giovedì 19 marzo 2009

Padre Cervellera: La “minaccia” della Chiesa cattolica e l’Aids (AsiaNews)


Vedi anche:

Pre o post-conciliari che siano, il Papa non ha tempo per le mode (Mastroianni)

Il Papa in Africa messaggero del riscatto dei popoli (Laporta)

L'interesse dei giornaloni online per l'Africa è già venuto meno? Silenzio anche sulle folle oceaniche per il Papa

La messa del Papa contro le multinazionali che invadono l’Africa (Panorama)

La Preghiera di Benedetto XVI alla Vergine Protettrice dell'Africa

Il filo conduttore del viaggio del Papa in Africa (Osservatore Romano)

Ai vescovi lo «strumento di lavoro» del sinodo (Osservatore Romano)

Messa a Yaoundè davanti a 60 mila persone, il Papa: «Bambini maltrattati e abusati, Dio non vi dimentica» (Corriere)

Il Papa: "E' per me motivo di grande gioia consegnarvi il testo dell’Instrumentum laboris della Seconda Assemblea Speciale per l’Africa del Sinodo dei Vescovi"

Dopo Williamson ecco il “caso condom”: la vecchia Europa contro il Papa (Rodari)

Il Papa a Yaoundé: "Figli e figlie d'Africa, non abbiate paura di credere, di sperare e di amare, di dire che Gesù è la Via, la Verità e la Vita" (Omelia)

Il Papa: "L'Africa può diventare il continente della speranza. Non lasciatevi affascinare da false glorie e da falsi ideali"

Grande Messa del Papa nello stadio di Yaoundé: previste 40mila presenze. Ne sono arrivate 50mila e in tanti sono fuori dalla struttura

Dietro l'attacco sui preservativi c'è solo il tentativo di screditare il Papa (Boggero)

IL PAPA IN CAMERUN: RACCOLTA DI FILMATI SU BENEDICT XVI.TV

Il Papa: "Religione e ragione si sostengono a vicenda, dal momento che la religione è purificata e strutturata dalla ragione e il pieno potenziale della ragione viene liberato mediante la rivelazione e la fede" (Discorso ad una delegazione musulmana)

D'Agostino: Il Problema del preservativo. Proteggere gli altri una scelta nell'orizzonte della verità

L’aggressione a B-XVI. Il disgustoso paradosso franco-tedesco (Ferrara)

Il Papa: «In Africa non c'è ateismo». Più di un milione di persone sui 29 chilometri dall'aeroporto alla nunziatura (De Carli)

Il Papa alla comunità musulmana: religione genuina tutte le forme di violenza e totalitarismo

Le parole del Papa sull'aids e le quattro versioni (quattro!) fornite dagli organi vaticani

Lefebvriani, Magister: il messaggio di Benedetto XVI, di cui nessuno parla

Il Papa: «Io solo? Mi viene da ridere». Sfatato il mito del Papa isolato (Giansoldati)

E nella fornace di Yaoundé Benedetto richiama ai valori (Tornielli)

Attacco dell'Europa al Papa che, tra le folle che lo accolgono, non appare nemmeno sfiorato dalle polemiche (Tornielli)

Quella parola, "preservativi", che nessuno aveva usato prima di Papa Ratzinger. L'assurda censura della curia!

L'arrivo trionfale del Papa in Africa: il commento di Vecchi e Giansoldati

BUON ONOMASTICO, SANTO PADRE!

Il Papa in Camerun, il teologo Doldi: Parole chiare contro l'Aids (Sir)

Cosa domanda Benedetto alla sua Chiesa (Tempi)

Le mille polemiche interessate non oscureranno il viaggio trionfale di Benedetto XVI in Africa

Il messaggio del Papa sull'aids: il commento di John Allen (inglese)

Il Papa, i media e la dittatura del politicamente corretto (José Luis Restán)

INTERVISTA CONCESSA DAL PAPA SULL'AEREO PER IL CAMERUN SU PRESUNTA SOLITUDINE, CRISI ECONOMICA, CHIESA AFRICANA ED EDUCAZIONE ALLA SESSUALITA'

Su internet i blogger francesi si fanno avvocati del Papa contro le deformazioni mediatiche (La Croix)

Chi fa la lezione al Papa sull’Africa (Tornielli e Bonacina)

La Chiesa condanna la promiscuità prima del condom. La polemica contro Giovanni Paolo II a San Francisco (Izzo)

POLEMICHE SULL'AIDS: COMUNICATO DELLA SALA STAMPA DELLA SANTA SEDE

Il Papa: "Giuseppe è un “uomo giusto” (Mt 1,19) perché la sua esistenza è “aggiustata” sulla parola di Dio" (Omelia Vespri)

Il metodo di Benedetto XVI. Pietro De Marco commenta la lettera del Papa ai vescovi

Giovanni Maria Vian: L'importanza di un viaggio (Osservatore)

Anche nella Chiesa c'è chi voleva mettere il bavaglio al Papa ma ha fallito. La stanza del potere e quella della dottrina (Quagliariello)

VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE IN CAMERUN E ANGOLA (17-23 MARZO 2009): LO SPECIALE DEL BLOG

DISCORSI ED OMELIE DEL SANTO PADRE IN CAMERUN ED ANGOLA

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

Su segnalazione della nostra Alessia leggiamo:

VATICANO

La “minaccia” della Chiesa cattolica e l’Aids

di Bernardo Cervellera

Il condom non risolve il flagello dell’Aids, anzi lo peggiora: lo dice il papa, ma anche la ricerca scientifica. I dati del Sud Africa, Uganda Thailandia, Filippine. Dietro gli attacchi al pontefice, la lobby neocoloniale della rivoluzione sessuale, portata avanti da frange dell’Onu e Ue.

Roma (AsiaNews)

“Non si può risolvere il flagello [dell’Aids] con la distribuzione di preservativi: al contrario, il rischio è di aumentare il problema”. Da giorni questa frase di Benedetto XVI viene accusata di insensibilità verso la tragica epidemia che colpisce molte parti del mondo, ma soprattutto l’Africa.
Il ministro olandese Bert Koenders ha detto che le parole del pontefice sono “estremamente pericolose e molto gravi” e che il papa “rende le cose più difficili”; il ministero francese degli esteri ha detto che i commenti di Benedetto XVI sono “una minaccia alla salute pubblica e al dovere di salvare vite umane”; il ministro tedesco della sanità ha giudicato “irresponsabile” il privare del preservativo i “più poveri dei poveri”.

Tanto (falso) umanitarismo di rappresentanti di governi europei è anzitutto irrazionale e per nulla scientifico.

La stessa agenzia Onu per la lotta all’Aids ha dovuto confessare – in uno studio del 2003 - che il condom fallisce in almeno il 10% dei casi. Altri studi dimostrano che le percentuali di fallimento nel fermare l’epidemia raggiungono anche il 50%. In Thailandia, il dott. Somchai Pinyopornpanich, vicedirettore generale del dipartimento per il controllo delle malattie a Bangkok, afferma che si ammala di Aids il 46,9% di uomini che usano il preservativo e il 39,1% delle donne.
Anche l’affermazione del papa che “il rischio è di aumentare il problema” è confermato dalle statistiche. Paesi come il Sud Africa, che hanno abbracciato in pieno la campagna sul “sesso sicuro” con l’uso del condom, sostenuta dall’Onu, l’Unione europea e varie organizzazioni non governative, hanno visto uno spaventoso incremento della diffusione dell’Aids. Al contrario, Paesi dove si spingeva alla responsabilità, all’astinenza e alla fedeltà, hanno visto una riduzione dell’epidemia.
Valga per tutti lo studio del dott. Edward Green del Centro sulla popolazione e lo sviluppo di Harvard che ha verificato il programma ABC (Abstinence; Be faithful; Condom, cioè astinenza, fedeltà, preservativo) applicato in Uganda dal 1986 e che, dal 1991, ha visto un declino delle infezioni dal 21% al 6%. Non va dimenticato che Green era un sostenitore del “sesso sicuro” con il condom e invece è divenuto un sostenitore dell’astinenza e della fedeltà nei rapporti di coppia.
Molti studi – anche quelli promossi dall’Onu – hanno dimostrato che le nazioni che più hanno fatto uso di preservativi sono pure quelli con le maggiori percentuali di infetti da Aids. Norman Hearst, medico ed epidemiologo dell’università della California, uno studioso del settore, ha ammesso una volta: “La promozione di condom in Africa è stata un disastro”.
E tanto per vedere la “pericolosità” dell’influenza cattolica sulla diffusione dell’Aids, basta citare il caso delle Filippine, Paese cattolico all’85% dove la percentuale di malati di Aids è dello 0,01%.

Lo stesso New York Times, che in questi giorni ha attaccato il papa per la sua frase “pericolosa”, ha dovuto ammettere la vittoria sull’Aids nelle Filippine, dovuta alla moralità tradizionale, basata sull’astinenza e sulla fedeltà.

In un articolo del 20 aprile 2003 definiva l’arcipelago filippino come un luogo in cui “un bassissimo uso dei condom e una bassissima percentuale di infezioni da Hiv sembrano andare mano nella mano. Gli sforzi di prevenzione dell’Aids sono spesso focalizzati sull’uso del preservativo, ma qui non sono facilmente reperibili – e in maggioranza disprezzati – in questa nazione di cattolici conservatori”.
Davanti a tutti questi dati ci si può domandare come mai personalità dell’Onu, dell’Ue e organizzazioni “umanitarie” continuino a sbandierare la necessità dell’uso dei condom e bastonano la Chiesa cattolica per la sua sottolineatura sull’importanza dell’educazione, dell’astinenza e della fedeltà nei rapporti di coppia.

È possibile che lo facciano per guadagnare? Che abbiano tutti delle azioni nelle ditte che producono preservativi? Forse no. Credo che questo accanimento sul condom e contro la Chiesa cattolica e il papa siano solo un’ultima edizione di una forma di neocolonialismo.

