomunica ai Lefebvriani: comunicato della Cei

L’Osservatore contro la Curia e le sue “miserande” fughe di notizie (Rodari)

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

La Stampa e Repubblica attaccano il Papa nonostante la lettera ai vescovi...

Oggi fioriscono comunicati di solidarietà al Papa...ma che "tempismo tardivo". Clamoroso errore sul sito di Avvenire

Apertura dei Lefebvriani: "Vogliamo considerare il Concilio Vaticano II e l'insegnamento post-conciliare alla luce della Tradizione"

Benedetto XVI: la soluzione al problema dei “lefebvriani” è dottrinale (Zenit)

Comunicato di Mons. Bernard Fellay sulla lettera del Santo Padre ai vescovi (traduzione in italiano)

Il Papa visiterà in autunno la Sinagoga di Roma

Lefebvriani, Osservatore Romano: «Nella chiesa bufera senza precedenti»

Mons. Fellay: "Siamo ben lontani dal voler arrestare la Tradizione a prima del 1962''

Il Papa ad una Delegazione del Gran Rabbinato d’Israele: "Possa la mia visita contribuire anche ad approfondire il dialogo della Chiesa con il popolo ebraico, cosicché gli ebrei, i cristiani e anche i musulmani possano vivere in pace e in armonia in Terra Santa!"

Lettera del Papa ai vescovi, Vian: un testo appassionato e senza precedenti nato dal cuore di Benedetto XVI (Osservatore Romano)

Lefebvriani, il Papa: recuperiamo quello che c'è di positivo (Izzo)

Rammarico del Papa per la questione dei Vescovi “lefebvriani” e ringraziamento agli ebrei (Zenit)

Il Papa: errori, incomprensioni e “odio” nella vicenda dei vescovi lefebvriani (AsiaNews)

L'incontro del Papa con gli Ebrei e la Conferenza di Durban: il commento di Salvatore Izzo

Il Pontefice spiega le ragioni della remissione della scomunica ai vescovi ordinati da Mons. Lefebvre (Zenit)

Papa combattivo, lettera severa (Il Foglio)

Padre Lombardi sugli attacchi al Papa: Non tutti sono stati gentili e ben educati nelle loro opinioni

Il commento di padre Lombardi alla Lettera del Papa. Da leggere e meditare! (Radio Vaticana)

Vivo apprezzamento del Congresso mondiale ebraico: da Benedetto XVI parole inequivocabili che aiutano a rafforzare il dialogo (Radio Vaticana)

Lefebvriani, lettera del Papa ai vescovo: il commento di José Luis Restán. Bellissima l'immagine dell'aquila e delle galline :-)

Adesso si tratta della dottrina. Il dialogo con i lefebvriani è da preparare con molta cura (Guido Horst)

L'analisi della lettera del Papa: Ratzinger e la priorità di unire la Chiesa (Tornielli)

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

La lettera del Papa ai vescovi sulla revoca della scomunica ai Lefebvriani: un commento da leggere e meditare

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

LETTERA DI PAPA BENEDETTO XVI AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA DEI QUATTRO VESCOVI CONSACRATI DA MONS. LEFEBVRE: LO SPECIALE DEL BLOG

A Sua Santità BENEDETTO XVI Romano Pontefice

Data di pubblicazione: 12/3/2009

Beatissimo Padre,

la Lettera che Vostra Santità ha indirizzato ai Vescovi della Chiesa Cattolica concernente la remissione della scomunica ai quattro Vescovi consacrati in modo illegittimo dall’Arcivescovo Lefebvre mi ha particolarmente toccato e commosso.
L’ho accolta come una grande lezione di fede offerta a tutti noi dal Supremo Pastore, che antepone Cristo e il bene del suo gregge ad ogni altra umana considerazione, una lezione di amore e di servizio alla Chiesa.
Mi sono tornate alla mente le parole di Gesù a San Pietro, dopo la risur-rezione: “Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro ? …In verità ti dico,...., tenderai le mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi” (Gv. 21, 15.18). La parola del Signore ci dice che Pietro, di ieri e di oggi, spesso è chiamato a vivere il Suo singolare ministero in solitudine, nell’incomprensione e nella sofferenza.
Le ragioni a lungo meditate da Vostra Santità del “gesto discreto di mise-ricordia” verso i quattro Vescovi, nella paterna attesa che venga da loro corrisposto con i dovuti passi di piena riconciliazione, andavano accolte da tutti nella Chiesa, facendo giungere al Supremo Pastore il sostegno, il conforto e la condivisione nella comunione ecclesiale, anche quando potessero non esserne compresi tutti gli elementi di una complessa e dolorosa vicenda.
La Lettera di Vostra Santità bene chiarisce gli aspetti disciplinari, dottrinali e pastorali che hanno condotto il Padre comune a “questo sommesso gesto di una mano tesa”.
Desidero manifestarLe, Padre Santo, che la Chiesa di Roma, la Sua Chiesa, attraverso questi miei pensieri, si stringe ancora una volta intorno alla Sua cara Persona per lenirLe la pena di questa circostanza ed intende confermarLe piena comunione e adesione ai Suoi atti di governo. Resto convinto che le decisioni del Papa si accolgono con fede, si comprendono nelle loro alte motivazioni e si sostengono sempre.
Le giunga, Padre Santo, l’espressione della nostra vicinanza affettuosa e filiale e il sostegno della nostra quotidiana preghiera: “Dominus conservet Eum et vivificet Eum”.
Per me e per l’intero popolo romano, imploro l’apostolica benedizione.

Laterano, 12 marzo 2009

Agostino Card. Vallini
Vicario del Santo Padre
per la Diocesi di Roma

2 commenti:

sam ha detto...

Questa è una bella lettera che mostra un cuore che si è lasciato interpellare.

euge ha detto...

Sempre troppo tardi. Sì perchè queste parole dovevano e ribadisco dovevano arrivare al Pontefice da subito non dopo questa lettera.

Non mi sento di ringraziare Vallini l'amarezza di aver visto il Papa lasciato solo anche dal suo Vicario per la città di Roma è stata e rimarrà sempre troppo grande.