venerdì 13 febbraio 2009

Il card. Murphy-O'Connor ha attaccato e disubbidito a Benedetto XVI perchè, prossimo alla pensione, mira ad entrare nella Camera dei Lord?


Vedi anche:

Il Papa: "Andrò in Israele" (Lorenzoni)

Di Segni: "Un gesto opportuno". "Il contributo di Paolo VI in Terra Santa fu inesistente. Benedetto XVI si faccia ben consigliare..." (Bertasi)

Wiesel al Papa: "Non è ancora abbastanza, cacci il vescovo negazionista"

Il Papa: La Shoah? Un crimine contro Dio e l'umanità (Pinna)

Il discorso di ieri del Papa "San Sebastiano" e' sufficiente? Ovviamente no...c'è chi alza ancora la posta!

Il Papa: «È inaccettabile negare la Shoah» (Tornielli)

DISCORSO DEL PAPA AGLI EBREI: I VIDEO

Il Papa: "Dio guidi la Chiesa in vicende storiche non sempre tranquille"

Il Papa: "Chiediamo al Signore soprattutto di assistere con la potenza del suo Spirito Colui che sta al timone della Barca, il Successore di Pietro, perché possa svolgere con fedeltà ed efficacemente il suo ministero a fondamento dell'unità della Chiesa Cattolica"

Intervista a Fellay: "Mons. Lefebvre ha accettato il Concilio alla luce della Tradizione" (Seconda parte)

Discorso del Papa agli ebrei americani: alcune reazioni

Il saluto del Rabbino Arthur Schneier a Benedetto XVI (Zenit)

Mons. Fellay: "C'è una coalizione di tutto quel che è progressista o di sinistra per far pressione sul Papa"

INTERVISTA ESCLUSIVA A MONS. BERNARD FELLAY

Ieri sera surreale cena dell'avvocato degli Englaro per ringraziare i giornalisti (oggi la sepoltura di Eluana)

Secondo il rabbino David Rosen si aprono spazi per nuovi progressi nel rapporto tra ebrei e Chiesa

Il Papa: "La Chiesa è profondamente e irrevocabilmente impegnata a rifiutare ogni forma di antisemitismo" (Discorso del Santo Padre ai membri della Conferenza dei Presidenti delle Maggiori Organizzazioni Ebraiche Americane)

Un bellissimo esempio di amore e comunione: i vescovi spagnoli inviano una lettera di appoggio a Benedetto XVI

La grandezza del Papa, il ritorno a casa dei “lefebvriani” e la lingua di mons. Williamson (Respinti, articolo monumentale)

Intervista a Fellay: "Mons. Lefebvre ha accettato il Concilio alla luce della Tradizione" (Prima parte)

Il Papa: "Se già si resta senza parole da­vanti a un adulto che soffre, che di­re quando il male colpisce un pic­colo innocente?"

Il Papa: inaccettabile negare o ridurre la Shoah,”crimine contro Dio e contro l’umanità” (AsiaNews)

Complimentissimi ai lettori di "Le Figaro"

Il Papa: L'odio e il disprezzo per uomini, donne e bambini, manifestati nella Shoah furono un crimine contro Dio e contro l'umanità (Sir)

Benedetto XVI conferma: Sto preparando viaggio in Israele

Benedetto XVI agli ebrei americani: irrevocabile il rifiuto dell'antisemitismo (Radio Vaticana)

Papa: presto in Israele, "Shoah e' crimine contro Dio e umanita'"

Il Papa ha incontrato una delegazione ebraica

Pseudo-Berlicche scrive a pseudo-Malacoda: "Non usare la parola "eutanasia"! Non vogliamo turbare le coscienze, solo narcotizzarle"

Il direttore di Avvenire: Beppino Englaro «un boia»? Frase mai scritta, pensiero mai avuto. Monito ai giornaloni

LA SUBDOLA CONTESTAZIONE A BENEDETTO XVI FATTA CON BUGIE IMPIETOSE (monumentale commento di Giannino)

Il Papa: "La vita umana non è un bene disponibile" (Sir)

“La Chiesa parla per metafore e non c’è più il popolo”. La sconfitta spiegata da intellettuali cattolici (Il Foglio)

Chi in curia alimenta il fuoco mediatico contro il Papa? Risponde Damian Thompson

Giuliano Ferrara: Il Cristianesimo si ritrova ora solo e vulnerabile

Eccone un altro: l'arcivescovo di Salisburgo spiattella sui media la sua contrarietà alla revoca della scomunica ai Lefebvriani

Mons. Fellay: "Ho chiesto a Williamson di ritrattare quel nonsenso" (Der Spiegel)

Giancarlo Loquenzi: "Su Eluana una sconfitta onorevole e una vittoria orfana". Oggi il laicismo trionfante sembra aver vergogna di se stesso

Severgnini accusa il Papa di non scaldare i cuori (parli per se stesso!) ma i suoi lettori non sono d'accordo (Deo Gratias!)

