venerdì 13 marzo 2009

José Luis Restan: In una lettera tutta l’umanità e il grande cuore di Benedetto XVI (Sussidiario)


Vedi anche:

Se questo è un Crocifisso! (Francesco Colafemmina)

Lettera ai vescovi: il Congresso Mondiale Ebraico loda il Papa e la sua franchezza

Bellissimo editoriale del card. Ruini: la lettera del Papa ai vescovi è una comunicazione personale che supera i limiti dell'ufficialità (Osservatore)

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

Card. Bertone: Benedetto XVI non è solo (Osservatore Romano)

Card. Cottier sulla lettera del Papa ai vescovi: una vicenda che darà frutti spirituali (Rosoli)

Mons. Simon-Victor Tonyé: "Tutto il Camerun attende con forte entusiasmo la visita del Santo Padre” (Fides)

VIAGGIO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN ED ANGOLA: LE DIRETTE TELEVIVE (TELEPACE)

Il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni: la visita del Papa nella Sinagoga di Roma è un segno di rispetto e amicizia (Radio Vaticana)

Amiens: non c'è posto per la comunità lefebvriana nelle Chiese (Messainlatino)

Benedetto XVI risponde ai «grandi difensori del Concilio» (Bordero)

Lettera del Papa sui Lefebvriani: la commozione (!) dei vescovi austriaci (Sir)

Benedetto XVI: formare le comunità cristiane all'adorazione eucaristica, rinnovandola in fedeltà alla tradizione liturgica (Radio Vaticana)

Il Papa: "L’esperienza del rinnovamento è importante anche rispetto al tema dell’adorazione eucaristica. Tale approfondimento sarà possibile soltanto attraverso una maggiore conoscenza del mistero in piena fedeltà alla sacra Tradizione"

Meraviglioso, dolcissimo, cardinale Canizares: "Amarezza per la sofferenza recata al Papa"

Secondo il card. Bertone il Papa non è solo e la curia gli è fedele. Ma c'è qualche voce stonata...

La Curia Romana: cos'è e come funziona e perchè non deve lasciar "fuggire" le notizie (Cantuale Antonianum)

Lettera del Papa sui Lefebvriani: il grazie (!) dei vescovi belgi e inglesi (Sir)

Lettera del Papa: il grazie (!) di Vingt-Trois (Francia), Zollitsch (Germania) e Grampa (Svizzera)

Zollitsch ha l'impressione che il Papa abbia sofferto molto...

La lettera del Papa? Una lezione di vero ecumenismo! Parla don Alfredo Morselli (Zenit)

I lefebvriani al Papa: non vogliamo fermarci al 1962 (Tornielli)

Segnali positivi: per la prima volta Radio Vaticana (sezione italiana) riporta una dichiarazione di Mons. Fellay

"Caso Lefebvriani": una parola chiarificatrice. Lettera di Benedetto XVI ai vescovi cattolici (Sir)

Rassegna stampa di Padre Livio su Radio Maria. Da non perdere!

Lettera del Papa ai vescovi cattolici: lettera di risposta del cardinale Agostino Vallini, Vicario di Roma

GRANDIOSO PADRE LIVIO NELLA RASSEGNA STAMPA DI RADIO MARIA

Preti contro preti (Renato Farina)

La lettera del Papa ai vescovi: le critiche e il messaggio alla Germania (Vecchi)

La lettera del Papa ai vescovi: una «sveglia» da Padre della Chiesa (Cardinale)

Il cardinale di Sydney, George Pell, destinato a sostituire Dias alla congregazione di Propaganda Fide? (Bevilacqua)

Lettera del Papa ai vescovi sulla remissione della scomunica ai Lefebvriani: comunicato della Cei

L’Osservatore contro la Curia e le sue “miserande” fughe di notizie (Rodari)

La Stampa e Repubblica attaccano il Papa nonostante la lettera ai vescovi...

