mercoledì 11 febbraio 2009

Eccone un altro: l'arcivescovo di Salisburgo spiattella sui media la sua contrarietà alla revoca della scomunica ai Lefebvriani


Vedi anche:

La migliore risposta dei fedeli cattolici ai volgari attacchi contro il Papa: l'aula Nervi di stamattina!

UDIENZA GENERALE: DIRETTA IN CORSO

Mons. Fellay: "Ho chiesto a Williamson di ritrattare quel nonsenso" (Der Spiegel)

Adornato: "Un festival della mediocrità, si salvano solo le suore misericordine" (Liberal)

Notizie interne dalla Fraternità San Pio X (Messainlatino)

Caso Englaro: i commenti di Marcello Pera e de "Il Giornale"

Vian: Credo che il caso Williamson obbligherà i tradizionalisti a fare i conti con l'antisemitismo (La Nation)

Mons. Bernard Fellay: "Williamson ritratti" (Agi)

Giovanni Maria Vian: Di fronte alla morte (Osservatore Romano)

Giovedì il rabbino David Rosen incontrerà il Papa

Giancarlo Loquenzi: "Su Eluana una sconfitta onorevole e una vittoria orfana". Oggi il laicismo trionfante sembra aver vergogna di se stesso

Lefebvriani e card. Castrillón: la replica di padre Lombardi alle interpretazioni erronee all'intervista a “La Croix” (Zenit)

Vian su Eluana: «Le parole che più sono entrate nel cuore di tutti sono quelle del Papa, la sua delicatezza» (Vecchi)

Severgnini accusa il Papa di non scaldare i cuori (parli per se stesso!) ma i suoi lettori non sono d'accordo (Deo Gratias!)

Intervista di “Der Spiegel” al vescovo Richard Williamson: “Non andrò ad Auschwitz” (traduzione integrale in italiano)

Card. Castrillón Hoyos: Rifiutiamo e piangiamo l'Olocausto nazista contro il popolo ebraico (spagnolo)

Famiglia Cristiana: Italia verso il baratro delle leggi razziali. Il ministro Maroni querela il settimanale

Williamson: E' evidente che i cattolici di sinistra non hanno ancora perdonato a Ratzinger il fatto di essere diventato Papa

Chi in curia alimenta il fuoco mediatico contro il Papa? Risponde Damian Thompson

Un rabbino in difesa di Benedetto XVI (Zenit)

Lefebvriani, la modernità e la strana alleanza tra atei e clerical-progressisti (Iannuzzi)

ESPLOSIVO ARTICOLO DE "IL FOGLIO": ECCO I NOMI ED I COGNOMI DELLA FRONDA ANTI RATZINGER

Vescovo negazionista, un complotto contro il Papa: ricostruzione incontestabile di Tornielli. Un dossier circola nei Sacri Palazzi

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

ARCIVESCOVO SALISBURGO, VATICANO VUOLE RIDURRE CHIESA A SETTA

(ASCA-AFP) - Vienna, 11 feb - Non si placano all'interno del clero austriaco le critiche contro la revoca della scomunica da parte di papa Benedetto XVI ai quattro vescovi lefebvriani, tra cui il negazionista Richard Williamson. ''E' necessario che la Chiesa cattolica sia 'purificata' per essere ridotta a un setta nella quale resterebbe solo un pugno di membri fedeli alla linea ufficiale?'', si chiede l'arcivescovo di Salisburgo, Alois Kothgasser, in una presa di posizione pubblicata da diversi quotidiani. Allo stesso tempo, secondo quanto riporta il quotidiano Kurier, nel corso di una conferenza dei decani della diocesi di Lizn, 31 dei 35 religiosi presenti hanno respinto ieri la nomina da parte del papa dell'ultra-conservatore Gerhard Maria Wagner, 54 anni, a vescovo ausiliario. L'interessato, che non figurava sulla lista proposta dal vescovo della diocesi, si era distinto negli ultimi anni in particolare per aver affermato che lo tsunami del 2004 in Thailandia e l'uragano Katrina che ha devastato New Orleans nel 2005 possono essere considerati castighi divini. ''Nella preoccupazione per la credibilita' della Chiesa e dell'unita' della diocesi, questa nomina non puo' essere approvata'', hanno affermao i decani, citati da Kurier. Tradizionalmente legittimista, il clero austriaco non e' solito criticare le decisioni del Vaticano. Ma le controverse decisioni di Benedetto XVI hanno suscitato l'incomprensione, anche nei circoli piu' conservatori, e accelerato l'emorragia di fedeli, in particolare nalla diocesi di Linz, dove il numero dei cattolici che ha chiesto di essere cancellato dai registri si e' triplicato negli ultimi giorni. ''Quando non c'e' piu' fiducia nella Chiesa locale, la fiducia nell'autorita' centrale della Chiesa universale scompare'', sottolinea Monsignor Kothgasser.

