venerdì 13 marzo 2009

Il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni: la visita del Papa nella Sinagoga di Roma è un segno di rispetto e amicizia (Radio Vaticana)


Vedi anche:

Amiens: non c'è posto per la comunità lefebvriana nelle Chiese (Messainlatino)

Benedetto XVI risponde ai «grandi difensori del Concilio» (Bordero)

Lettera del Papa sui Lefebvriani: la commozione (!) dei vescovi austriaci (Sir)

Benedetto XVI: formare le comunità cristiane all'adorazione eucaristica, rinnovandola in fedeltà alla tradizione liturgica (Radio Vaticana)

Il Papa: "L’esperienza del rinnovamento è importante anche rispetto al tema dell’adorazione eucaristica. Tale approfondimento sarà possibile soltanto attraverso una maggiore conoscenza del mistero in piena fedeltà alla sacra Tradizione"

Meraviglioso, dolcissimo, cardinale Canizares: "Amarezza per la sofferenza recata al Papa"

Secondo il card. Bertone il Papa non è solo e la curia gli è fedele. Ma c'è qualche voce stonata...

La Curia Romana: cos'è e come funziona e perchè non deve lasciar "fuggire" le notizie (Cantuale Antonianum)

Lettera del Papa sui Lefebvriani: il grazie (!) dei vescovi belgi e inglesi (Sir)

Lettera del Papa: il grazie (!) di Vingt-Trois (Francia), Zollitsch (Germania) e Grampa (Svizzera)

Zollitsch ha l'impressione che il Papa abbia sofferto molto...

La lettera del Papa? Una lezione di vero ecumenismo! Parla don Alfredo Morselli (Zenit)

I lefebvriani al Papa: non vogliamo fermarci al 1962 (Tornielli)

Segnali positivi: per la prima volta Radio Vaticana (sezione italiana) riporta una dichiarazione di Mons. Fellay

"Caso Lefebvriani": una parola chiarificatrice. Lettera di Benedetto XVI ai vescovi cattolici (Sir)

Rassegna stampa di Padre Livio su Radio Maria. Da non perdere!

Lettera del Papa ai vescovi cattolici: lettera di risposta del cardinale Agostino Vallini, Vicario di Roma

GRANDIOSO PADRE LIVIO NELLA RASSEGNA STAMPA DI RADIO MARIA

Preti contro preti (Renato Farina)

La lettera del Papa ai vescovi: le critiche e il messaggio alla Germania (Vecchi)

La lettera del Papa ai vescovi: una «sveglia» da Padre della Chiesa (Cardinale)

Il cardinale di Sydney, George Pell, destinato a sostituire Dias alla congregazione di Propaganda Fide? (Bevilacqua)

Lettera del Papa ai vescovi sulla remissione della scomunica ai Lefebvriani: comunicato della Cei

L’Osservatore contro la Curia e le sue “miserande” fughe di notizie (Rodari)

IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA DEL SANTO PADRE AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA AI QUATTRO VESCOVI "LEFEBVRIANI"

La Stampa e Repubblica attaccano il Papa nonostante la lettera ai vescovi...

Oggi fioriscono comunicati di solidarietà al Papa...ma che "tempismo tardivo". Clamoroso errore sul sito di Avvenire

Apertura dei Lefebvriani: "Vogliamo considerare il Concilio Vaticano II e l'insegnamento post-conciliare alla luce della Tradizione"

Benedetto XVI: la soluzione al problema dei “lefebvriani” è dottrinale (Zenit)

Comunicato di Mons. Bernard Fellay sulla lettera del Santo Padre ai vescovi (traduzione in italiano)

Lefebvriani, Osservatore Romano: «Nella chiesa bufera senza precedenti»

Mons. Fellay: "Siamo ben lontani dal voler arrestare la Tradizione a prima del 1962''

Lettera del Papa ai vescovi, Vian: un testo appassionato e senza precedenti nato dal cuore di Benedetto XVI (Osservatore Romano)

Lefebvriani, il Papa: recuperiamo quello che c'è di positivo (Izzo)

L'incontro del Papa con gli Ebrei e la Conferenza di Durban: il commento di Salvatore Izzo

Papa combattivo, lettera severa (Il Foglio)