Oggi fioriscono comunicati di solidarietà al Papa...ma che "tempismo tardivo". Clamoroso errore sul sito di Avvenire

Apertura dei Lefebvriani: "Vogliamo considerare il Concilio Vaticano II e l'insegnamento post-conciliare alla luce della Tradizione"

Benedetto XVI: la soluzione al problema dei “lefebvriani” è dottrinale (Zenit)

Comunicato di Mons. Bernard Fellay sulla lettera del Santo Padre ai vescovi (traduzione in italiano)

Lefebvriani, Osservatore Romano: «Nella chiesa bufera senza precedenti»

Mons. Fellay: "Siamo ben lontani dal voler arrestare la Tradizione a prima del 1962''

Lettera del Papa ai vescovi, Vian: un testo appassionato e senza precedenti nato dal cuore di Benedetto XVI (Osservatore Romano)

Lefebvriani, il Papa: recuperiamo quello che c'è di positivo (Izzo)

L'incontro del Papa con gli Ebrei e la Conferenza di Durban: il commento di Salvatore Izzo

Papa combattivo, lettera severa (Il Foglio)

Adesso si tratta della dottrina. Il dialogo con i lefebvriani è da preparare con molta cura (Guido Horst)

L'analisi della lettera del Papa: Ratzinger e la priorità di unire la Chiesa (Tornielli)

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

LETTERA DI PAPA BENEDETTO XVI AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA DEI QUATTRO VESCOVI CONSACRATI DA MONS. LEFEBVRE: LO SPECIALE DEL BLOG

Proponiamo la traduzione in italiano, a cura de "Il Sussidiario", dell'articolo del nostro amico José Luis Restan gia' presente nel blog in lingua spagnola.
R.

