venerdì 13 marzo 2009

Bellissimo editoriale del card. Ruini: la lettera del Papa ai vescovi è una comunicazione personale che supera i limiti dell'ufficialità (Osservatore)


Vedi anche:

Card. Bertone: Benedetto XVI non è solo (Osservatore Romano)

Card. Cottier sulla lettera del Papa ai vescovi: una vicenda che darà frutti spirituali (Rosoli)

Mons. Simon-Victor Tonyé: "Tutto il Camerun attende con forte entusiasmo la visita del Santo Padre” (Fides)

VIAGGIO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN ED ANGOLA: LE DIRETTE TELEVIVE (TELEPACE)

Il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni: la visita del Papa nella Sinagoga di Roma è un segno di rispetto e amicizia (Radio Vaticana)

Amiens: non c'è posto per la comunità lefebvriana nelle Chiese (Messainlatino)

Benedetto XVI risponde ai «grandi difensori del Concilio» (Bordero)

Lettera del Papa sui Lefebvriani: la commozione (!) dei vescovi austriaci (Sir)

Benedetto XVI: formare le comunità cristiane all'adorazione eucaristica, rinnovandola in fedeltà alla tradizione liturgica (Radio Vaticana)

Il Papa: "L’esperienza del rinnovamento è importante anche rispetto al tema dell’adorazione eucaristica. Tale approfondimento sarà possibile soltanto attraverso una maggiore conoscenza del mistero in piena fedeltà alla sacra Tradizione"

Meraviglioso, dolcissimo, cardinale Canizares: "Amarezza per la sofferenza recata al Papa"

Secondo il card. Bertone il Papa non è solo e la curia gli è fedele. Ma c'è qualche voce stonata...

La Curia Romana: cos'è e come funziona e perchè non deve lasciar "fuggire" le notizie (Cantuale Antonianum)

Lettera del Papa sui Lefebvriani: il grazie (!) dei vescovi belgi e inglesi (Sir)

Lettera del Papa: il grazie (!) di Vingt-Trois (Francia), Zollitsch (Germania) e Grampa (Svizzera)

Zollitsch ha l'impressione che il Papa abbia sofferto molto...

La lettera del Papa? Una lezione di vero ecumenismo! Parla don Alfredo Morselli (Zenit)

I lefebvriani al Papa: non vogliamo fermarci al 1962 (Tornielli)

Segnali positivi: per la prima volta Radio Vaticana (sezione italiana) riporta una dichiarazione di Mons. Fellay

"Caso Lefebvriani": una parola chiarificatrice. Lettera di Benedetto XVI ai vescovi cattolici (Sir)

Rassegna stampa di Padre Livio su Radio Maria. Da non perdere!

Lettera del Papa ai vescovi cattolici: lettera di risposta del cardinale Agostino Vallini, Vicario di Roma

GRANDIOSO PADRE LIVIO NELLA RASSEGNA STAMPA DI RADIO MARIA

Preti contro preti (Renato Farina)

La lettera del Papa ai vescovi: le critiche e il messaggio alla Germania (Vecchi)

La lettera del Papa ai vescovi: una «sveglia» da Padre della Chiesa (Cardinale)

Il cardinale di Sydney, George Pell, destinato a sostituire Dias alla congregazione di Propaganda Fide? (Bevilacqua)

Lettera del Papa ai vescovi sulla remissione della scomunica ai Lefebvriani: comunicato della Cei

L’Osservatore contro la Curia e le sue “miserande” fughe di notizie (Rodari)

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

La Stampa e Repubblica attaccano il Papa nonostante la lettera ai vescovi...

Oggi fioriscono comunicati di solidarietà al Papa...ma che "tempismo tardivo". Clamoroso errore sul sito di Avvenire

Apertura dei Lefebvriani: "Vogliamo considerare il Concilio Vaticano II e l'insegnamento post-conciliare alla luce della Tradizione"

Benedetto XVI: la soluzione al problema dei “lefebvriani” è dottrinale (Zenit)

Comunicato di Mons. Bernard Fellay sulla lettera del Santo Padre ai vescovi (traduzione in italiano)

Lefebvriani, Osservatore Romano: «Nella chiesa bufera senza precedenti»

Mons. Fellay: "Siamo ben lontani dal voler arrestare la Tradizione a prima del 1962''

Lettera del Papa ai vescovi, Vian: un testo appassionato e senza precedenti nato dal cuore di Benedetto XVI (Osservatore Romano)

Lefebvriani, il Papa: recuperiamo quello che c'è di positivo (Izzo)

L'incontro del Papa con gli Ebrei e la Conferenza di Durban: il commento di Salvatore Izzo

Papa combattivo, lettera severa (Il Foglio)

Lefebvriani, lettera del Papa ai vescovo: il commento di José Luis Restán. Bellissima l'immagine dell'aquila e delle galline :-)

Adesso si tratta della dottrina. Il dialogo con i lefebvriani è da preparare con molta cura (Guido Horst)

L'analisi della lettera del Papa: Ratzinger e la priorità di unire la Chiesa (Tornielli)

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

LETTERA DI PAPA BENEDETTO XVI AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA DEI QUATTRO VESCOVI CONSACRATI DA MONS. LEFEBVRE: LO SPECIALE DEL BLOG

La lettera di Benedetto XVI

Il senso della Chiesa

Camillo Ruini
Cardinale vicario generale emerito di Roma

Un'autentica novità: chiamerei così la lettera che Benedetto XVI ha scritto ai "Confratelli nel ministero episcopale" sulla remissione della scomunica ai quattro vescovi consacrati da monsignor Lefebvre nel 1988.