Anzitutto – come ha detto un missionario del Pime in Africa da decenni – si pensa che l’uomo africano non possa essere educato alla responsabilità e per questo ridurre il “sesso sicuro” alla tecnica è la risposta più facile.
E non bisogna dimenticare che eliminando la responsabilità e la fedeltà dal rapporto di coppia si spinge a un uso strumentale il corpo della donna africana, e non solo. Avviene così che i più accaniti femministi, sventolando i condom, divengano i propugnatori di un nuovo schiavismo.
Ma il neocolonialismo più pericoloso è quello di far passare con la lotta all’Aids una rivoluzione pansessuale, dove manchi qualunque riferimento ideale e rimangano ferme solo due cose: l’autonomia e il narcisismo della rivoluzione sessuale e la cura contro l’Aids. Da anni l’Onu e l’Ue stanno cercando di promuovere un documento chiamato “Linee guida sull’Aids e diritti umani” in cui si suggerisce che se in ogni nazione non si cambiano le leggi sulla sessualità, l’Aids non potrà essere sconfitto. Le “Linee guida internazionali” chiedono una completa libertà sessuale dove vengano riformate le leggi che “proibiscono atti sessuali (compresi adulterio, sodomia, fornicazione e incontri di commercio sessuale) fra adulti consenzienti e in privato”, ma anche con minori (pedofilia). In tal modo le Linee guida salvano quegli atteggiamenti che sono causa della diffusione dell’Aids, ma si premuniscono chiedendo che ogni nazione metta a disposizione medicine e cure. Esse richiedono la legalizzazione internazionale del matrimonio omosessuale; l’aborto possibile ovunque e per ogni donna; ma suggeriscono che contraccettivi, condom e cure anti-Aids siano distribuiti a tutti, anche a minori usati nel commercio sessuale, (cfr. http://data.unaids.org/Publications/IRC-pub07/jc1252-internguidelines_en.pdf).

La lotta mondiale all’Aids a colpi di condom è in realtà la lotta per questa ideologia.

© Copyright AsiaNews

2 commenti:

Caterina63 ha detto...

Stupendo articolo i cui ati pubblicammo in un forum (oggi chiuso non per causa nostr^__^ ma per MSN) tutta la ricerca fatta sul fallimento dei contracettivi proprio in quei Paesi che avevano accolto la campagna promozionale dei preservativi...

Il lavoro ricotruito dal dott. Bruti, che si ricollega ai dati forniti dallo stesso dott. Edward Green, sollevò già a suo tempo, nel 2004, una CAMPAGNA FEROCE DI ATTACCHI DI CATTOLICI-PROGRESSISTI nel nostro forum...perfino dei sacerdoti che in buona fede, indubbiamente, erano a loro volta vittime di false propagande...

Mi è davvero piaciuta la chiarezza dell'articolo di AsiaNews...mi auguro che altri GIORNALI CATTOLICI ne prendano esempio...
ma non ci credo...

Per altro occorre che proprio NOI DONNE facciamo nostre le parole del Papa per proteggere LA NOSTRA DIGNITA'...che dignità è quella di essere schiave di un contraccettivo per essere OGGETTO di piacere?
Ciò non avviene neppure nel mondo animale dove l'accoppiamento, PER QUANTO ISTINTIVO, avviene SOLO in certi periodi dell'anno e a scopo procreativo...
Come può chiamarsi o definirsie AMORE un rapporto che ti desidera si, MA SOLO SE USI IL CONTRACCETTIVO, SE ABORTISCI O SE TI INFETTA??

Chi ha l'Aids ed ama veramente, non mette a rischio la vita dell'altro se sa che il virus dell'Hiv è dieci volte più piccolo DEI FORI del profilattico...e dunque passa...nel 10-20-30% dei casi esso passa e condanna a morte il contagiato...

E' questo che vorrebbe davvero la donna se fosse realmente al corrente dei fatti?
Ecco che i Media si stanno prestando alle lobby nichilste....per questo strepitano quando il Papa dice la Verità, temono che la gente venga a sapere la verità, sanno che Bendetto XVI E' CREDIBILE, è una persona seria...LA TEMONO...

Tocca a noi DONNE difendere la nostra dignità e fare nostre le parole del Papa...
CHI CI AMA DAVVERO CI SOSTIENE...
^__^

Fraternamente CaterinaLD



Fraternamente CaterinaLD

Bastardlurker ha detto...

Se si legge il documento si nota che l'Onu chiede agli stati membri che i minori e gli adulti costretti alla prostituzione non vengano perseguiti, ma protetti ed allontanati da tale attività garantendo cure mediche e psicologiche comprese quelle per l'HIV.


Criminal law should ensure that children and adult sex workers who have been trafficked or otherwise coerced into sex work are protected from participation in the sex industry and are not prosecuted for such participation but rather are removed from sex work and provided with medical
and psycho-social support services, including those related
to HIV.

pag.30