LEFEBVRIANI/ In una lettera tutta l’umanità e il grande cuore di Benedetto XVI

José Luis Restan venerdì 13 marzo 2009

Viene una serena commozione nell’anima dopo la lettura della lettera che Benedetto XVI ha inviato ai suoi fratelli vescovi di tutto il mondo per spiegare le ragioni che hanno portato alla revoca della scomunica dei quattro vescovi nominati dall’Arcivescovo Lefebvre.
Lì vi è soprattutto spalancato il cuore di un pastore al servizio di Cristo. Lì c’è il dolore di un padre che è stato maltrattato e incompreso da molti dei suoi. Lì c’è l’uomo umile che non nasconde gli errori del “corpo umano” della Chiesa che presiede. Lì si rivela, infine, la mano ferma di Pietro che tiene il timone nel mezzo della tempesta.
In primo luogo il Papa riconosce che la sua decisione ha suscitato un dibattito di una veemenza sconosciuta dentro e fuori la Chiesa. A ciò ha contribuito la mancanza di una spiegazione chiara dell’importanza e dei limiti della sua decisione nel momento in cui è stata resa pubblica, e inoltre la sovrapposizione del caso Williamson, con le sue nefaste dichiarazioni sulla Shoah. E così un gesto di riconciliazione con un gruppo ecclesiale separato è diventato l’opposto, «un apparente ritorno indietro rispetto a tutti i passi di riconciliazione tra cristiani ed ebrei», obiettivo che la telogia di Joseph Ratzinger ha servito fin dall’inizio.
Con paziente minuziosità, Benedetto XVI risponde a tutte le accuse che ha ricevuto. Non nasconde il suo dolore, ma non c’è ombra di risentimento, come se da questa voragine di critiche emergesse più limpida la sua umanità cristiana. «Era tale provvedimento necessario? Costituiva veramente una priorità? Non ci sono forse cose molto più importanti?». La priorità del Papa può essere solamente far presente Dio in questo mondo, aprire agli uomini l’accesso al Dio che parlò sul Sinai e il cui volto riconosciamo in Cristo crocefisso e resuscitato. Perché quando si spegne la luce che viene da Dio, l’umanità si nasconde nell’oscurità.
Da questa missione di condurre gli uomini al Dio di Gesù Cristo deriva l’urgenza di cercare l’unità dei credenti. Per questo è opportuno cercare anche, dice il Papa, «le riconciliazioni piccole e medie». E Benedetto XVI dimostra che il suo non è stato un gesto romantico, slegato dalla realtà o frutto di un’ossessione personale: «Io stesso ho visto, negli anni dopo il 1988, come mediante il ritorno di comunità prima separate da Roma sia cambiato il loro clima interno; come il ritorno nella grande e ampia Chiesa comune abbia fatto superare posizioni unilaterali e sciolto irrigidimenti, cosi che poi ne sono emerse forze positive per l'insieme». Dovrebbe realmente il Papa lasciare tranquillamente che questa parte della comunità andasse alla deriva, dopo che aveva visto ragioni per un avvicinamento?
La revoca della scomunica ai quattro vescovi vuole invitarli al ritorno, ma non significa che la Fraternità San Pio X sia tornata alla piena comunione. Restano sospese serie questioni dottrinali (tra cui la piena accettazione del Concilio Vaticano II) e nel frattempo i membri di detta Fraternità non esercitano legittimamente alcun ministero nella Chiesa. A questo proposito il Papa li avverte che «non si può congelare l'autorità magisteriale della Chiesa all'anno 1962», ma aggiunge anche che «ad alcuni di coloro che si segnalano come grandi difensori del Concilio deve essere pure richiamato alla memoria che il Vaticano II porta in sé l'intera storia dottrinale della Chiesa».
Quando arriva il momento di trattare l’insieme di dichiarazioni che hanno caratterizzato questa polemica, Benedetto XVI non è proprio tenero. Riconosce che da parte lefebvriana si sono ascoltate molte cose fuori luogo, e le qualifica come superbia, presunzione e ostinazione, sebbene abbia anche ricevuto da questa sponda testimoni commossi da gratitudine e apertura di cuore.
Ma anche nell’ambito ecclesiale ci sono state amare uscite, come se il gesto di misericordia del Papa per molti giustificasse il fatto di rivolgergli accuse intolleranti e piene d’odio. Nella parte finale del testo, il Papa evoca il famoso passaggio della lettera ai Galati in cui san Paolo avverte la comunità del fatto che se si morderanno e divoreranno gli uni con gli altri finiranno per distruggersi a vicenda. Noi, dice il Papa, non siamo migliori dei Galati, e non dobbiamo scandalizzarci. Siamo minacciati dalle loro stesse tentazioni e dobbiamo imparare ancora la priorità dell’amore e il giusto uso della libertà. Per questo ci affidiamo al Signore, «che ci guiderà anche in tempi turbolenti».

Dopo aver letto le imprecazioni di alcuni teologi, i titoli miserabili di alcuni giornali e anche i dubbi timorosi di qualche episcopato centroeuropeo, la lettura di questa lettera mi porta le immagini contrapposte dell’aquila e delle galline. Benedetto XVI riprende il volo come un’aquila, ma allo stesso tempo è vicino al nostro dolore quotidiano, alle nostre povere dispute, alla nostra debole fede di ogni giorno. Questa è la sua missione, quella di confermarci nella fede, e con questa lettera impressionante lo ha fatto ancora una volta. Grazie padre.

© Copyright Il Sussidiario, 13 marzo 2009

5 commenti:

gully ha detto...

Hai visto Raffaella l'amorevole risposta di noi siamo chiesa alla lettera del Papa?

Raffaella ha detto...

Oh si'...quanta carita' e misericordia!
R.

mariateresa ha detto...

ho letto. Che latte alle ginocchia. Ma , via chi sono poi questi?Che noia negli argomenti....

