domenica 8 febbraio 2009

Williamson: «Ritratterò solo di fronte a nuove prove» (Cremonesi). Viaggio del Papa in Israele? Mah...


Vedi anche:

Il Papa: «La vita va difesa anche nel mistero della sofferenza» (Bobbio)

Più segnali positivi dai Lefebvriani

I vescovi tedeschi chiedono al Papa di "riscomunicare" Williamson. Wao...ecco la soluzione di tutto!

Appello di sostegno al Santo Padre da sito semiufficiale austro-tedesco

"Quanta sporcizia c’è nella Chiesa, e proprio anche tra coloro che, nel sacerdozio, dovrebbero appartenere completamente a Lui!" (Via Crucis 2005)

Povera Chiesa...povera la mia Chiesa! Ma questa è ancora la mia Chiesa? Riflessione

Il portavoce dei Lefebvriani, Abbé Alain Lorans: "La posta in gioco è dottrinale"

La questione Williamson potrà avere anche effetti positivi?

Williamson: “Se scopro che avevo torto, chiederò scusa”. La TV svedese avvertita in anticipo (traduzione)

ESPLOSIVO ARTICOLO DE "IL FOGLIO": ECCO I NOMI ED I COGNOMI DELLA FRONDA ANTI RATZINGER

Gli avvocati di Williamson avevano chiesto alla tv svedese di non mandare in onda l'intervista sulle camere a gas ma l'emittente è andata avanti...

Padre Gemmingen (Radio Vaticana tedesca) getta la maschera: "In atto ondata di abbandoni Chiesa". La Santa Sede reagisca!

Germania a nudo! Non è affatto vero che la maggioranza dei Tedeschi è schierata contro il Papa. Leggere per credere...

Il Papa: "La vita umana è bella e va vissuta in pienezza anche quando è debole ed avvolta dal mistero della sofferenza" (Messaggio per la Giornata del malato)

Attenzione al trappolone mediatico: l'eventuale ordinazione di sacerdoti da parte di Mons. Fellay non inciderà sulla revoca della scomunica

Vescovi che si sentono signorotti feudali: il cardinale di Manila vieta di fatto l'applicazione del motu proprio "Summorum Pontificum"

Il cardinale Castrillón Hoyos nell'occhio del ciclone: duro intervento di Rorate Caeli sull'intervista di Lombardi a "La Croix" (traduzione italiana)

I lefebvriani espellono il prete che nega l’Olocausto (Tornielli)

A che gioco sta giocando il gesuita E. von Gemmingen, responsabile della sezione tedesca della Radio Vaticana?

Una preghiera per Eluana...quella tosse squassa le prime coscienze

Traduzione in italiano dell'intervista di La Croix a Padre Lombardi

A proposito di Eluana e di Igor (di Don Francesco)

Appello dei Cattolici tedeschi a sostenere il Papa

La drammatica invocazione del Papa che chiede a noi fedeli ed ai PASTORI l'impegno a sostenere la sua delicata e gravosa missione

Forse è il caso di ricordare ai cardinali il significato della loro veste color porpora...

Vescovo negazionista, un complotto contro il Papa: ricostruzione incontestabile di Tornielli. Un dossier circola nei Sacri Palazzi

I problemi nascono perchè a Benedetto XVI manca un collaboratore: il "Ratzinger di Ratzinger"

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

Il vescovo lefebvriano insiste: Olocausto? Non intendo abiurare

Williamson: «Ritratterò solo di fronte a nuove prove»

