mercoledì 11 febbraio 2009

In via di ripresa i rapporti tra Vaticano e mondo ebraico (Zenit)


Vedi anche:

11 febbraio 1929-11 febbraio 2009: ottant'anni fa nasceva lo Stato della Città del Vaticano

SANTA MESSA CON I MALATI: DIRETTA IN CORSO

Il Papa potrebbe visitare il Portogallo "in un futuro prossimo"

Giornata Mondiale del Malato. Intervista col cardinale Barragán (Radio Vaticana)

Il Papa: fede, speranza e carità non sono virtù per eroi morali ma per ogni cristiano (Radio Vaticana)

Il Papa: "Fondamentale è la fede, perché tale virtù implica che io rinunci alla mia arroganza, al mio pensiero; alla pretesa di giudicare da solo, senza affidarmi ad altri" (Catechesi udienza generale)

Il Papa: "Le passioni non sono cattive in sé, lo diventano se se ne fa un uso cattivo" (Sir)

Il Papa e la "scalata" per arrivare alla "vera vita" (Sir)

Eccone un altro: l'arcivescovo di Salisburgo spiattella sui media la sua contrarietà alla revoca della scomunica ai Lefebvriani

La migliore risposta dei fedeli cattolici ai volgari attacchi contro il Papa: l'aula Nervi di stamattina!

Mons. Fellay: "Ho chiesto a Williamson di ritrattare quel nonsenso" (Der Spiegel)

Adornato: "Un festival della mediocrità, si salvano solo le suore misericordine" (Liberal)

Notizie interne dalla Fraternità San Pio X (Messainlatino)

Caso Englaro: i commenti di Marcello Pera e de "Il Giornale"

Vian: Credo che il caso Williamson obbligherà i tradizionalisti a fare i conti con l'antisemitismo (La Nation)

Mons. Bernard Fellay: "Williamson ritratti" (Agi)

Giovanni Maria Vian: Di fronte alla morte (Osservatore Romano)

Giovedì il rabbino David Rosen incontrerà il Papa

Giancarlo Loquenzi: "Su Eluana una sconfitta onorevole e una vittoria orfana". Oggi il laicismo trionfante sembra aver vergogna di se stesso

Lefebvriani e card. Castrillón: la replica di padre Lombardi alle interpretazioni erronee all'intervista a “La Croix” (Zenit)

Vian su Eluana: «Le parole che più sono entrate nel cuore di tutti sono quelle del Papa, la sua delicatezza» (Vecchi)

Severgnini accusa il Papa di non scaldare i cuori (parli per se stesso!) ma i suoi lettori non sono d'accordo (Deo Gratias!)

Intervista di “Der Spiegel” al vescovo Richard Williamson: “Non andrò ad Auschwitz” (traduzione integrale in italiano)

Card. Castrillón Hoyos: Rifiutiamo e piangiamo l'Olocausto nazista contro il popolo ebraico (spagnolo)

Famiglia Cristiana: Italia verso il baratro delle leggi razziali. Il ministro Maroni querela il settimanale

Williamson: E' evidente che i cattolici di sinistra non hanno ancora perdonato a Ratzinger il fatto di essere diventato Papa

Chi in curia alimenta il fuoco mediatico contro il Papa? Risponde Damian Thompson

Un rabbino in difesa di Benedetto XVI (Zenit)

Lefebvriani, la modernità e la strana alleanza tra atei e clerical-progressisti (Iannuzzi)

ESPLOSIVO ARTICOLO DE "IL FOGLIO": ECCO I NOMI ED I COGNOMI DELLA FRONDA ANTI RATZINGER

Vescovo negazionista, un complotto contro il Papa: ricostruzione incontestabile di Tornielli. Un dossier circola nei Sacri Palazzi

BENEDETTO XVI REVOCA LA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI: LO SPECIALE DEL BLOG

In via di ripresa i rapporti tra Vaticano e mondo ebraico

In corso in questi giorni in Vaticano una serie di incontri ad alto livello

CITTA' DEL VATICANO, mercoledì, 11 febbraio 2009 (ZENIT.org).

