lunedì 23 febbraio 2009

Turbamenti e tempeste nella Chiesa: il commento di Fabio Zavattaro


Vedi anche:

Laicità in pericolo. Due cardinali accorrono in sua difesa (Magister)

Il Papa sceglie il nuovo arcivescovo di New York: è Timothy Dolan

Lectio mirabilis di Benedetto XVI: La libertà spiegata ai futuri preti e alla Chiesa (Rodari)

L’uomo oltre il corpo: il discorso del Papa alla Pontificia Accademia della vita (Doldi)

Confusione e tempeste nella Chiesa: i timori del Papa (Bobbio)

Programma tv «blasfemo», Olmert chiede scusa al Vaticano. Notizia ignorata dai giornaloni...come mai?

Giuliano Ferrara torna sul caso Englaro: "Una commedia di bari e impostori con padre dolente"

Gli ortodossi plaudono ad una riconciliazione con i lefebvriani (Forum catholique, traduzione Messainlatino.it)

I problemi che Benedetto XVI si trova a risolvere sono vecchi di decenni. A lui il merito di avere voltato pagina su varie questioni (Di Giacomo...articolo da incorniciare!)

Il Papa: ogni discriminazione è un attentato all' umanità (La Rocca e Corriere)

Comunicazioni: mercoledì non si terrà l'udienza generale e a marzo ne è prevista solo una per il giorno 11. La Prefettura ne tenga conto!

Il cardinale di Manila nasconde il regolamento anti motu proprio Summorum Pontificum

Didier Sicard: I travestimenti contemporanei dell'eugenismo (Osservatore Romano)

Benedetto XVI chiede preghiere per compiere la sua missione (Zenit)

Segnalazione blog "Senza peli sulla lingua" di Padre Giovanni

Il Primato del Papa nella Costituzione Dogmatica sulla Chiesa, Lumen Gentium, del Concilio Vaticano II

Cari vescovi, avete visto Piazza San Pietro stamattina? E' la dimostrazione che l'appiattimento sui media non paga!

Il Vaticano apre un'indagine sugli stili di vita delle suore

Il Papa ai fedeli di lingua tedesca: "Chiediamo a San Pietro che, per la sua intercessione, la confusione e le tempeste non scuotano la Chiesa..." (traduzione in italiano)

Gesù che si china sull’umana debolezza e la festa della Cattedra di San Pietro: al centro della riflessione del Papa all’Angelus (Radio Vaticana)

Il Papa all'Angelus: "La Cattedra di Pietro simboleggia l’autorità del Vescovo di Roma, chiamato a svolgere un peculiare servizio nei confronti dell’intero Popolo di Dio. Subito dopo il martirio dei santi Pietro e Paolo, alla Chiesa di Roma venne infatti riconosciuto il ruolo primaziale in tutta la comunità cattolica...
Questo singolare e specifico ministero del Vescovo di Roma è stato ribadito dal Concilio Vaticano II..."
(Magistrale lezione sul PRIMATO che Cristo ha conferito a Pietro ed ai SUOI successori)

ANGELUS DEL SANTO PADRE: VIDEO DI BENEDICT XVI.TV

Benedetto XVI: Il ruolo del Papa è stato ribadito dal Concilio, pregate per me (Izzo)

Il Papa, la revoca della scomunica ai Lefebvriani ed il terrore dei cattoprogressisti

Benedetto XVI ricorda il primato del Pontefice per l'unità della Chiesa

Il Papa: aiutatemi a compiere il ministero di Pietro (AsiaNews)

Il Papa: Lo smarrimento e le tempeste non scuotano la Chiesa

"Paolo dice: "Voi divenite come belve, uno morde l’altro".
Accenna così alle polemiche che nascono dove la fede degenera in intellettualismo e l’umiltà viene sostituita dall’arroganza di essere migliori dell’altro"
(Lectio divina del Santo Padre presso il Seminario Romano Maggiore)

Il dialogo fra liberali e cattolici è vivo e ha bisogno di tutti i suoi protagonisti: Pertici risponde a Galli della Loggia

"Tarallucci e vino": il vescovo di Ratisbona fa pace con i teologi dissidenti

Lombardi: «Non tutto è attribuibile al Vaticano» (Bobbio)

"Bomba ecclesiastica" su Linz: le dimissioni di Wagner non sarebbero del tutto volontarie

Eccone un altro! Dichiarazione choc (ed inaccettabile) del vescovo tedesco Trelle: "Mi sento più vicino a qualunque luterano che ai lefebvriani"

I seguaci di Lefebvre e la paura della Tradizione (Mirko Testa)