Il Papa incontrerà presto le organizzazioni ebraiche Usa

Lorenzo Cremonesi

ROMA — Santa Sede e Israele almeno su di un punto sono d'accordo: lavorare al meglio per mantenere valida la visita del Papa in Terra Santa tra l'11 e il 15 maggio superando le ipotesi di un possibile rinvio a dopo l'estate. «Nonostante i problemi sorti negli ultimi giorni sulla questione dell'Olocausto e le tensioni generate con l'operazione militare a Gaza, resta chiaro l'impegno per garantire il viaggio del Papa in Israele. Anche nel momento più grave dei bombardamenti su Gaza i contatti per definire i dettagli tecnici sono continuati sulla falsariga degli impegni presi a dicembre. L'annuncio ufficiale della visita dovrebbe venire dalla sala stampa Vaticana tra fine febbraio e i primi di marzo», confermano le due diplomazie. Con un particolare: i diplomatici della Chiesa vorrebbero ritardare il più possibile l'annuncio nel timore che eventuali riprese dello scontro con Hamas costringano poi a rinviare la visita. «Il Papa non potrebbe essere a Gerusalemme mentre a Gaza scoppiano le bombe», commentano. Un impegno che viene comunque mantenuto anche dopo le ultimissime tempeste. Ancora ieri il vescovo lefebvriano Richard Williamson ha ribadito che non abiura le sue posizioni negazioniste. «Ritratterò il mio punto di vista sull'Olocausto solo se troverò nuove prove», ha dichiarato al giornale tedesco Der Spiegel riferendosi alle sue tesi circa l'«invenzione» delle camere a gas naziste.

C'è però una considerazione meno positiva che accomuna i due campi. Il pellegrinaggio di Benedetto XVI si svolgerà in un clima senz'altro migliore di quello di Paolo VI il 5 gennaio 1964, quando il Papa rimase solo undici ore nel Paese senza mai pronunciare la parola «Israele » e rifiutando di incontrare l'allora presidente Zalman Shazar. Pure, facilmente, sarà molto peggiore di quello di Papa Wojtyla nel Duemila. «Anche grazie alle sue qualità di gran comunicatore, la visita di Giovanni Paolo II fu un enorme successo. Gli israeliani si innamorarono di lui. Nessuno pensa ciò possa avvenire con il Pontefice tedesco. Wojtyla era l'apertura nello spirito del Concilio Vaticano II. L'attuale Papa è invece la chiusura, l'espressione più evidente della lettura conservatrice del Concilio», dicono al ministero degli Esteri di Gerusalemme e al quotidiano Yediot Aharonot. Lo stesso parere arriva, sebbene in toni più sfumati, anche dalla Santa Sede: «Non ci illudiamo di poter riscontrare lo stesso successo di nove anni fa. Questo sarà più un pellegrinaggio personale, una visita di basso profilo».

Il Papa dovrebbe volare prima ad Amman con Alitalia. Poi raggiungere Tel Aviv con la compagnia di bandiera giordana e infine tornare a Roma con El Al. Giovanni Paolo II raccolse ben oltre 100 mila persone sulle sponde del lago di Galilea. Oggi si pensa a un luogo più raccolto, magari a Nazaret, con meno di 60.000 posti a sedere. Allora le televisioni israeliane commossero il Paese con le immagini del Papa polacco in preghiera al Muro del Pianto. E piacque la sua preghiera sofferente allo Yad vaShem, il museo dell'Olocausto. Adesso si sta ancora negoziando come trattare questo capitolo, che negli ultimi tempi è diventato una vera mina vagante. «Resta del tutto controversa la questione della didascalia alla foto di Pio XII, che del tutto gratuitamente lo accusa per i silenzi durante l'Olocausto. Si cerca un compromesso. Magari Benedetto XVI si limiterà a pregare all'ingresso del Museo», dicono alla Santa Sede. Non aiuta la polemica che ancora accompagna i lavori della commissione bilaterale per l'applicazione dell' «Accordo Fondamentale» per l'avvio dei rapporti diplomatici del 1993. Il tema più controverso riguarda il regime fiscale. La Chiesa chiede l'esenzione totale, come ai tempi dell'Impero ottomano e del mandato britannico. Israele non ci sta.
Potrebbe invece aiutare l'udienza che il Papa avrà giovedì prossimo con i presidenti delle maggiori organizzazioni ebraiche americane. «Ciò contribuisce a facilitare il dialogo», ci dice monsignor Pietro Parolin, sottosegretario alla Segretaria di Stato. Anche Mordechai Lewy, ambasciatore israeliano presso la Santa Sede, ci tiene a sottolineare gli elementi positivi: «Un secolo fa il padre del movimento sionista, Theodor Herzl, fu invitato dal Papa a convertirsi al cristianesimo e a rinunciare all'idea di uno Stato ebraico. Oggi il Papa benedice Israele».

