martedì 10 febbraio 2009

Lefebvriani e card. Castrillón: la replica di padre Lombardi alle interpretazioni erronee all'intervista a “La Croix” (Zenit)


Vedi anche:

Vian su Eluana: «Le parole che più sono entrate nel cuore di tutti sono quelle del Papa, la sua delicatezza» (Vecchi)

Severgnini accusa il Papa di non scaldare i cuori (parli per se stesso!) ma i suoi lettori non sono d'accordo (Deo Gratias!)

Padre Lombardi: continuare a servire la vita in nome di Eluana (Radio Vaticana)

Intervista di “Der Spiegel” al vescovo Richard Williamson: “Non andrò ad Auschwitz” (traduzione integrale in italiano)

Card. Castrillón Hoyos: Rifiutiamo e piangiamo l'Olocausto nazista contro il popolo ebraico (spagnolo)

Famiglia Cristiana: Italia verso il baratro delle leggi razziali. Il ministro Maroni querela il settimanale

Eluana, non morta, ma uccisa. Adesso però vogliamo sapere tutto (Tarquinio)

Eluana, Padre Lombardi: tristezza, riflettiamo pacatamente

ELUANA E' MORTA

Lefebvriani, Williamson: mi hanno attaccato per colpire il Papa (Agi)

Williamson: E' evidente che i cattolici di sinistra non hanno ancora perdonato a Ratzinger il fatto di essere diventato Papa

Lefebvriani, una ventata d'aria pura, un vero esempio per tutti gli altri! I vescovi polacchi: "Dal Papa un atto di coraggio e carità pastorale"

Secondo il Crif il Papa avrebbe dovuto consultare gli ebrei sulla preghiera del Venerdì Santo, su Pio XII e sulla revoca della scomunica...e poi?

Chi in curia alimenta il fuoco mediatico contro il Papa? Risponde Damian Thompson

Stasera le comiche: Zollitsch (Germania) invita a manifestare solidarietà al Papa. Siamo alla commedia...

Eccone un altro: il card. Danneels (Belgio) si vergogna di essere vescovo come Williamson

Un rabbino in difesa di Benedetto XVI (Zenit)

Dai, diciamocelo! Ce lo diciamo? Almeno fra noi? Dai, sù! L'ufficio stampa dei Lefebvriani funziona alla grande :-)

Lefebvriani, la modernità e la strana alleanza tra atei e clerical-progressisti (Iannuzzi)

Mons. Fellay ha rimosso Mons. Williamson il 31 gennaio scorso: nota ufficiale

Finalmente anche le agenzie di stampa italiane si svegliano: Williamson rimosso. Che c'entra la Merkel?

La Nation: Mons. Williamson rimosso dal suo incarico. Lo ha reso noto Padre Bouchacourt, superiore dei Lefebvriani nell'America del Sud

LEFEBVRIANI: MONS. WILLIAMSON E' STATO RIMOSSO DAL SUO INCARICO

Appello di sostegno al Santo Padre da sito semiufficiale austro-tedesco

Eluana, Bertone telefona a Napolitano: non vogliamo interferire (Conte). Cossiga critica l'Osservatore Romano: "tiepido"

Giovedì 12 febbraio il Papa incontrerà gli ebrei Usa

La Nacion: al seminario di La Reja già si pensa al successore di Mons. Williamson. Forse Mons. de Galarreta?

Povera Chiesa...povera la mia Chiesa! Ma questa è ancora la mia Chiesa? Riflessione

Il portavoce dei Lefebvriani, Abbé Alain Lorans: "La posta in gioco è dottrinale"

ESPLOSIVO ARTICOLO DE "IL FOGLIO": ECCO I NOMI ED I COGNOMI DELLA FRONDA ANTI RATZINGER

Vescovo negazionista, un complotto contro il Papa: ricostruzione incontestabile di Tornielli. Un dossier circola nei Sacri Palazzi

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Su segnalazione di Alessia leggiamo:

Il portavoce vaticano riconosce la mediazione del Cardinale Castrillón

La replica di padre Lombardi alle interpretazioni erronee all'intervista a “La Croix”

CITTA' DEL VATICANO, lunedì, 9 febbraio 2009 (ZENIT.org).

Il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi S.I., ha riconosciuto l'opera di mediazione svolta dal Cardinale Darío Castrillón Hoyos che ha permesso la remissione della scomunica dei quattro Vescovi lefebvriani, un passo importante per il superamento dello scisma più recente nella Chiesa.

In un'intervista concessa a Néstor Pongutá Puerto per il quotidiano "El Colombiano", il direttore della Sala Stampa della Santa Sede ha detto che il presidente della Pontificia Commissione “Ecclesia Dei” non poteva essere a conoscenza di tutto ciò che pensano i tanti seguaci di monsignor Marcel Lefebvre, e che quindi non può essere accusato di ignorare quale fosse il pensiero del Vescovo Richard Williamson sulla Shoah.

Padre Lombardi ha voluto in questo modo ribattere alle interpretazioni date all'intervista da lui concessa al quotidiano parigino La Croix, secondo le quali avrebbe rimproverato il Cardinale Castrillón Hoyos per non aver informato il Papa sulle dichiarazioni negazioniste dell'Olocausto da parte del presule tradizionalista britannico residente in Argentina (cfr. ZENIT, 6 febbraio 2009).