Vescovo negazionista, un complotto contro il Papa: ricostruzione incontestabile di Tornielli. Un dossier circola nei Sacri Palazzi

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Curie e Curiali Il Papa alle prese con una nuova grana britannica

PRIMO PIANO

Di Andrea Bevilacqua

Sono giorni di tempesta in Vaticano.
Soprattutto a motivo delle innumerevoli disobbedienze al Pontefice manifestatesi in modo evidente in seguito al caso Richard Williamson, uno dei quattro vescovi lefebvriani a cui Benedetto XVI ha revocato la scomunica e che ha sostenuto recentemente tesi negazioniste sull'Olocausto.
Tra le innumerevoli disobbedienze, potrebbe a breve rendersi manifesta quella di un porporato di potere, ovvero il cardinale Cormac Murphy-O'Connor, arcivescovo di Westminster (Gran Bretagna) e presidente della conferenza episcopale d'Inghilterra e del Galles.
Murphy-O'Connor, il prossimo agosto, compie 77 anni. E, dunque, supera di due anni l'età pensionabile. E, consapevole che il futuro per lui non sarà altro che una pensione onorevole, pare stia lavorando per arrivare a un posizionamento storico, ovvero l'entrata in pompa magna nella Camera dei Lord. Una svolta epocale visto che, al suo interno, vi risiedono sì alcuni vescovi, ma sono anglicani e, dunque, sottomessi all'autorità della Regina: i componenti della Camera dei Lord sono attualmente 747, dei quali 92 ereditari mentre gli altri sono nominati o elettivi. Nello specifico: 28 Lord giudiziari (Law Lords), 25 Lord spirituali (arcivescovi e vescovi della Chiesa anglicana) e 602 Lords vitalizi nominati dal Sovrano su indicazione del governo.
Entrare nella camera dei Lord per un vescovo cattolico rappresenta uno smacco per Roma difficilmente rimarginabile. È vero: i rapporti tra Canterbury e Roma, negli ultimi tempi, si sono fatti distesi a motivo dell'aiuto che il Vaticano intende dare alla comunione anglicana a rischio di scisma a motivo di alcune decisioni liberal prese dalle sue gerarchie. Ma di qui a permettere che un principe della Chiesa pieghi la testa dinnanzi alla regina è davvero troppo.

Ma, del resto, le disobbedienze di Murphy-O'Connor sono quasi quotidiane. L'ultima, più che una disobbedienza, è un'invettiva contro Benedetto XVI senza precedenti.

È stato proprio l'arcivescovo d'Inghilterra, infatti, a criticare pesantemente il Papa per la questione dei lefebvriani: in una lettera al Rabbino Jonathan Sacks, Murphy-O'Connor ha espresso «vivo rimpianto» per la decisione di revocare la scomunica a Williamson. In sostanza, il porporato si è voluto scusare con il Rabbino per il comportamento del Papa. Proprio così. E la cosa è stata notata in Vaticano dove non è sconosciuta la volontà del cardinale di raggiungere prima della pensione la Camera dei Lord.

Probabilmente le sue uscite contro il Papa sul caso Williamson a questo mirano: a mostrarsi critico verso Roma prima di compiere il grande passo verso la Regina.

A conti fatti la Santa Sede ha due sole contro mosse possibili: imporre al porporato obbedienza e, nel contempo, sostituirlo con una personalità più fedele e in linea col Pontefice. Altrimenti l'esempio negativo di Murphy-O'Connor potrebbe contagiare anche altri presuli inglesi e ingenerare confusione tra i fedeli.

© Copyright Italia Oggi, 13 febbraio 2009 consultabile online anche qui.

Ubbidienza, mea culpa e ritiro con la rinuncia ad entrare nella Camera dei Lord.
E' questo che io voglio vedere.
Tutta la tragedia delle ultime settimane ha avuto un lato piu' che positivo: ora non solo il Papa, ma anche NOI fedeli sappiamo chi e' fedele al Santo Padre e chi gli rema contro.
Finora, purtroppo, non si sono viste teste finire nei cestini...dovremo aspettare a lungo?
I fedeli semplici si aspettano una bella sterzata ed una sapiente opera di pulizia, sia in curia sia nelle diocesi.
Si puo' iniziare da Londra...

Comunque siamo sempre al solito punto: povera Chiesa...povera la mia Chiesa!
R.

17 commenti:

Anonimo ha detto...

per me dovremmo abbandonare la bramosia di vedere "teste finire nei cestini" e ricordarci che la nostra fame e sete di giustizia verra saziata.

Raffaella ha detto...

L'esempio vale piu' di tante parole...
Scandalizzare i semplici indebolisce la Chiesa.
R.

Vatykanista ha detto...

Volevo far notare a Raffaella (che dovrebbe farci un post previa consultazione degli archivi del Bollettino vaticano), che ...dopo la nomina di Wagner a Linz, di fatto nessun'altra nomina è stata più decisa (fra le 'porovviste di chiese' pubblicate quotidianamente) per quel che riguarda , principalmente, *Europa* e *Nord America* - consultare per credere!