© Copyright Corriere della sera, 8 febbraio 2009 consultabile online anche qui.

Ma per favore! Ora per i media Wojtyla e' diventato l'interprete dello spirito del Concilio? Ma su'!
Da quando? Per tutto il suo Pontificato e' stato accusato di voler soffocare le aperture dei suoi due predecessori.
Ricordo alle anime belle che fu Giovanni Paolo II a promulgare l'indulto per la celebrazione della Messa tridentina che conservo' INTATTA la preghiera del Venerdi' Santo!
Dai, non prendiamoci in giro!
C'e' una insofferenza verso Benedetto XVI che si puo' spiegare solo con il pregiudizio o con altri intenti che tutti possiamo immaginare.
E non vale solo per i media...
Francamente di un viaggio del Papa in Israele non potrebbe importarmene di meno in questo momento.
Rifletta bene la Santa Sede prima di imbarcarsi in questa avventura e soprattutto esiga che la targa contro Pio XII sia tolta
.
R.

7 commenti:

euge ha detto...

per me il viaggio in Israele dovrebbe essere rimandato a data da destinarsi mi preoccupa già abbastanza quello in Africa! . Non credo che questo sia il clima giusto per un simile viaggio. E poi parliamoci chiaro di questi chi si fida? Cambiano opinione ogni cinque minuti. Questi continui confronti poi......... sono ormai diventati stomachevoli ed anche puerili. Si vede proprio da quello che scrivono che di Giovanni Paolo II questi non hanno capito un accidente; che per loro è, rimane e rimarrà nella storia il Papa dei bastoni roteanti.
Che delusione!

Anonimo ha detto...

I giornalisti sono sempre molto vipere con i numeri.
Benedetto ne fà ordinariamente più di GPII e nessuno dice niente,quando qualche volta succede il contrario(es.Brasile)allora tutti ad annunciare il clamoroso flop.
Qualche giorno fa ho visto le immagini di uno degli incontri di GPII a Loreto e a paragone con l'incontro di B16 nel 2007 c'erano 4 gatti.
Addirittura adesso ci si mette a discutere di flop preventivo.
Che amarezza....
Antonio

Anonimo ha detto...

Anche secondo me il Papa dovrebbe per lo meno ritardare questo viaggio che verrà considerato dai media come "di riparazione" e questo è oltraggioso. I paragoni con Papa Wojtyla sono strumentali e ipocriti, chiunque abbia un minimo di cervello, memoria e onestà se ne rende conto. Caspiterina, io ricordo cosa scrivevano di Wojtyla e di Montini prima. Cosa possiamo attenderci del resto da media anticattolici e massoni?
Alessia

euge ha detto...

Infatti, cara Alessia, tutto questo amore improvviso per GPII è cominciato dopo che il povero Pontefice era diventato inoffensivo per la sua malattia. Per quel poco che ricordo, anche lui subì attacchi violenti a parole intendo ma, sicuramente non violenti come quelli che riceve giornalmente Benedetto XVI. Ed ora viene usata la sua memoria per attaccare il Papa regnante; una cosa squallida da sciacalli. Credo che non faccia piacere a GPII vedere la sua memoria usata ed abusata per insultare, attaccare e sminuire la persona e l'operato del " suo amico fidato" come egli stesso più volte lo definì.

Syriacus ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Ma se queste sono le premesse cosa lo invitano a fare? Ma stiamo scherzando? Marco

sam ha detto...

All'udir queste cose, noi e quelli del luogo pregammo Paolo di non andare più a Gerusalemme. Ma Paolo rispose: «Perché fate così, continuando a piangere e a spezzarmi il cuore? Io sono pronto non soltanto a esser legato, ma a morire a Gerusalemme per il nome del Signore Gesù». E poiché non si lasciava persuadere, smettemmo di insistere dicendo: «Sia fatta la volontà del Signore!».
Atti 21,12-14