Come spiega il portavoce, il Cardinale “conosce molto bene le posizioni del Superiore generale” della Fraternità Sacerdotale San Pio X, il Vescovo Bernard Fellay, “ma ciò non implica che debba conoscere o tener conto di tutte le idee e opinioni di ciascuno dei membri di questa comunità sulle varie situazioni”.

“Naturalmente tutti i negoziati sono stati portati avanti con il Superiore generale e non con gli altri Vescovi”, informa.

“Non era solo il Papa a non essere informato delle posizioni di Williamson riguardo alla Shoah. Monsignor Williamson, bisogna ricordare, è in genere in Argentina. E' comprensibile che lo stesso Cardinale Castrillón non ne fosse informato e men che meno dell'ultima intervista alla televisione svedese”.

Nelle sue dichiarazioni a La Croix, interpretate come un rimprovero al Cardinale, padre Lombardi ha affermato semplicemente che il Cardinale Castrillón è “la persona che conosce meglio la situazione con i lefebvriani”, anche se “questo non vuol dire che [...] dovesse conoscere chiaramente le posizioni negazioniste di Williamson sulla Shoah”.

“Noi continuiamo ad avere la massima fiducia e riconoscenza per lavoro difficile che il Cardinale ha svolto e sta svolgendo per tessere di nuovo questo rapporto molto delicato e per ricostruire l'unità della Chiesa, compito che realizza su incarico specifico del Papa”, riconosce padre Lombardi, confessando la sua ammirazione per il servizio alla Chiesa prestato dal porporato colombiano.

“Con il Santo Padre, il Cardinale Castrillón ha un rapporto di fiducia totale perché è uno dei suoi più stretti collaboratori. Questo tema delicato della riunificazione della Chiesa soprattutto con i gruppi tradizionalisti che si sono separati è una situazione che il Papa ha sentito molto profondamente, perché egli stesso lo ha vissuto in prima persona”.

Nel 1988, il Cardinale Joseph Ratzinger, da Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, ha portato avanti a nome di Giovanni Paolo II i negoziati finalizzati a promuovere la riconciliazione con la Fraternità fondata da monsignor Lefebvre, all'epoca ottuagenario.
I negoziati vennero in seguito interrotti dall'Arcivescovo Lefebvre che scelse di consacrate senza il mandato del Papa quattro Vescovi, che in questo modo incorsero nella scomunica.

© Copyright Zenit

Posso dirlo? Mah...andiamo bene!
R.

5 commenti:

sam ha detto...

Secondo me Raffella andiamo bene, nel senso che il Papa deve aver "tirato le orecchie" al Suo portavoce per aver cercato di scaricare tutta la responsabilità delle tensioni seguite alla revoca della scomunica su un Suo fedele (uno dei pochissimi) ministro.
A me ha colpito la saggezza e discrezione del Card.Hoyos, che non ha contrattaccato il prete gesuita alimentando ulteriormente lo scandalo delle divisioni interne, ma ha seguito la via corretta di "attendere" una sua "precisazione".

Raffaella ha detto...

Si', anche io vorrei elogiare il card. Hoyos.
Mi ha ricordato molto l'allora cardinale Ratzinger che, per il bene della Chiesa, taceva e prendeva gli schiaffi dei media al posto di altri.
Ricordo che prima del conclave la congregazione generale delibero' di prescrivere il silenzio ai porporati (in particolare tedeschi) molto loquaci con i giornalisti.
I media scrissero che era stato il cardinale Ratzinger a dare questo ordine in quanto decano.
Non era vero ma Joseph Ratzinger incasso' quella accusa ingiusta senza reagire.
Grandi uomini...grande fede!
R.

Anonimo ha detto...

Nel frattempo in Austria e Germania i media hanno trovato un altro compito già svolto. 31 su 35 preti decani della diocesi di Linz si dicono contrari alla nomina del vescovo ausiliario Wagner, peraltro accolta con gioia dal vescovo. Wagner era riuscito a riempire la sua chiesa parrocchiale ma aveva il difetto di essere incauto in qualche dichiarazione.Anche qui il card. Schonborn non pare molto reattivo e scarica tutto sul Papa. Eufemia
http://www.kath.net/detail.php?id=22085

Raffaella ha detto...

Certo che il card. Schonborn non ha imparato molto dal suo ex professore, il Papa, ma preferisce appiattirsi sul politicamente e mediaticamente corretto.
A questo punto c'e' da sperare che non scenda a Roma come qualcuno prospetta.
R.

Anonimo ha detto...

Schonborn, che nel 2005 si era autocandidato papabile, dopo essersi esposto per il Disegno Intelligente e venire attaccato ferocemente dal NyT, ha imparato bene la lezione, come il nostro Fini. Ha rilasciato un'intervista in cui afferma che bisogna sostenere il papa anche quando sbaglia (come sottintende sta facendo in questi tempi). E in Austria le cose si stanno mettendo male, anche l'abate di HeilingenKreuz, Donnersmarck, ha avanzato riserve su Wagner.Saluti, Eufemia