martedì 17 febbraio 2009

Padre Lombardi: il “caso Williamson” potrebbe avere conseguenze positive (Zenit)


Vedi anche:

“Benedetto XVI a maggio in Israele” (Grana)

Il rabbino Yehuda Levin: La "sinistra" del Cattolicesimo ha gravemente compromesso gli insegnamenti della Chiesa Cattolica (inglese)

Benedetto XVI chiede ai fedeli di pregare per il Sinodo dei vescovi per l’Africa. Attesa in Camerun e Angola per il viaggio del Papa a marzo (R.V.)

Mons. Fellay: "Il Papa non è solo. Tutti i veri Cattolici sono con lui". Dubbio: il libro intervista è una novità o è quello del 2007?

Mentre in Austria si "crocifigge" Wagner, in Canada un prete-rettore invita un'abortista a dare lezioni di "cultura cattolica"

Presentato il libro "Introspezione medievale. L'analisi dei vizi in san Tommaso d'Aquino". L'intervento del teologo della Casa Pontificia (O.R.)

Riscoprire il Sacramento del Perdono: il commento di un padre agostiniano scalzo, confessore in San Pietro, all'invito del Papa (Radio Vaticana)

Benedetto XVI in Israele. Fallita l’imboscata contro il Papa della riconciliazione coi tradizionalisti (Tempi)

La parola ai tradizionalisti. Un libro intervista al capo dei Lefebvriani spiega chi sono e che cosa pensano (Vietti)

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL CONGRESSO "LE NUOVE FRONTIERE DELLA GENETICA E IL RISCHIO DELL’EUGENETICA"

Giovani ultraortodossi ebrei sputano contro i Cristiani: nessuna condanna (Brunelli). Da leggere e meditare!

Gerhard Wagner: troppo conservatore per essere vescovo (Rodari)

La maggiore organizzazione del laicato cattolico tedesco chiede il monitoraggio delle scuole dei Lefebvriani in Germania

“UNA SCOMMESSA CHIAMATA CONCILIO” di Aldo Maria Valli (Speciale TG1)

Laicità e bene comune: idee non ideologie (Doldi)

Il testo integrale dell'intervista di Mons. Fellay a Le Nouvelliste (traduzione in italiano)

Convocato il Concistoro ordinario per dieci nuovi Santi (Radio Vaticana)

Vescovi austriaci in rivolta (???), via il vescovo ausiliare di Linz

Novena a sostegno del Santo Padre proposta dalla Fraternità di San Pietro

Mons. Fellay: "Chiarimenti urgenti con il Papa sul Concilio Vaticano II"

Incredibile comunicato finale dei vescovi austriaci

Il nunzio apostolico in Israele: il viaggio del Papa in Terra Santa? Decisione coraggiosa (Sir)

Meglio le esternazioni di Don Wagner (sapientemente gonfiate dai media) o l'autorizzazione di una "ultima cena" blasfema?

Il "caso" Wagner provoca mal di pancia in Austria (e in Vaticano). Il commento di Salvatore Izzo

Tornielli: qualcosa non funziona in una Chiesa in cui alcuni vescovi e cardinali contestano il Magistero e altri devono dimettersi per Harry Potter!

Don Wagner: "Da quando sono stato nominato ho sentito una resistenza espressa con modalità prive di amore e di misericordia..."

Sulla triste vicenda della revoca del vescovo eletto mons. Wagner ad ausiliare di Linz (Cantuale Antonianum). Da leggere e meditare!

La Legione è allo sbando. Tradita dal suo fondatore (Magister). Solo l'intervento diretto di Benedetto XVI pose fine alla "carriera" di Maciel

I lupi contrattaccano: revocata la nomina del nuovo vescovo a Linz (Messainlatino.it)

Wagner rinuncia alla nomina di ausiliare di Linz. Durissimo colpo alla Chiesa Cattolica austriaca ormai comandata dai mass media

Il Papa ai pellegrini tedeschi: "Vi prego di sostenermi nel mio compito di Pastore"

Montecassino aspetta Benedetto XVI (Il Tempo)

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Padre Lombardi: il “caso Williamson” potrebbe avere conseguenze positive

Incontro a Madrid con i delegati per le comunicazioni delle Diocesi spagnole

di Inma Álvarez

MADRID, martedì, 17 febbraio 2009 (ZENIT.org).