L'incrinatura nei rapporti tra Vaticano e mondo ebraico in seguito alla remissione della scomunica a un Vescovo che nega l'Olocausto potrebbe essere giunta al termine, secondo il World Jewish Congress.
L'organizzazione internazionale, che rappresenta 100 comunità ebraiche di tutto il mondo, ha avuto un colloquio lunedì a Roma con il Cardinale Walter Kasper, presidente della Commissione vaticana per le Relazioni Religiose con l'Ebraismo.

La delegazione ha visitato Roma per discutere la remissione della scomunica a quattro Vescovi della Fraternità San Pio X, tra cui il Vescovo Richard Williamson, che in un'intervista alla televisione svedese ha negato la morte di sei milioni di ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale.

I Vescovi, incluso il superiore generale della Fraternità, sono stati scomunicati nel 1988 dopo aver ricevuto l'ordinazione episcopale illecitamente da parte di monsignor Marcel Lefebvre, che li ha ordinati senza il mandato papale.
Ronald Lauder, presidente del World Jewish Congress, ha affermato che finora il Vaticano ha compiuto i primi passi necessari a rispondere alle preoccupazioni della comunità ebraica, ma che questi passi devono essere seguiti da azioni concrete.
Il Vescovo Williamson, britannico di 68 anni, è stato messo a tacere sulla questione dell'Olocausto e sollevato dai suoi doveri di direttore del seminario della Fraternità San Pio X in Argentina.
“Vogliamo che il Vaticano capisca che accogliendo antisemiti come Williamson i successi di quattro decenni di dialogo ebraico-cattolico dalla dichiarazione del 1965 Nostra Aetate verranno messi in discussione”, ha osservato. “Ora crediamo che il nostro messaggio sia stato compreso. Il dibattito controverso delle ultime tre settimane ha avuto un impatto positivo”.
Richard Prasquier, presidente dell'organizzazione ebraica francese CRIF, e Maram Stern, vicesegretario generale responsabile per il dialogo interreligioso del World Jewish Congress, hanno espresso il proprio ottimismo per il fatto che la situazione attuale possa presto avere fine e non danneggi le relazioni ebraico-cattoliche in futuro.
Riferendosi alle dichiarazioni del Vescovo Williamson alla televisione svedese, Prasquier ha affermato: “Ribadiamo fermamente che la negazione della Shoah non è un'opinione, ma un crimine”.
Lauder ha espresso l'auspicio che la visita di Benedetto XVI in Israele nei prossimi mesi si svolga come è stata programmata. “Attendiamo la visita del Papa in Terra Santa – ha affermato –. Sarà un'opportunità per riaffermare l'impegno del Vaticano nel dialogo con gli ebrei”.

© Copyright Zenit

La delegazione ebraica ha visitato Roma per discutere la remissione della scomunica a quattro Vescovi della Fraternità San Pio X?
Stiamo scherzando?

Mah...francamente piu' che un dialogo mi pare un monologo, comunque...
R.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Molta spocchia,non mi piace.
Più umiltà e fiducia negli altri!
Se dopo 40 anni di "dialogo" si è ancora tanto prevenuti allora forse non c'é stato un vero dialogo,ma solo parecchia ipocrisia di buoni sentimenti.
Avanti, si può dare di più!
Antonio

Paolo ha detto...

"che in un'intervista alla televisione svedese ha negato la morte di sei milioni di ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale".

Si può pensare ciò che si vuole del vescovo Williamson, ma che abbia affermato quanto l'agenzia Zenit dichiara nella citazione di cui sopra è semplicemente falso.

Gianpaolo1951 ha detto...

Se questi sono i presupposti…
Tanto vale lasciarli andare per la loro strada che è stata, ma non è più la nostra!!!...