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

BENEDETTO XVI - Il passaggio necessario

Per entrare nella comunità cristiana

Fabio Zavattaro

L’episodio del paralitico perdonato e guarito, che Benedetto XVI commenta nelle parole che precedono l’Angelus di questa settima domenica del tempo ordinario, ci offre una lettura particolare dell’evento che il Papa stesso evidenzia e che si lega con il pensiero che occupa la seconda parte del discorso domenicale: il tema del primato di Pietro.
Cosa ci dice allora questo brano che ha al centro Gesù, la sua missione? Che c’è un luogo in cui Gesù è presente, probabilmente la casa di Pietro a Cafarnao; c’è una moltitudine di persone che si raduna davanti la porta; e c’è la Parola, Gesù che predica. Una comunità, dunque, nella quale ci si ritrova per ascoltare, per pregare e tante sono le persone che desiderano varcare quella soglia. Entrare per incontrare Gesù, per accogliere i suoi insegnamenti, la parola potente, autorevole, capace di cambiare l’uomo, di risanarlo non solo nel corpo malato ma anche nello spirito, rimettendogli i peccati. Dice il Papa: “La guarigione fisica è segno del risanamento spirituale che produce il suo perdono”.
Ricordate? Domenica 15 febbraio, aveva parlato della lebbra considerata non solo malattia ma anche la forma più grave di impurità, e l’aveva paragonata al peccato. In questa domenica sottolinea che “il peccato è una sorta di paralisi dello spirito da cui soltanto la potenza dell’amore misericordioso di Dio può liberarci, permettendoci di rialzarci e di riprendere il cammino sulla via del bene”.
Quella porta è il passaggio necessario per entrare nella comunità e ascoltare la parola. Si è chiamati – la fede è incontro con Cristo – come Gesù chiama il paralitico; ma questi, non potendo passare dalla porta è fatto calare dal tetto della casa, e, dunque, si è chiamati ma c’è anche una comunità che è solidale e sostiene, aiuta l’uomo immobilizzato, incapace di muoversi e di reagire, di tornare alla vita. È la fede della comunità che si fa carico delle sofferenze dell’altro e lo accompagna verso la Parola che salva. Solo l’amore di Dio libera. Ed è bella l’immagine legata alle parole rivolte al paralitico: “Ti sono perdonati i peccati” e “alzati, prendi la barella e va’ a casa tua. E il paralitico se ne andò guarito”.
Quel perdono dei peccati è talmente radicale che l’uomo può prendere la sua barella e compiere il viaggio verso casa con le proprie gambe. Parole che anticipano di qualche giorno l’inizio della Quaresima, il tempo liturgico che precede la Pasqua, tempo di perdono e di penitenza, di riscoperta della propria realtà di peccatori.
Papa Benedetto, come dicevamo, aggiunge un altro tema alla riflessione, e cioè la ricorrenza liturgica della Cattedra di Pietro, il mistero del successore del principe degli apostoli. Proprio la Cattedra “simboleggia l’autorità del vescovo di Roma, chiamato a svolgere un peculiare servizio nei confronti dell’intero popolo di Dio”. Singolare e specifico ministero, quello del vescovo di Roma, ribadito anche dal Concilio nella Costituzione dogmatica Lumen gentium: “Nella comunione ecclesiastica vi sono legittimamente delle Chiese particolari, che godono di proprie tradizioni, rimanendo integro il Primato della cattedra di Pietro, la quale presiede alla comunione universale della carità, tutela le varietà legittime, e insieme veglia affinché ciò che è particolare, non solo non nuoccia all’unità, ma piuttosto la serva”.
Nelle parole di Benedetto XVI c’è forse un implicito riferimento alle voci dissonanti che in questi ultimi tempi si sono levate all’interno di una parte della Chiesa.
Forse c’è anche chi, come ricordava venerdì 20 febbraio ai seminaristi romani “invece di inserirsi nella comunione con Cristo, nel Corpo di Cristo che è la Chiesa”, vuole essere “superiore all’altro e con arroganza intellettuale vuol far credere che lui sarebbe migliore. E così nascono le polemiche che sono distruttive, nasce una caricatura della Chiesa, che dovrebbe essere un’anima sola e un cuore solo”.
Turbamenti e tempeste non devono scuotere la Chiesa, afferma ancora il Papa parlando in lingua tedesca.
Il Papa chiede che turbamenti e tempeste non facciano venir meno la saldezza nella fede genuina, la fedeltà all’unità. “Nella discontinuità degli eventi esteriori, c’è una grande continuità dell’unità della Chiesa in tutti i tempi” aveva detto sempre ai seminaristi romani. Ed è proprio l’unità della Chiesa il punto sul quale il Papa insiste, ed è per questo che, sempre all’Angelus, chiede ai fedeli di accompagnarlo con la preghiera “perché possa adempiere fedelmente l’alto compito che la Provvidenza divina mi ha affidato quale successore dell’apostolo Pietro”.
Da cardinale Joseph Ratzinger scriveva che “il potere conferito da Cristo a Pietro e poi ai suoi successori è, in senso assoluto, un mandato per servire... Il Papa non è un sovrano assoluto, il cui pensare e volere sono legge.
Al contrario: il ministero del Papa è garanzia dell’obbedienza verso Cristo e verso la sua Parola. Egli non deve proclamare le proprie idee, bensì vincolare costantemente se stesso e la Chiesa all’obbedienza verso la Parola di Dio, di fronte a tutti i tentativi di adattamento e di annacquamento, come di fronte a ogni opportunismo”.

© Copyright Sir

3 commenti:

sam ha detto...

Splendido commento. Penso il migliore.

Caterina63 ha detto...

Ottimo davvero....
Mi chiedo chi, nelle Parrocchie, si prodiga a far conoscere la Catechesi del Papa e la Lectio dell'Angelus?
Quante catechiste/i siamo rimasti a fare questo servizio?

Coraggio...occorrono volontari
^__^

euge ha detto...

Purtroppo Caterina sono pochissimi coloro che si prodigano nelle parrocchie a far conoscere le parole del Papa e spiegarle! Io questo dramma lo vivo tutte le volte che mi capita di prendere la Messa nella mia parrocchia. Speravo che, con la venuta di Vallini qualcosa cambiasse e cambiasse anche l'ausiliare che è responsabile della mia zona ed invece per ora tutto è rimasto tristemente come è sempre stato.