Il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi S.I., ha spiegato questo lunedì a Madrid i dettagli comunicativi del “caso Williamson” di fronte ai delegati per le comunicazioni sociali delle Diocesi spagnole e ha sottolineato gli effetti positivi che lo sforzo di chiarificazione ha avuto per le relazioni con il mondo ebraico.
Padre Lombardi è intervenuto all'assemblea annuale della Commissione dei Mezzi di Comunicazione Sociale della Conferenza Episcopale (CEMCS) e ha dedicato parte della sua esposizione alla necessità di affrontare i momenti di crisi comunicativa nella Chiesa con “chiarezza” e “senza paura”.
Il portavoce vaticano ha ammesso che il momento di tensione dopo la pubblicazione del decreto di remissione della scomunica ai Vescovi “lefebvriani” da parte del Papa il 24 gennaio scorso è stato dovuto a una “drammatica coincidenza” con la conoscenza in quei giorni delle dichiarazioni del Vescovo Richard Williamson.
Tale coincidenza, ha spiegato padre Lombardi, “ha creato una situazione di confusione e tensione molto grande, visto che in teoria erano due questioni distinte”. Alla situazione ha contribuito “la mancanza di conoscenza da parte del pubblico di ciò che è una scomunica e di cosa implica la sua remissione”.
“Il problema era spiegare da un lato che questo decreto si riferiva alla scomunica di vent'anni fa, e che si trattava di cercare di recuperare il rapporto con un gruppo, non con persone concrete”.
“Dall'altro lato si trattava di spiegare che, purtroppo, una di queste persone aveva detto cose inaccettabili e quindi gettava un'ombra molto grave sul fatto stesso di cercare di creare questo dialogo”.
Il punto fondamentale della comunicazione di quei giorni, ha osservato il portavoce vaticano, è stato “spiegare l'intenzione del Papa nel compiere questo gesto, che non presupponeva affatto il rifiuto del Concilio Vaticano II, ma l'eliminazione di un ostacolo per ricostruire una comunione nella Chiesa che è importante”.
Lo spirito che ha mosso il Papa, ha constatato, è molto ben riflesso nella lettera che accompagna il Motu Proprio Summorum Pontificum, sulla Messa tridentina: “fare tutto il possibile, e in coscienza si sente in dovere di farlo, per rimediare a una situazione di rottura che corre il rischio di cristallizzarsi e durare, creando una comunità scismatica”.
Sull'ipotesi che fosse necessaria una maggiore conoscenza degli atteggiamenti personali dei Vescovi scomunicati, padre Lombardi ha spiegato che chi ha gestito i contatti con la Fraternità San Pio X “aveva trattato con il Vescovo Fellay, capo della comunità”, e non direttamente con questo Vescovo, che risiede in Argentina.
“Ci sono stati errori e problemi di comunicazione”, ha ammesso, ma “certamente il Papa non era al corrente della posizione di Williamson”.

Effetti positivi

Lo sforzo della Santa Sede per chiarire la questione ha avuto “effetti positivi” sia nel rapporto con il mondo ebraico che nell'avvio del dialogo con la Fraternità San Pio X, ha spiegato Lombardi.
Il portavoce si è poi riferito alla visita di rappresentanti ebraici nordamericani al Papa giovedì 12 febbraio e alle proprie impressioni parlando con loro della questione.
“Ho parlato con loro e soprattutto con il rabbino Rosen, che è la guida della delegazione ebraica che partecipa al dialogo interreligioso con il Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani”, ha spiegato.
“Non solo avevano compreso che l'atteggiamento del Papa era sempre stato completamente negativo nei confronti delle negazioni dell'Olocausto”, ma questo turbamento ha confermato loro “la sua cordialità e il suo affetto personale per il popolo ebraico”.
Questa occasione, ha aggiunto, “può anche presupporre un nuovo passo avanti tra l'ebraismo e il cristianesimo, se viene vissuta positivamente”.
Padre Lombardi ha compiuto un'analogia con il caso del discorso del Papa a Ratisbona, che ha creato una situazione di tensione con il mondo islamico.
“A causa di quella crisi ha preso il via una serie di contatti nuovi e di approfondimenti con le varie istanze del mondo musulmano, e ora siamo molto più avanti, credo, rispetto a prima di Ratisbona”, ha affermato.
Questa crisi ha anche aiutato a preparare il dialogo con i lefebvriani, perché “le condizioni di un dialogo, di un cammino e la loro chiarificazione interna sulle proprie posizioni sono ora molto più esigenti”.