Novità che si manifesta anzitutto nel carattere fortemente personale di questa lettera, che pure è rivolta a tutti i vescovi della Chiesa cattolica e di fatto, essendo stata resa pubblica, anche a tutti i fedeli: una comunicazione personale che supera i limiti dell'ufficialità e si offre al lettore in maniera trasparente, consentendogli di entrare, per così dire, nell'animo del Papa e di prender parte dal di dentro alla sua sollecitudine pastorale, alle motivazioni fondamentali che guidano le sue scelte e anche all'atteggiamento interiore con cui egli vive il suo ministero.

In questa medesima chiave, la lettera non nasconde certo le difficoltà del momento e le loro cause immediate, anzi le sottolinea, ma per andare più in profondità, alle radici spirituali, culturali ed ecclesiali di quegli ostacoli che rendono faticoso il cammino della Chiesa e che richiedono a ciascuno di noi conversione e rinnovamento.

Se vogliamo trovare per questa lettera qualche analogia dobbiamo pensare ad alcune lettere che, soprattutto nei primi secoli del cristianesimo, vescovi di grandi sedi - in particolare i vescovi di Roma - hanno inviato ai loro Confratelli sui problemi allora più preoccupanti.
Benedetto XVI ha chiarito con quella precisione di pensiero che gli è propria il significato positivo e i limiti del provvedimento di remissione della scomunica: sarebbe inutile pertanto ritornare su ciò che è perfettamente chiaro nella sua lettera. Assai utile può essere invece riflettere - per farle intimamente nostre - sulle grandi priorità del suo pontificato, che egli aveva evidenziato fin dall'inizio e che ripresenta e approfondisce con sofferta e vorrei dire drammatica convinzione in questa lettera.
La prima priorità è confermare nella fede i fratelli: in concreto, in questo nostro tempo, "la priorità che sta al di sopra di tutto è di rendere Dio presente in questo mondo e di aprire agli uomini l'accesso a Dio", a quel Dio che si è pienamente manifestato in Gesù Cristo. Guardando ai nostri fratelli in umanità, e guardando anche dentro alla Chiesa e anzitutto dentro a noi stessi, possiamo renderci conto che questa è davvero, nella concretezza della vita e della storia, la questione decisiva: una questione spesso ignorata o rimossa, o ritenuta ormai superata, ma in realtà la questione da cui tutto dipende, la sola chiave che può aprire al pensiero dell'uomo tutto il suo spazio legittimo e necessario e può offrire al cuore dell'uomo una solida speranza.
Dentro alla suprema priorità di Dio trova immediatamente posto la priorità dell'amore e della comunione tra noi: in concreto la priorità dell'unità dei credenti in Cristo e la priorità della pace tra tutti gli uomini.

Di qui la sofferenza che Benedetto XVI non nasconde di fronte all'inclinazione a "mordersi e divorarsi a vicenda", purtroppo oggi presente tra noi come fu presente tra i Galati a cui scriveva san Paolo.

Tocchiamo qui un nervo scoperto del cattolicesimo degli ultimi secoli, un punto di fragilità e di sofferenza di cui dobbiamo diventare più e meglio consapevoli. Mi riferisco all'indebolirsi, e a volte praticamente all'estinguersi, del senso di appartenenza ecclesiale, della gioia cioè e della gratitudine di far parte della Chiesa cattolica. Non si tratta di qualcosa di secondario e di accessorio, che dovrebbe giustamente lasciare il passo di fronte alla nostra libertà individuale e al nostro rapporto personale con Dio, o anche a tante altre appartenenze che appaiono più concrete e più gratificanti.
Occorre invece ricostruire dentro di noi quella convinzione di fede che ha caratterizzato il cristianesimo fin dal suo inizio, secondo la quale il senso della Chiesa è parte essenziale della nostra appartenenza a Cristo. Hanno qui la loro radice l'accoglienza del magistero della Chiesa e lo sforzo di conformare la nostra vita ai suoi insegnamenti, ma anche un atteggiamento che abbraccia la sfera dei sentimenti e che si traduce spontaneamente nell'affetto per coloro che nella fede ci sono padri e fratelli. Se questi sentimenti saranno vivi in noi resteremo lontani da quel gusto amaro di cogliere in fallo il nostro presunto avversario, che in realtà è nostro fratello, che purtroppo affiora in molte parole, gesti o silenzi, come la lettera del Papa, con onestà e sofferenza, ci aiuta a comprendere.

(©L'Osservatore Romano - 14 marzo 2009)

4 commenti:

mariateresa ha detto...

bellissima.

anonimo del pollaio ha detto...

Ruini è sempre un grande e non nasconde le difficoltà come invece fanno altri.

petrus ha detto...

bello, ma sono rimasto comunque contrariato nel sentire il Card. Ruini giorni addietro dire che uno non puo' essere vescovo cattolico se nega l'olocausto. Non che quest'ultima sia un'azione intelligente , ma con fior di sacerdoti e teologi pronti a negare la verginità di Maria, mi sembra ben poca cosa al confronto.

Vatykanista ha detto...

http://wdtprs.com/blog/2009/03/card-ruini-on-the-holy-fathers-letter-very-good/