Invece mi viene in mente una riflessione di un ex blogger (purtroppo) di Accattoli che , riavvicinatosi alla Chiesa, si poneva alcune domande.
Tipo: ma io ho voglia di entrare in questo casino (Chiesa)? Preti che contestano preti, vescovi che contestano il papa, discussioni a sangue su documenti dottrinali, ecc. ecc.
Confesso che , a volte, manderei al diavolo l'aplomb, per arrivare alle stesse conclusioni.
Però...è anche vero che solo nella Chiesa cattolica c'è questo dibattito.
Vuole dire qualcosa? di buono, intendo.

Le altre confessioni cristiane sono findusizzate. Non c'è niente di nuovo.
Siamo così vitali? o siamo così malmessi?
A volte me lo chiedo.
La butto lì.
Certi leader protestanti occidentali mi sembrano di una noia mortale e dal punto di vista spirituale dei veri zombiees (al mio gusto, s'intende). Ma posso sbagliarmi.
Com'è che il protestantesimo uffiale europeo mi sembra morto e stecchito?E quelli che sono tenuti come fenomeni dalla stampa sono dei movimenti residuali (senza offesa, mettete un altro aggettivo che non mi cambia il ragionamento), comunque di matrice cattolica?
E com'è che a molti, la maggioranza dei credenti, di costoro non gliene frega niente?
Insomma chi sostiene questi gruppi (cattolici dissidenti) mentre la gente normale, che lavora, zappa, vive del suo lavoro, non sa nemmeno cosa sono? (mia esperienza personale, limitata , ma verificata).
Sono domande, non dichiarazioni.
Di cattolici critici ne conosco anch'io, ma se gli chiedi cos'è Noi siamo chiesa ti guardano come se ti fosse spuntato il terzo occhio.O la coda.
Mi pongo queste domande perchè cerco di aprire i miei orizzonti mentali, per amore del nostro Salvatore, ma non so verso chi sia bene aprire la mente.
Questi gruppi chi rappresentano?
E rappresentano?
Abbiate pazienza, per le mie domande. Cerco di distinguere tra i problemi interessati sollevati da Repubblica e quelli veri. Perchè, secondo me, c'è la sua differenza.
A me piace parlare con tutti. Basta che ci sia un argomento vero.

gemma ha detto...

se "loro sono chiesa".....

gemma ha detto...

la penso esattamente come te mariateresa e il tuo ragionamento è anche il mio. E' incredibile come in ogni ambito il più piccolo movimento radicale riesca a far opinione ritenendosi depositario di una maggioranza immaginaria. Accade nella politica italiana, dove sono bravissimi a far apparire attraverso i media le loro istanze come principali priorità degli italiani. E accade anche nella Chiesa. Certo, alcuni sono dalla loro parte, la pensano come loro, ma gran parte di coloro che scelgono di essere cattolici oggi (parlo di chi sceglie, magari da adulto, e non di chi si professa tale solo per nascita o tradizione) scelgono di far parte della Chiesa cattolica così com'è, come l'hanno conosciuta, col papato e la sede apostolica romana. Grazie a Dio in occidente c'è ancora libertà religiosa e nessuno impedisce ad alcuno di praticare un'altra confessione senza per questo scardinare i principi altrui . E questo dovrebbe valere per i fedeli ma soprattutto per i pastori che hanno giurato fedeltà in principi che non riconoscono più. Tutti possiamo cambiare nel tempo ma non possiamo poi imporre il nostro cambiamento anche agli altri. Quante volte nelle chiese assistiamo a predicazioni che ci lasciano perplessi! Chi sceglie la religione cattolica, sa benissimo in cosa consiste, chi è e cosa rappresenta per essa il Papa e non desidera il suo annientamento due giorni si e uno no. Sceglie Cristo non solo perchè attratto dall'uomo rivoluzionario ma anche per fede, perchè crede sia il figlio di Dio, e nel suo valore salvifico, e non per semplice adesione al cristianesimo sociale o attrazione verso la teologia della liberazione.
E sono concetti che con qualche sacerdote sedicente "progressista" mi sono veramente stancata di ripetere.