lunedì 23 febbraio 2009

Confusione e tempeste nella Chiesa: i timori del Papa (Bobbio)


Vedi anche:

Programma tv «blasfemo», Olmert chiede scusa al Vaticano. Notizia ignorata dai giornaloni...come mai?

Giuliano Ferrara torna sul caso Englaro: "Una commedia di bari e impostori con padre dolente"

Gli ortodossi plaudono ad una riconciliazione con i lefebvriani (Forum catholique, traduzione Messainlatino.it)

I problemi che Benedetto XVI si trova a risolvere sono vecchi di decenni. A lui il merito di avere voltato pagina su varie questioni (Di Giacomo...articolo da incorniciare!)

Il Papa: ogni discriminazione è un attentato all' umanità (La Rocca e Corriere)

Comunicazioni: mercoledì non si terrà l'udienza generale e a marzo ne è prevista solo una per il giorno 11. La Prefettura ne tenga conto!

Il cardinale di Manila nasconde il regolamento anti motu proprio Summorum Pontificum

Didier Sicard: I travestimenti contemporanei dell'eugenismo (Osservatore Romano)

Benedetto XVI chiede preghiere per compiere la sua missione (Zenit)

Segnalazione blog "Senza peli sulla lingua" di Padre Giovanni

Il Primato del Papa nella Costituzione Dogmatica sulla Chiesa, Lumen Gentium, del Concilio Vaticano II

Cari vescovi, avete visto Piazza San Pietro stamattina? E' la dimostrazione che l'appiattimento sui media non paga!

Il Vaticano apre un'indagine sugli stili di vita delle suore

Il Papa ai fedeli di lingua tedesca: "Chiediamo a San Pietro che, per la sua intercessione, la confusione e le tempeste non scuotano la Chiesa..." (traduzione in italiano)

Gesù che si china sull’umana debolezza e la festa della Cattedra di San Pietro: al centro della riflessione del Papa all’Angelus (Radio Vaticana)

Il Papa all'Angelus: "La Cattedra di Pietro simboleggia l’autorità del Vescovo di Roma, chiamato a svolgere un peculiare servizio nei confronti dell’intero Popolo di Dio. Subito dopo il martirio dei santi Pietro e Paolo, alla Chiesa di Roma venne infatti riconosciuto il ruolo primaziale in tutta la comunità cattolica...
Questo singolare e specifico ministero del Vescovo di Roma è stato ribadito dal Concilio Vaticano II..."
(Magistrale lezione sul PRIMATO che Cristo ha conferito a Pietro ed ai SUOI successori)

ANGELUS DEL SANTO PADRE: VIDEO DI BENEDICT XVI.TV

Benedetto XVI: Il ruolo del Papa è stato ribadito dal Concilio, pregate per me (Izzo)

Il Papa, la revoca della scomunica ai Lefebvriani ed il terrore dei cattoprogressisti

Benedetto XVI ricorda il primato del Pontefice per l'unità della Chiesa

Il Papa: aiutatemi a compiere il ministero di Pietro (AsiaNews)

Il Papa: Lo smarrimento e le tempeste non scuotano la Chiesa

"Paolo dice: "Voi divenite come belve, uno morde l’altro".
Accenna così alle polemiche che nascono dove la fede degenera in intellettualismo e l’umiltà viene sostituita dall’arroganza di essere migliori dell’altro"
(Lectio divina del Santo Padre presso il Seminario Romano Maggiore)

Il dialogo fra liberali e cattolici è vivo e ha bisogno di tutti i suoi protagonisti: Pertici risponde a Galli della Loggia

"Tarallucci e vino": il vescovo di Ratisbona fa pace con i teologi dissidenti

Lombardi: «Non tutto è attribuibile al Vaticano» (Bobbio)

"Bomba ecclesiastica" su Linz: le dimissioni di Wagner non sarebbero del tutto volontarie

Eccone un altro! Dichiarazione choc (ed inaccettabile) del vescovo tedesco Trelle: "Mi sento più vicino a qualunque luterano che ai lefebvriani"

I seguaci di Lefebvre e la paura della Tradizione (Mirko Testa)