Lefebvriani, lettera del Papa ai vescovo: il commento di José Luis Restán. Bellissima l'immagine dell'aquila e delle galline :-)

Adesso si tratta della dottrina. Il dialogo con i lefebvriani è da preparare con molta cura (Guido Horst)

L'analisi della lettera del Papa: Ratzinger e la priorità di unire la Chiesa (Tornielli)

Preghiera per il Santo Padre in vista del viaggio in Africa

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

LETTERA DI PAPA BENEDETTO XVI AI VESCOVI CATTOLICI SULLA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA DEI QUATTRO VESCOVI CONSACRATI DA MONS. LEFEBVRE: LO SPECIALE DEL BLOG

Il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni: la visita del Papa nella Sinagoga di Roma è un segno di rispetto e amicizia

Benedetto XVI, come confermato ieri dal direttore della Sala Stampa padre Federico Lombardi, visiterà in autunno la Sinagoga di Roma. La visita era stata annunciata dal presidente della Comunità ebraica romana, Riccardo Pacifici, intervenendo ad una trasmissione televisiva. Sul significato di questo evento si sofferma, al microfono di Amedeo Lomonaco, il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni:

R. – E’ un gesto importante che segna la volontà di continuare un approccio di rispetto e di amicizia, una volontà di costruire insieme e di camminare insieme, ciascuno tenendo conto delle diversità, di guardarci con simpatia.

D. – Ed è anche un altro passo importante sulla via del dialogo tra Chiesa e mondo ebraico che si aggiunge alla storica visita nel 1986 di Giovanni Paolo II nella Sinagoga di Roma...

R. – Quello fu un episodio epocale perchè chiaramente si è trattato di un evento che non accadeva da millenni… C’è un precedente di un Papa in una sinagoga romana, sicuramente almeno uno: io mi riferisco a Pietro. Il gesto di Giovanni Paolo II è stato un gesto storico e ha aperto una nuova era.

D. – Per quanto riguarda il prossimo futuro, qual è il vostro auspicio per il pellegrinaggio del Papa in Terra Santa, in programma a maggio?

R. – Anche in questa occasione la presenza del Papa significa attenzione, condivisione, rispetto, e volontà di partecipare ad un progetto di pace che deve essere condiviso.

D. – Il Congresso Mondiale Ebraico ha espresso nei confronti di Benedetto XVI grande apprezzamento per la lettera inviata ai vescovi sulla remissione della scomunica dei presuli consacrati da mons. Lefebvre. Come ha accolto questa lettera la comunità ebraica romana?

R. – E’ stata una lettera molto importante. Ci stupisce positivamente la sottolineatura sul fatto che siano stati proprio gli amici ebrei a comprendere le parole del Papa. Quindi, va letta come un gesto di attenzione nei nostri confronti.

D. – E questa attenzione a cosa può portare in concreto?

R. – Noi abbiamo tanti problemi nel confronto ebraico cristiano: problemi teologici, storici molto delicati che ci dividono. Alcuni ci dividono in maniera insormontabile perchè chiaramente le differenze ideologiche non possono essere colmate. Altri ci dividono dal punto di vista storico-emozionale. Però abbiamo anche impegni di testimonianza comune, possibilità di agire nella società con i valori che condividiamo. Se si toglie la parte conflittuale, ogni cosa che ne consegue può essere un grande frutto e un grande bene per tutti.

D. – Quindi possiamo dire che oggi questi ponti di dialogo sono più praticabili?

R. – Sì, in questi giorni molte delle nubi che si erano addensate non ci sono più. Prevale un clima di buona volontà che è molto importante.

© Copyright Radio Vaticana

2 commenti:

euge ha detto...

Ma pensa !!!!!!!! Guarda un pò che potere possono avere delle parole già pronunciate ma, riscritte con amore, forza, decisione e mitezza.

Di Segni....... Di Segni! Bah!

Fabio ha detto...

Non riesco a capire a quale gioco vuol giocare Di Segni.
Ho sempre il dubbio che continui a prendere in giro noi e il Santo Padre. Non mi pare molto coerente nelle sue affermazioni: prima attacca il Papa, poi lo elogia… Sarà sincero?