© Copyright Asca

Caspita! Come sono bravi a fare i conti!
Non sara' che i fedeli che hanno lasciato la diocesi sono finiti in Vaticano stamattina?
Da quello che ci dice Eufemia Gerhard Maria Wagner ha rilasciato interviste un po' "forti", ma, cari signori, riempie le parrocchie!
Non sara' questo a dare fastidio?
Massima delusione per l'arcivescovo di Vienna.
Evidentemente non basta essere stato uno studente del Papa per assimilare un po' del suo coraggio
.
R.

16 commenti:

brustef1 ha detto...

L'Arcivescovo di Salisburgo chi? Quello che prendeva Mozart a calci nel sedere?

Anonimo ha detto...

Appunto "quando non c'è più fiducia nella Chiesa locale ..."
Scommetto che in quella diocesi parecchi sono stati cresciuti con la religione del Politicamente corretto;non dubito che ora alcuni si trovino disorientati.
Se la fede è fragile e superficiale,i frutti non possono che essere questi.
Antonio

sam ha detto...

Un gruppo di pretonzoli che "respinge" un atto del Papa?
Ci credo che i fedeli se ne vanno... Che credibilità può avere un'istituzione gerarchica in cui non c'è obbedienza? E poi parlano dei Lefebvriani! Immagino quanto scandalo e quanta confusione debbano aver generato con la loro disunità. Invece che stringere alla Chiesa i fedeli, avranno soffiato sul fuoco per utilizzarli a sostegno della propria linea e dei propri interessi.
Preghiamo che questo vento purificatore continui a manifestare cosa è costruito sul vero fondamento e cosa no.
"L'opera di ciascuno sarà ben visibile: la farà conoscere quel giorno che si manifesterà col fuoco, e il fuoco proverà la qualità dell'opera di ciascuno."
1 Cor 3.13

euge ha detto...

L'arcivescovo di Vienna è da un pò di tempo che delude! Sì non basta essere alunni del Papa!

Anonimo ha detto...

L'allievo sta forse contestando il suo grande maestro? Sì, Schoenborn è cambiato. Ha promosso una mostra oscena e blafema, celebra messe "discutibili", si avvicinato a un controverso movimento,
ha praticamente bacchettato il Papa sui lefebvriani, non controlla le affermazioni dei suoi vescovi e preti. Mi auguro non diventi prefetto della CdF, come qualcuno ventila.
Alessia

Anonimo ha detto...

già ci manca solo lui in curia.

Syriacus ha detto...

"Mi auguro non diventi prefetto della CdF, come qualcuno ventila."


Beh... ier l'altro il Papa l'ha ricevuto in udienza.. (Ma l'ipotesi 'romana' più fondata, per +Christoph, è quella di andare a sostituire Kasper..)

Raffaella ha detto...

Devo commentare?
R.

Hieronimus Colloredus ha detto...

Mah, di recente Schoenborn ha poi difeso la nomina di Wagner a Linz, giustificandola proprio con l'argomento 'chiesa piena e i parrocchiani felici'. L'ha fatto, però in ritardo..


INVECE, ricordate una cosa: Alois Kothgasser è *salesiano* e, come ebbe per altre ragioni storiche il suo confratello Bertone a Vercelli, ha il privilegio di indossare la porpora come i cardinali, anche se non lo è. Perché?? Perchè da secoli ormai -dallo scisma d'Occidente- il titolo (onorifico) di 'Primas Germaniae' è stato trasferito a sud, in Austria, a Salisburgo.

(In ogni caso, vergogna: ti vesti di porpora e ti fregi del titolo di 'Primate di Germania', e poi insulti così il Sommo romano Pontefice...)

Anonimo ha detto...

Alois Kothgasser meriterebbe la "cura Billot" e di essere successivamente spedito in Africa come missionario.
Alessia

euge ha detto...

Mi auguro sinceramente, che la nomina in CDF cada su qualcuno di cui il Papa si possa fidare cecamente è un posto delicatissimo dove è necessario una persona in perfetta sintonia con il magistero di Benedetto sennò poveri noi.
Sinceramente, mi aspettavo altro da Shonborn..... una vera delusione! Speriamo bene!

brustef1 ha detto...

Caro Hieronymus, non resta che augurarci che ci sia un Mozart che prende a calci lui sulle purpuree terga

Giovanni ha detto...

Dissento con alessia sulla destinazione post cura Billot.
In Africa una parrocchia ha migliaia di fedeli sparsi in km e km di territorio...sai quante anime sarebbero danneggiate?
Credo che in questi casi sia meglio un marginale ufficio curiale in una piccola diocesi occidentale.

Gianpaolo1951 ha detto...

Un altro bel frutto dell'interpretazione faziosa del CVII...

Anonimo ha detto...

L'arcivescovo di Salisburgo ha il titolo di Primate dell'Austria e Germania! Il vescovo di Linz ha scritto anche lui una lettera, per chiedere ai decani ribelli di pensare agli affari delle loro parrocchie e fare un pellegrinaggio ai santuari mariani con relative preghiere.Anche il governatore del Land è contrario alla nomina del vescovo ausiliare Wagner, ma questo non ha fatto gridare all'ingerenza. Ormai è raro trovare un prete o un professore germanofono che sostenga il Papa. Restano solo i siti internet. Saluti, Eufemia

Anonimo ha detto...

WW IL CONCILIO VATICANO II