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Confusione e tempeste nella Chiesa: i timori del Papa

nostro servizio

Alberto Bobbio

Città del Vaticano

Usa due parole assai forti, che connotano una preoccupazione. Benedetto XVI, nel giorno in cui la liturgia celebra la festa della Cattedra di San Pietro, simbolo dell'autorità e del primato del Pontefice, chiede l'intercessione dell'apostolo su cui Gesù ha fondato la Chiesa, perché essa non sia scossa dalla «confusione» e dalle «tempeste».
Lo dice in tedesco all'Angelus, e la scelta non appare casuale. In Germania e in Austria la Chiesa cattolica è percorsa da discussioni, a volte molto polemiche, dopo la revoca della scomunica ai quattro vescovi lefebvriani e dopo la contestata designazione ad ausiliare di Linz di un vescovo ultraconservatore. Eppure il Papa non è preoccupato del dibattito, ma della sua degenerazione.
Prima del riferimento alla confusione e alle tempeste infatti Benedetto XVI ha spiegato il significato del primato della Cattedra di Pietro e il ruolo delle Chiese particolari, così come è definito «Lumen et gentium».
Ratziger ha ricordato che se vi sono «legittimamente delle Chiese particolari che godono di proprie tradizioni», resta il primato del Papa, come «singolare e specifico ministero del vescovo di Roma, ribadito dal Concilio Vaticano II», il quale «presiede alla comunione universale nella carità, tutela le varietà legittime e insieme veglia affinché ciò che è particolare, non solo non nuoccia all'unità, ma piuttosto la serva».
Per capire la preoccupazione del Papa bisogna leggere insieme la riflessione proposta all'Angelus e le parole in tedesco nel saluto successivo.

Significa che il Papa non intende mettere il silenziatore ad alcun dibattito nelle Chiese locali, ma chiede solo che non si facciano confusioni e non si creino tempeste che possano scuotere la Chiesa.

È per questo motivo che, sempre in tedesco, ha aggiunto l'invito a restare «fedeli ad una fede genuina», a rimanere «nell'unità» e a vivere «nell'amore reciproco».

In Germania le polemiche sulla scelta di revocare la scomunica ai lefebvriani ha diviso, più che altrove, le comunità cristiane. E alcune volte il dibattito è degenerato in scontri tra vescovi, alimentati anche dalla stampa. In Germania la sensibilità è stata acuita dalle dichiarazioni del vescovo negazionista Williamson. Anche in Vaticano c'erano state polemiche, che tuttavia non hanno mai coinvolto il Papa.
Il cardinale Kasper aveva parlato di errori di gestione e una nota della Segreteria di Stato aveva confermato una certa leggerezza nella preparazione dei dossier sui vescovi lefebvriani, al punto da ammettere che il Papa non era stato informato delle posizioni di Williamson. Ma la polemica non si è placata.
In Austria è stato il caso del vescovo ausiliare di Linz monsignor Wagner a provocare la crisi. La vicenda è stata spiegata dal direttore della agenzia di stampa cattolica «Kathpress», Erich Leintenberger, in una nota ripresa in Italia dall'agenzia Sir, vicina alla Cei.
Su Wagner, un sacerdote conservatore che aveva criticato come «satanica» la saga di Henry Potter e aveva definito l'uragano Katrina un castigo di Dio, si sono riversate le proteste di molti vescovi e fedeli. Il cardinale di Vienna Schoenborn era volato a Roma dal Papa e pochi giorni dopo, al termine di una riunione straordinaria della Conferenza episcopale austriaca, aveva spiegato che sulla nomina di Wagner si è usata una «procedura abbreviata». In una lettera pastorale i vescovi austriaci avevano definito «fuori discussione» il fatto che il Papa può liberamente nominare i vescovi, ma avevano anche sottolineato che deve poter «disporre di elementi attendibili e verificati in modo completo, su cui basarsi».
Wagner ha deciso di rimettere la sua nomina nelle mani del Papa. Ma in Austria le critiche contro Roma non accennano a diminuire, così come sul versante dei conservatori si scende in campo contro la presunta Chiesa «progressista» al potere a Vienna.
Il Papa è preoccupato di queste lacerazioni e teme un disorientamento nella fede genuina della gente. E ieri ne ha parlato.

© Copyright Eco di Bergamo, 23 febbraio 2009

Apprezzo molto l'onesta' intellettuale di questo articolo di Bobbio ed aggiungo che la confusione nella fede dei semplici e la degenerazione delle polemiche non e' colpa del Papa e delle sue decisioni, ma dei vescovi e del fatto che non sono in grado di prendere e di sostenere una posizione religiosamente e mediaticamente scorretta.
I fedeli sono disorientati per questo comportamento, non per i tentativi del Papa di ricomporre l'unita della Chiesa Cattolica
.
R.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Raffa, ti consiglio la lettura del commento di Paolo Rodari alla lectio del Papa e al primo azzeccatissimo commento di un blogger che ne è seguito.
Alessia

Raffaella ha detto...

