giovedì 19 marzo 2009

Il Papa in Africa messaggero del riscatto dei popoli (Laporta)


Vedi anche:

L'interesse dei giornaloni online per l'Africa è già venuto meno? Silenzio anche sulle folle oceaniche per il Papa

La messa del Papa contro le multinazionali che invadono l’Africa (Panorama)

La Preghiera di Benedetto XVI alla Vergine Protettrice dell'Africa

Il filo conduttore del viaggio del Papa in Africa (Osservatore Romano)

Ai vescovi lo «strumento di lavoro» del sinodo (Osservatore Romano)

Messa a Yaoundè davanti a 60 mila persone, il Papa: «Bambini maltrattati e abusati, Dio non vi dimentica» (Corriere)

Il Papa: "E' per me motivo di grande gioia consegnarvi il testo dell’Instrumentum laboris della Seconda Assemblea Speciale per l’Africa del Sinodo dei Vescovi"

Dopo Williamson ecco il “caso condom”: la vecchia Europa contro il Papa (Rodari)

Il Papa a Yaoundé: "Figli e figlie d'Africa, non abbiate paura di credere, di sperare e di amare, di dire che Gesù è la Via, la Verità e la Vita" (Omelia)

Il Papa: "L'Africa può diventare il continente della speranza. Non lasciatevi affascinare da false glorie e da falsi ideali"

Grande Messa del Papa nello stadio di Yaoundé: previste 40mila presenze. Ne sono arrivate 50mila e in tanti sono fuori dalla struttura

Dietro l'attacco sui preservativi c'è solo il tentativo di screditare il Papa (Boggero)

IL PAPA IN CAMERUN: RACCOLTA DI FILMATI SU BENEDICT XVI.TV

Il Papa: "Religione e ragione si sostengono a vicenda, dal momento che la religione è purificata e strutturata dalla ragione e il pieno potenziale della ragione viene liberato mediante la rivelazione e la fede" (Discorso ad una delegazione musulmana)

D'Agostino: Il Problema del preservativo. Proteggere gli altri una scelta nell'orizzonte della verità

L’aggressione a B-XVI. Il disgustoso paradosso franco-tedesco (Ferrara)

Il Papa: «In Africa non c'è ateismo». Più di un milione di persone sui 29 chilometri dall'aeroporto alla nunziatura (De Carli)

Il Papa alla comunità musulmana: religione genuina tutte le forme di violenza e totalitarismo

Le parole del Papa sull'aids e le quattro versioni (quattro!) fornite dagli organi vaticani

Lefebvriani, Magister: il messaggio di Benedetto XVI, di cui nessuno parla

Il Papa: «Io solo? Mi viene da ridere». Sfatato il mito del Papa isolato (Giansoldati)

E nella fornace di Yaoundé Benedetto richiama ai valori (Tornielli)

Attacco dell'Europa al Papa che, tra le folle che lo accolgono, non appare nemmeno sfiorato dalle polemiche (Tornielli)

Quella parola, "preservativi", che nessuno aveva usato prima di Papa Ratzinger. L'assurda censura della curia!

L'arrivo trionfale del Papa in Africa: il commento di Vecchi e Giansoldati

BUON ONOMASTICO, SANTO PADRE!

Il Papa in Camerun, il teologo Doldi: Parole chiare contro l'Aids (Sir)

Cosa domanda Benedetto alla sua Chiesa (Tempi)

Le mille polemiche interessate non oscureranno il viaggio trionfale di Benedetto XVI in Africa

Il messaggio del Papa sull'aids: il commento di John Allen (inglese)

Il Papa, i media e la dittatura del politicamente corretto (José Luis Restán)

INTERVISTA CONCESSA DAL PAPA SULL'AEREO PER IL CAMERUN SU PRESUNTA SOLITUDINE, CRISI ECONOMICA, CHIESA AFRICANA ED EDUCAZIONE ALLA SESSUALITA'

Su internet i blogger francesi si fanno avvocati del Papa contro le deformazioni mediatiche (La Croix)

Chi fa la lezione al Papa sull’Africa (Tornielli e Bonacina)

La Chiesa condanna la promiscuità prima del condom. La polemica contro Giovanni Paolo II a San Francisco (Izzo)

POLEMICHE SULL'AIDS: COMUNICATO DELLA SALA STAMPA DELLA SANTA SEDE

Il Papa: "Giuseppe è un “uomo giusto” (Mt 1,19) perché la sua esistenza è “aggiustata” sulla parola di Dio" (Omelia Vespri)

Il metodo di Benedetto XVI. Pietro De Marco commenta la lettera del Papa ai vescovi

Giovanni Maria Vian: L'importanza di un viaggio (Osservatore)

Anche nella Chiesa c'è chi voleva mettere il bavaglio al Papa ma ha fallito. La stanza del potere e quella della dottrina (Quagliariello)

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN E ANGOLA (17-23 MARZO 2009): LO SPECIALE DEL BLOG

DISCORSI ED OMELIE DEL SANTO PADRE IN CAMERUN ED ANGOLA

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

PRIMO PIANO

Il papa in Africa messaggero del riscatto dei popoli

Il continente è il crocevia di tutte le crisi e il nodo è la rinascita morale, non la profilassi dell'Aids