[Traduzione dallo spagnolo di Roberta Sciamplicotti]

© Copyright Zenit

Mah...!!!
Bah...a chi spetta spiegare i documenti e le intenzioni del Santo Padre? Dobbiamo sempre creare dei "casi" per poi spiegarci?
Prevenire e' meglio che curare, dice il saggio...

R.

8 commenti:

mariateresa ha detto...

C'è una mia collega che è talmente calma che l'abbiamo soprannominata Valium.
Questa intervista di padre Lombardi mi rammenta il soprannome.
Con tutto quello che è successo il sant'uomo insiste con i suoi viaggi mentali che si possono sintetizzare "se mio nonno aveva le ruote era un tranvai".
E' andata diversamente, sveglia, si ha l'impressione ce si continui cullando speranze, evocando auspici, distribuendo sorrisi .
Se dal male a volte viene fuori del bene penso dipenda di più dallo Spirito Santo che assiste il Pontefice che dalla Sala Stampa vaticana. E certo l'aiuto non gli viene dalla Curia.
Ma è così difficile capire che occorrono attributi di incredibile diametro nell'attuale situazione?

Raffaella ha detto...

Da me si dice la stessa cosa ma il nonno diventa una carriola :-)
R.

Anonimo ha detto...

Il mio lato materno torinese recita: se mio nonno avesse le ruote sarebbe una bicicletta.
A proposito del Summorum Pontificum leggeteci cosa scrive Damian Thompson dell'ultima uscita del pensionando O'Connor:
Cardinal invokes Canon Law to stop Archbishop Burke celebrating Latin Mass at Westminster.
http://blogs.telegraph.co.uk/damian_thompson
Alessia

Anonimo ha detto...

nella nomina di lombardi il papa non c'entra proprio nulla?

gianni ha detto...

C'entra, c'entra........
Non capisco perchè non intervenga!

Gli dispiace perchè ha davvero troppa attenzione alle persone anche quando è evidente che queste non sono all'altezza? Non trova nessun altro che sia migliore? Non gli va di cambiare perchè implicitamente riconoscerebbe di aver sbagliato?
Ha troppa paura, cambiando, di sbagliare di nuovo? o di essere "tradito" da qualcuno?
Ma non c'è proprio nessuno di cui si fidi?????????? Non ha proprio nessuno che lo aiuti a scegliere!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Il Papa è un uomo che sa attendere. E un uomo forte e non voglie fare una ferrita a Padre Lombardi. Lasciamo passare il tempo e il Papa troverra una opportunità di scelgiere una personna piu espertà. Ma il Pape è il suo proprio portavoce. E lo fa molto bene perche riesce a finalmente vincere la battaglià a lungo termine. Dunque ci voglie un uomo accanto a lui, un Navarro bis, per appogiarlo, per dare a mangiare ai luppi della stampa e protegere il Papa, avando una squadra per dare consigli di comunicazione. Preghiamo a questa intenzione. Non è un Papa sportivo, ma ha la forza di uno che fa un "marathon". E anche isolato, perche è un gennio. E vero, mancano personne acanto a lui per avere una vera squadra. Dopo Giovanni Paolo secondo, c'erà Ratzinger. Ma dopo Benedetto, chi sono i grandi cardinali ?? Vedo Schönborn, e poi ??

Raffaella ha detto...

Schönborn?
Non direi proprio!
Aveva qualche "punto" al suo attivo ma solo per il fatto di essere stato studente del professor Ratzinger.
Ora ha perso tutte le quotazioni, almeno dal mio punto di vista.
R.

Richard II ha detto...

Una fonte lefebvriana suggerisce: Williamson cacciato se non ritratta entro fine febbraio:

http://www.kath.net/detail.php?id=22144

(in tedesco)