Alessia, sei una fonte preziosissima!
Corro :-)
R.

sam ha detto...

Sì l'articolo è bello, ma con rammarico mi rendo conto che probabilmente la verità vera è incompatibile con i moderni strumenti di comunicazione. Tutto viene riportato per semplificazioni strumentali e alla fine è un gatto che si morde la coda, perchè anche i commenti buoni rilanciano come assunti delle informazioni o false o distorte.
In questo caso: "...Wagner, un sacerdote conservatore che aveva criticato come «satanica» la saga di Henry Potter e aveva definito l'uragano Katrina un castigo di Dio".
Questa è una semplificazione errata, ma da cui il buon Wagner non si libererà più se non in cielo, l'unico posto dove ancora possiamo sperare di trovare la Verità tutta intera.

gianni ha detto...

EH sì! Non è la barca di Pietro che fa acqua (anche tra i marosi, sotto la guida di mani sapienti, se ne va diritta e solida), ma quelle navicelle senza nocchieri (vedi diocesi o, a scelta, alcune Conferenze Episcopali) che brancolano un po’ nel buio...
Ho sbagliato! I nocchieri ci sono! ma, spesso, si tratta di nocchieri che si interpretano come ammiragli o come novelli "Cristoforo Colombo" lanciati alla ricerca di nuove terre… talmente pieni di sé da rifiutare le sagge regole del mare e da permettere alle loro navicelle di lasciarsi portare un pò qui e un pò là dal vento.
Più che novelli “Colombi” a me sembrano "piccioni"! Comunque pericolosi!
Dov’è finita Isabella di Castiglia? Urgono nuovi nocchieri!!!!… altrimenti addio terra promessa…

Caterina63 ha detto...

Interessante l'articolo e ben fatto visto che l'Eco di Bergamo non è poi tanto "conservatore"....^___^

Non comprendo l'accusa a Wagner sulla questione di Herry Potter....lo stesso Ratzinger quando era Prefetto della CDF rispondendo alla scrittrice rispose senza mezzi termini che tali racconti NON erano edificanti per i bambini...Ratzinger non lo definì mai satanista Herry Potter ma poco c'è mancato è stato semplicemente più prudente, ma padre Amorth si, l'ha definoto satanista ^__^
e allora? ritiriamo la patente da esorcista a padre Amorth per aver detto LA VERITA'?

Quanto all'uragano quale castigo di Dio Wagner non ci è andato lontano..DIO PERMETTE che certe tragedie avvengano, sta all'uomo individuarne le motivazione oltre al fatto che essendo la Natura stessa NEL MONDO ed essendo soggetta al Peccato che contaminandola l'ha resa anche distruttiva, si formano così eventi NATURALI che per l'uomo sono mortali, devastanti...

Una volta l'uomo placava la Natura PREGANDO E FACENDO PROCESSIONI...leggiamo dal Vangelo l'episodio della tempesta, non comandò forse Cristo alla tempesta di placarsi? ^__^
Non chiesero forse i discepoli al Cristo di mandare un turbine di fuoco a distruggere coloro che volevano uccidere Gesù? Gesù li rimprovera, dice loro di NON chiedere queste cose, ergo avebbero potuto chiederlo..., e questo sottolinea anche il fatto che la Natura RISPONDE AI DISEGNI DI DIO che per noi sono spesso incomprensibili...

basta leggere Giobbe...^__^
cosa ci insegna Giobbe?
Se Dio volesse usare anche un uragano per dirci qualcosa, chi glielo potebbe impedire, una nuova cultura pacifista di questo tempo di INSENSATI?
^__^

Se davanti ad un Urugano non siamo più capaci di supplicare Dio perchè interrompa quella devastazione E CI SALVI, vuol dire che siamo messi male...

Wagner ha avuto solo la COLPA e l'irresponsabilità di mettere in guardia i fedeli da una falsa visione di Dio che non è in grado di governare le forze della Natura....perchè se Dio non c'entra nulla con l'aver PERMESSO tale danno, allora significa che la Natura stessa è sganciata da Dio e agisce come un dio...falsa allora è la Scrittura nella quale Gesù stesso ci rammenta che Egli placa le tempeste, guarisce dalle malattie, RESUSCITA I MORTI...

^__^

sam ha detto...

Agnello di Dio, che hai vinto nella tua dolorosa passione e morte il peccato, elemento disgregatore e apportatore di lutti e squilibri, e hai riconciliato l'umanità col Padre celeste nel tuo sangue, lasciaci la tua pace, portaci la pace.

Pacem in Terris,90
Giovanni XXIII