Di fatto è giorni che nuove nomine episcopali o non vengono pubblicate, o sono abbondanti infornate di vescovi asiatici, latinoamericani, africani, etc..


Controllare per credere, ripeto , e... sono sicuro che a Roma
1)
stiano procedendo con urgenza a un 're-assessment' delle procedure di selezione di vescovi in corso d'opera, qualunque fosse stato il grado di avanzamento della pratica;

2) nel caso di decisioni già prese ma 'impopolari', si è deciso evidentemente di attendere il ripristino di una relativa calma delle acque.

Raffaella ha detto...

Notizia molto interessante...
Grazie :-)
R.

Anonimo ha detto...

per me i semplici si stanno appasionando ben poco a queste cose

Raffaella ha detto...

Non direi...anzi!
R.

Raffaella ha detto...

Sono in grado di confermare la notizia.
Ho consultato il bollettino "a ritroso".
L'ultima nomina "europea" e' quella del Vescovo Ausiliare di Linz (Austria), il famoso Gerhard Wagner. Era il 31 gennaio scorso.
Da allora nessuna nomina vescovile in Europa e Nord America.
R.

Anonimo ha detto...

E' tale il degrado che l'operazione ripulitura e inserimento di prelati e porporati degni di questo nome nelle diocesi europee (casa nostra compresa!) richiederà anni. Si deve partire dai seminari e il contributo dei lefebvriani e tradizionalisti in piena comunione con il Papa sarà essenziale. La strada è lunga e cosparsa di insidie e trabocchetti, come ben stiamo constatando, ma non bisogna disperare. Sosteniamo con la preghiera il titanico sforzo del nostro Papa.
Alessia

Anonimo ha detto...

Non si potrebbe far cadere la testa(metaforicamente parlando s'intende)
di questa sventurata pseudo-porpora inglese?
Antonio

Anonimo ha detto...

La guerra di Linz continua. Ora che in Germania si sono dati una calmata per il caso Williamson, dopo che anche ufficialmente è stato dichiarato non perseguibile, i professoroni hanno trovato un nuovo war-game.Mi sembra che il papa voglia nominare vescovi solo persone di cui si fida (e non si fida della baracca messa in piedi da Re): visto che questo potere papale le conferenze episcopali ancora non ce l'hanno. Però hanno i cordoni della borsa, ma sembra che preferiscano perdere le imposte dei fedeli che dare soddisfazione al papa. Solo i vescovi bavaresi gli hanno dato il loro sostegno ufficiale. http://www.kath.net/detail.php?id=22098 Saluti, Eufemia

Vatykanista ha detto...

Alessia, è vero, ma: nota che nel 2008 solo 5 cardinali hanno superato la fatidica soglia degli ottant'anni, e durante il 2009 saranno ancora meno, solo 3.

Siamo ancora a poco meno dei canonici 120 elettori. Nuovi concistori sono lontani, se non si deroga al numero..

PERò: dal 2010 una marea (sui dieci all'anno o più) raggiungeranno quell'età. Spero proprio che il Signore conservi Benedetto per molti anni ancora.

Approposito: fra chi deve ancora ricevere la porpora, c'è l'ottimo Burke, di Curia, ma anche l'ambiguo Marx, a Monaco: quest'ultimo si è prima associato al coro lehmanniano antiromano, poi, ha fatto due conti, e si è allineato al sentiment degli altri vescovi bavaresi più 'papisti' (à la Mixa, per intendersi.).

La porpora val bene un tornar sui propri passi..

Anonimo ha detto...

Ma se ha la porpora O'Connor perchè non potrebbe averla anche Fellay che fra l'altro mi sembra molto più obbediente(e nella disobbedienza cmq coerente) e rispettoso nei confronti del Papa?
Credo che molti presuli avranno una bella sorpresa quando lasceranno questo mondo.
Molti fratelli che scacciano con orrore e disprezzo li precederanno nella Mensa eterna!
Antonio

sam ha detto...

Egli disse: "I re delle nazioni le governano, e coloro che hanno il potere su di esse si fanno chiamare benefattori. Per voi però non sia così.
...

fr. A.R. ha detto...

Io tifo per Dom Edmund Power a nuovo arcivescovo di Westminster. Un religioso benedettino per Benedetto!

anonimo teologo ha detto...

Leggo: "il contributo dei lefebvriani e tradizionalisti in piena comunione con il Papa sarà essenziale"...
Scusate la mia ignoranza... ma quale contributo dovrebbero dare i lefebvriani?????????????????????????

Anonimo ha detto...

preparazione,ordine,pulizia,ubbidienza ai superiori.

Anonimo ha detto...

Can. 285 -

[...]

§ 3. E' fatto divieto ai chierici di assumere uffici pubblici, che comportano una partecipazione all'esercizio del potere civile.

[...]