Di Piero Laporta

L'analisi

Ridurre il viaggio papale alla profilassi dell'Aids serve a quanti minimizzano l'autorevolezza della Chiesa cattolica. Il papa non solo indirizza la morale sessuale, ma propone un discorso ampio e consapevole, nel quale il cristianesimo è anche misura del riscatto dei popoli.
Il viaggio papale in Africa fu annunciato sei mesi fa, su sollecitazione delle diocesi del continente, preceduta da concreti segnali di attenzione di Benedetto XVI verso l'Africa, in continuità con Giovanni Paolo II, il quale volle un segretario africano, monsignor Emery Kabongo, proprio per capire meglio il Continente nero mentre il post colonialismo, il post comunismo e il globalismo non hanno migliorato, tutt'altro, le condizioni di quei popoli. In questo contesto, le missioni cattoliche africane sono per lo più schierate dall' Oceano Atlantico all'Oceano Indiano, esposte alle spinte mussulmane un tempo provenienti solo da Nord.
Il papa è sceso in Camerun, emblema dell'Africa, marchiato dalla schiavitù e dagli avvicendamenti coloniali di Portogallo, Francia, Gran Bretagna e Germania. Qui come altrove le missioni cattoliche contribuiscono, da sole e significativamente, a migliorare la vita della gente. Il contraltare laico di tale sollecitudine dovrebbe essere in Kenya, dove si esultò la notte in cui il kenyota Barak Obama conquistò la Casa Bianca. Se la provvidenza laica sarà altrettanto solerte di quella religiosa, lo dirà il tempo. I segnali in corso sull'Oceano Indiano non sono tuttavia incoraggianti. Mentre il Papa atterrava in Camerun, nel Madagascar, ricchissima di potenzialità economiche e tuttavia poverissima, Andry Rajoelina, incurante dei moniti dell'Unione africana e dell'Unione europea, ha deposto manu militari il presidente eletto, Marc Ravalomanana. Dietro l'indifferenza di Rajoelina per l'Ue s'avverte un potere forte, come quello dei cinesi che dal 2000 dilagano in Africa, comperando tutto quanto è possibile, petrolio e materie prime, ma anche uomini e governi. Mentre Europa e Usa, per opposte ragioni, si concentravano sull'Euro, dal 10 al 12 ottobre del 2000 si svolse a Pechino il primo Forum per la Cooperazione fra Cina e Africa. Era al potere il presidente Jiang Zemin. Parteciparono 45 paesi del Continente. Nei Forum successivi il nuovo presidente Hu Jintao, ribadendo la strategia cinese basata su accordi di lunga durata, potè ostentare la quasi totalità dei 53 paesi africani fra i firmatari della cooperazione economica. Da allora la Cina dà spallate a europei e statunitensi, indifferentemente, acquistando a saldo materie prime, terre rare e petrolio, soprattutto in Centro Africa, da dove si intensificano i flussi migratori verso l'Europa e, in prima linea, verso l'Italia. Le missioni cattoliche sono ora fra due fuochi, mussulmani e cinesi. E presto arriveranno, anzi torneranno i russi. Proprio in queste ore hanno annunciato un vasto programma di riarmo che prelude, ma non lo dicono, a un altrettanto vasto programma di espansione. La risposta occidentale? Sorvoliamo pietosamente sulla Nato; e l'Ue non fa paura nemmeno al Madagascar. In quanto agli Usa, hanno già risposto: in maniera tardiva, debole e inadeguata. Il 6 febbraio 2007 crearono l'Africa Command, Africom, solennemente propagandato in Africa ed Europa.
Tutte le speranze fondate su una struttura militare dotata di uno staff atipico, vocato non solo alla pianificazione militare, ma anche alla diplomazia, allo sviluppo e alla cooperazione. Un'effimera illusione. Nessun paese africano ha voluto ospitare Africom. Se l'Africa è nell'agenda di Obama, Africom più che soluzione è un grosso problema. L'Africa, crocevia di tutte le crisi, alla quale il pellegrino Benedetto XVI rivolge un messaggio squisitamente religioso, ma non solo religioso.

Inutile restringere il discorso all'Aids o, come fa qualche osservatore anglosassone più evoluto (e più malizioso) al rigore liturgico di Benedetto XVI. Il nodo è la rinascita morale, in Africa come nel mondo occidentale. Tutti dovremmo propiziare tale miracolo, anche come medicina alla crisi economica che impazza.

Il miracolo che auspica Benedetto XVI farebbe bene a tutti, perché l'Africa di oggi, se non peggio, è il limite inferiore al quale l'Occidente e, in particolare, l'Italia sono destinati in caso di fallimento.

© Copyright Italia Oggi, 19 marzo 2009 consultabile online anche qui.

3 commenti:

Unitaliano ha detto...

Complimenti Raffaella, bel blog!

Raffaella ha detto...

Grazie :-)

Anonimo ha detto...

Analisi di Padre Cervellera: La “minaccia” della Chiesa cattolica e l’Aids
su Asianews.
Alessia